Libri Fede & Cultura scontati del 40%

giovedì 10 settembre 2015

L'Europa che ci rovina

Stiamo assistendo, pressochè impotenti e quasi inebetiti, a progressivi giri di vite attorno al nostro collo da parte di quei “sapientoni” dell’Unione europea, compiuti con tale abilità da farci credere che sia tutto per il nostro bene. Siccome di tanto in tanto ci offrono, bontà loro, anche qualche goccia d’acqua fresca per non farci morire all’improvviso di sete, ma semmai solo a forza di stenti, ci sentiamo anche in dovere di ringraziarli per questo loro “nobilissimo” gesto che ci permette di sopravvivere, perché meglio vivere da schiavi
dentro l’Unione, si sente continuamente dire, piuttosto che morire di fame fuori!  Come se fuori dell’Unione, fuori dell’euro, ci fossero solo tenebre e tempeste, quando invece stavamo tanto, tanto meglio di adesso.
La verità è che l’Europa ci sta portando inesorabilmente verso la rovina più totale e definitiva perché l’unico, vero scopo di coloro che hanno voluto a tutti i costi l’Unione e che nulla hanno da spartire con i veri fondatori, Adenauer, Schumann e De Gasperi, è solo uno, che si creda o no: la distruzione più completa di tutto ciò che sa di cristiano e di cultura cristiana per livellare tutte le Nazioni sotto l’egida del “Nuovo Ordine Mondiale”. Ovviamente non tutti i parlamentari sono pienamente consapevoli di questo, oppure, se lo sono, molti di essi cercano con la loro presenza attiva di rimediare il rimediabile prima che tutto finisca nelle mani dei pochi, veri artefici di tutto questo disastro i quali, a loro volta, sono asserviti al principe delle tenebre che detta loro il da farsi. Chi pensa che queste siano frasi idiote, legga il libro “L’eletta del dragone” ed. Segno. Ma guai a chi serve Satana! Lui non è grato verso chi lo serve, perché non sa amare, ma aspetta il momento migliore per sbranare innanzitutto i suoi servitori più fedeli dopo averli accecati con la sede di potere, denaro e sesso facendoli credere i padroni del mondo. 

Cosa abbiamo ottenuto in effetti dalla Unione Europea in questo quinquennio circa? Solo un ammontare di debiti, falsi ma spacciati per veri. Uscire dall’euro è la condizione indispensabile per riacquistare la nostra sovranità e autonomia, per lavorare di nuovo in patria e per la patria, senza più debiti, come molti studiosi affermano, tra cui i prof. Giacinto Auriti e Claudio Borghi Aquilini. 
Ci stanno portando via la casa comprata con mutui e sacrifici, a forza di tasse esorbitanti; 
hanno distrutto le nostre piccole e medie aziende, fiore all’occhiello della nostra industria e artigianato a forza di burocrazia, tasse e gravami inutili; 
stanno convogliando migliaia di africani, per lo più convinti musulmani, verso l’Italia e mentre tutte le altre Nazioni li rigettano, ce li stiamo “cuccando” tutti noi, con grandissime difficoltà e pericoli di ogni genere, non escluso sommosse e rivolte che preludono a una grande guerra.
stanno buttando al rogo, uno per uno, tutti i nostri migliori prodotti “made in Italy”, fiore all’occhiello dello nostra cosiddetta “eccellenza”, per sostituirli con autentiche schifezze: le arance succulenti di Sicilia con i coloranti dolci, il vino inebriante e gