Libri Fede & Cultura scontati del 40%

martedì 25 novembre 2014

Un grazie al Card. Bagnasco

A nome di tutti coloro che difendono i cosiddetti “valori non negoziabili”, cattolici o meno, sentiamo il dovere di ringraziare non solo il Card. Bagnasco per essere intervenuto ufficialmente in difesa dell’unica, vera famiglia, da lui definita: “cellula fondamentale della società umana, oggi maltrattata e disprezzata”, ma ringraziamo anche quei Cardinali coraggiosi, tra cui Burke, Muller, Caffarra, Pell e altri che, con i loro chiari interventi durante il Sinodo, hanno rinforzato quel

sabato 18 ottobre 2014

Uomo o bestia

Dopo che per anni i soliti poteri forti senz’anima sono riusciti a plagiare il nostro cervello a tal punto da spacciare per verità scientifica l’idiozia del gender che vuole mettere in dubbio la nostra vera identità maschile e femminile, anzi la nostra stessa umanità, declassandola a livello di istinto, peggio delle bestie, si è visto, per contro, una graduale e progressiva elevazione in grado di tutti gli animali, selvaggi o domestici, diventati ormai idoli intoccabili e riveriti, come le “vacche sacre”, anche quando aggrediscono l’uomo che conta meno delle bestie. Tanto che l’insensatezza umana li ha perfino elevati a “soggetto di diritto”, che di solito spetta solo agli esseri dotati di libertà e “coscienza di sé”, cioè all’uomo, se non altro perché i diritti vanno sempre accompagnati anche dai doveri!
E quali “diritti-doveri” possono mai avere le bestie, secondo gli animalisti-ecologisti fanatici che sbraitano al punto da condizionare perfino Sindaci e Giudici i quali hanno deciso di vietare perfino

sabato 11 ottobre 2014

Mutande e canottiera

La nuova moda femminile


Forse sarà solo l’arrivo dell’autunno con il primo freddo a metter fine a quella deplorevole esposizione di gambe, gambine, gambotte, cosciotte che le ragazze, e anche certe donne mature che si credono perenni ragazzine, amano esporre al pubblico girando per la città praticamente come se fossero in mutande e canottiera, perché è di moda far

lunedì 6 ottobre 2014

Sinodo: Collezione Famiglia


Clicca per info
Sinodo sulla famiglia. Tre volumi di tre grandi scrittori in difesa della famiglia in quest'epoca che calpesta la sua sacralità. Una collezione imperdibile di tre volumi scontati del 50%. Uno strumento indispensabile ai padri sinodali per orientarsi in mezzo alle eresie che giornali cardinali spacciano per Vangelo. Disponibili anche in Kindle in super-offerta!
Per avere questa collezione super-scontata in formato Kindle clicca i banner Amazon Kindle qui sotto. Sono scontati solo per la durata del Sinodo sulla Famiglia.

domenica 21 settembre 2014

Veggenti, apparizioni e marziani

Conchiglia della Santissima Trinità

In questi tempi di grandi insicurezze sul nostro futuro, recessioni, guerre in vista, disonestà, ateismo, ecc. sta proliferando il fenomeno dei “veggenti” o sedicenti tali, che affermano di ricevere dei messaggi direttamente da Gesù o dalla Madonna in merito alla situazione presente e futura dell’umanità, messaggi che molti accolgono come verità di fede indiscutibile! Non si può fare di ogni erba un fascio, ovviamente di questo intricato e difficile argomento, però ormai nel mondo cattolico è lecito dubitare di tutte le verità di fede: Risurrezione, peccato originale, Immacolata, Sacramenti ecc. tranne che nutrire dei dubbi sulle numerose apparizioni che

lunedì 15 settembre 2014

Raduno Triveneto Alpini a Verona

Lettera aperta

Ho notato molta perplessità nei veronesi sul fatto di esporre la bandiera tricolore in occasione del “Raduno Triveneto Alpini” nella nostra città, dal momento che, visto lo sfacelo in cui versa oggi l’Italia, non sono certo fieri di esporne la bandiera anzi, molti auspicano addirittura la nascita di una “Repubblica Veneta” indipendente dall’Italia.

E’ comprensibile questo atteggiamento di rifiuto o di diffidenza nei confronti di uno Stato che sembra ignorare, anzi seppellire i diritti dei propri cittadini, tuttavia è anche

Il caso di Mons. Luca Lorusso

Licenziato dal servizio diplomatico vaticano
E del confratello don Patrizio Poggi

Sono stata spinta a scrivere in merito a questo argomento perché, essendo ormai di pubblico dominio, avendolo io seguito personalmente da vicino come psico-pedagogista, e vedendo come è stato presentato in modo inesatto, se non addirittura falso, sulle testate di alcune riviste, anche on line, quali “Riscossa Cristiana” del 18 luglio, attraverso un certo Adriano Vigevani, ho sentito il dovere di intervenire per fare chiarezza e dare il mio piccolo

mercoledì 13 agosto 2014

La guerra e la regina delle vittorie

Mentre la guerra incalza da più luoghi, soprattutto quella islamica contro i cristiani, orrenda, spaventosa, così da pensare che certe efferatezze indescrivibili contro donne, uomini e bambini inermi non si possono compiere se non per intervento diretto del diavolo che prende possesso dell’uomo, per contro, abbiamo la grande consolazione della festa della “Madonna Assunta”, il 15 agosto, che ci invita a elevare lo sguardo dai flutti tempestosi di questa terra verso la nostra patria definitiva, il Cielo.  La Vergine Maria, Assunta anima e

venerdì 27 giugno 2014

In difesa di Papa Benedetto XVI

Mi è capitato più volte di leggere o sentire frasi allarmanti che ruotavano attorno a questo terribile e inquietante argomento: Papa Benedetto XVI più massone di tutti i massoni, sotto il suo falso buonismo, il cosiddetto “Papa nero” che detta leggi a tutta la massoneria ecclesiastica ecc. A queste miserabili insinuazioni non ho mai prestato attenzione perché le ho sempre ritenute false e pericolose, pur nella consapevolezza dell’esistenza di una massoneria ecclesiastica sempre più forte all’interno della Chiesa, purtroppo, di cui nessuno ormai fa più mistero, come lo stesso Benedetto XVI denunciò pubblicamente durante la Via Crucis del Venerdì Santo di anni addietro con quella frase che ci ha lasciato sconcertati: “Quanta sporcizia all’interno della Chiesa!”. E quale poteva essere questa sporcizia di cui preoccuparsi tanto, mi chiedevo, al di là dei nostri

martedì 20 maggio 2014

C'era una volta un Re

C'era una volta un Re

e Papa Francesco


In un lontano paese, c’era una volta un Re, vedovo, che aveva un’unica figlia che adorava, destinata a ereditare non solo l’ingente patrimonio, ma soprattutto le responsabilità di governo di un intero popolo. Avvenne che la figlia, Principessa, conobbe un bravo Principe e decisero di sposarsi, con grande gioia del Re che non vedeva l’ora di dare una discendenza al suo Casato. Giunse il giorno delle nozze preparate con una magnificenza indescrivibile tra il tripudio non solo della Corte e dei più alti dignitari e nobili

lunedì 28 aprile 2014

Il giorno dei quattro papi

Un cristiano cattolico non può che tripudiare di gioia davanti alla proclamazione della santità di chiunque venga messo sugli altari dall’autorità della Chiesa, a maggior ragione se si tratta di un Papa! Nel nostro caso, proprio oggi, domenica della Divina Misericordia, si è trattato non solo di tripudio ma di una sorta di vero trionfo della Chiesa in festa rappresentata da più di un milione di fedeli stretti attorno ai memorabili “quattro Papi”: due defunti proclamati Santi, e

Il ruolo della Chiesa nella società

Verona, Santa Pasqua 2014

Al Presidente della                                        e p.c.              Segretario Generale della CEI
Conferenza Episcopale Italiana                                            Mons. Nunzio Galantino
Card. Angelo Bagnasco                                                       Circonvallazione Aurelia, 50
Piazza Matteotti, 4                                                                00165 Roma
16123 Genova
                                                                                             Direttore dell’Ufficio Nazionale
                                                                                             Per la Pastorale della famiglia
                                                                                             Don Paolo Gentili
                                                                                             Via Aurelia, 468
                                                                                             00165 Roma


LETTERA APERTA:  UN RINGRAZIAMENTO PUBBLICO E UNA PETIZIONE
IL RUOLO DELLA CHIESA NELLA SOCIETA’

Sento il dovere di ringraziare la Conferenza Episcopale Italiana, nelle Vostre Ill.me Persone, per aver avuto il coraggio di bloccare il tentativo delle autorità civili italiane di pretendere che le Istituzioni ecclesiastiche si sostituiscano a quelle politiche nel combattere la pedofilia tra il Clero.
Infatti la denuncia pubblica dei preti colpevoli di questo reato da parte dei rispettivi Vescovi ai tribunali civili, denunce che hanno creato sofferenze, traumi, umiliazioni e defezioni a tutto il Clero mondiale, per la stragrande maggioranza innocente, perché compiute oltretutto in maniera plateale, ostentativa, da parte di una “Chiesa” che si è arresa e consegnata senza contraddittorio nelle mani della giustizia civile, è una pretesa luciferina che, grazie alla Vostra fermezza, è stata adesso bloccata, anche se in ritardo, purtroppo. Infatti, non solo esistono per tale scopo i tribunali ecclesiastici con la dovuta riservatezza per ciascun caso, onde evitare la gogna mediatica e lo scandalo pubblico

sabato 29 marzo 2014

Non toccate il Matrimonio!

I principi non negoziabili

“Non toccate il matrimonio di Cristo, e non benedite il divorzio, ma giudicate caso per caso. L’ipocrisia non è misericordia”. E’ il grido d’allarme che ha lanciato S. Em.za il Card. Caffarra, Vescovo di Bologna, assieme al Card. Muller, Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, in risposta alle affermazioni possibiliste rilasciate dal Card. Kasper, nominato da Papa Francesco “Segretario speciale del Sinodo sulla famiglia” che prevedono la massima apertura nei confronti dei divorziati, ai quali viene

martedì 11 marzo 2014

Non lasciamo sola la famiglia di Mario Palmaro!

Cari amici di Mario Palmaro e di Fede & Cultura,
la chiamata al Cielo di Mario ci ha lasciati tutti con un dolore e un vuoto profondo. La sua capacità di spiegare cose complesse nel campo bioetico con parole semplici, comprensibili anche ai non addetti ai lavori, il suo zelo per la Chiesa Cattolica e la sua purezza liturgica e dottrinale, la sua difesa intransigente della vita dal suo inizio naturale alla sua fine, sono un tesoro che non andrà perso.
Oggi Annamaria, moglie di Mario, casalinga e mamma dei loro quattro bambini Giacomo, Giuseppe, Giovanna e Benedetto, è sola a dover crescere una famiglia numerosa.
Sento mio personale dovere di solidarietà, come amico di Mario e come suo editore e presidente di Fede & Cultura, di farmi carico, nella misura delle mie possibilità, della famiglia alla quale Mario non può più provvedere economicamente. So che dal Cielo li assiste e fa il tifo per loro, ma so che tutta la comunità dei credenti e delle persone di buona volontà cui è cara la verità, ha ora il dovere di sostenere questa famiglia.
Credo che la cosa da fare sia non solo dare un contributo una tantum, ma di impegnarci per far crescere e studiare i figli di Mario e Annamaria con un contributo mensile. Se mille estimatori di Mario dessero due euro al mese, Annamaria avrebbe una base indispensabile per vivere.
Questo impegno deve essere continuativo almeno per i prossimi vent’anni, fino alla conclusione cioè degli studi dei bambini. È un impegno lungo ma molto piccolo, un dovere e un atto di carità nei confronti di un eroe della Fede e della sana Cultura. Chiedo a tutti di impegnarsi a dare quindi almeno 24 euro all’anno per i prossimi anni, con una disposizione presso la vostra banca o con una donazione di 480 euro (24 euro X20 anni).  Questa è una proposta, ma chi può dare di più sappia con certezza che Dio ricompensa donando sempre il centuplo. Se riusciamo in mille a fare questo piccolo grande atto di dovere e di carità avremo fatto una cosa grandiosa!  Se saremo di più - e lo spero - oltre al pane potremo dare anche il companatico a questi figli che ora sentiamo anche un po’ nostri.
La sottoscrizione sarà pubblica, in modo che sappiano di avere tanti amici con nome e cognome, ma non sarà indicata la cifra, in modo che sia solo il Buon Dio a rendere merito di questa carità. Nella causale di bonifico indicate “Per famiglia Palmaro” con il vostro nome e cognome. Lo stesso dicasi in caso usiate la carta di credito o paypal.
Tutte le donazioni per la famiglia Palmaro saranno interamente ed esclusivamente destinate al Fondo che si costituirà per questa finalità.
Qui di seguito le indicazioni operative.

Con bonifico bancario sul conto postale n. IT57V0760111700001013008808 intestato a Fede e Cultura Associazione con causale “Per famiglia Palmaro”
Con bollettino di conto corrente postale sul c/c 1013008808 intestato a Fede e Cultura Associazione con causale “Per famiglia Palmaro”
Con carta di credito o Paypal qui sotto o andando alla pagina

Grazie per quello che anche voi, insieme a noi, farete!

Giovanni Zenone
Presidente
Fede & Cultura

domenica 9 marzo 2014

In morte di Mario Palmaro

di Giovanni Zenone
Sono triste di annunciare che poco più di mezz'ora fa è andato in Cielo l'amico Mario Palmaro, autore, amico, cristiano esemplare, apologeta, militante per la vita e co-direttore, insieme all'amico Alessandro Gnocchi, della Collana di Fede & Cultura I libri del ritorno all'Ordine. Nella foto lo vedete con la sua bella famiglia che riceve il premio Fede & Cultura dalle mie mani e di Fabio Trevisan il 26 maggio 2013 in occasione del secondo Festival nazionale di Fede & Cultura a Verona. Siamo vicini nella preghiera alla moglie Annamaria e ai loro quattro bambini in questo momento di dolore e distacco, nella certezza della risurrezione e della Vita eterna che Dio concede a chi Lo serve fedelmente e senza rispetti umani come ha saputo fare Mario.
Cristo è risorto! La morte è vinta! Alleluja! 

lunedì 24 febbraio 2014

La dittatura ecclesiastica

chsdmltDa quando il card. Bergoglio è stato nominato Papa col nome di Francesco, sembra che il mondo cattolico stia inevitabilmente dividendosi tra coloro che gli fanno quadrato intorno, osannando la sua persona sullo stile del “santo subito”, e coloro che non nascondono la loro perplessità circa il suo comportamento o discorsi che seminano sconcerto rispetto alla chiarezza del Magistero perenne della Chiesa.  Ma ciò che più colpisce di tutto questo, non è tanto il diverso schieramento dei fedeli che, in qualche maniera, si è sempre verificato dopo la nomina di un nuovo Papa, bensì la durissima presa di posizione di certo mondo ecclesiastico contro coloro che “osano” manifestare pubblicamente il loro

martedì 28 gennaio 2014

L'enigma di Papa Francesco terza e ultima parte

Meglio agitarsi nel dubbio che riposare nell’errore (Manzoni).

Alcune persone impegnate nel mondo socio-politico, preoccupate di come sta andando tutto alla deriva, soprattutto l’economia, ritengono inutili queste “diatribe” sul Papa, sulla Chiesa e sulla fede perché il vero problema a loro avviso, è anzitutto “umano”, cioè quello di salvare l’Italia dal crollo economico e morale attraverso mirate e opportune strategie socio-politiche e non religiose! Certamente è di basilare importanza l’aspetto umano, con tutte le scienze

sabato 18 gennaio 2014

Il libro che denuncia la congiura della cosca gay

Clicca per acquistare in Kindle
Leggi fra meno di un minuto in Kindle il libro denuncia dell'operato della cosca gay che sta per far passare la legge per mettere in galera chi vuole difendere la famiglia. E poi i violenti siamo noi... Da Gianfranco Amato, presidente dei Giuristi per la vita.

Per acquistare in Kindle
Per acquistare in iBooks
Per acquistare in carta

martedì 7 gennaio 2014

L'enigma Papa Francesco - seconda parte

Meglio agitarsi nel dubbio che riposare nell’errore (Manzoni).

Premessa:   Le numerose congratulazioni e gli incoraggiamenti ricevuti a seguito della mia prima lettera su “L’enigma Papa Francesco”, per la chiarezza dell’esposizione e per il grande amore che traspare verso la figura del Papa e della Chiesa, mi hanno spinto a continuare la seconda parte con piena convinzione di fare una cosa buona, anzi doverosa. Più di una volta confesso di aver dovuto affrontare un dubbio che penso accomuni molti credenti come me che vorrebbero gridare “Viva il Papa” ma non possono, il dubbio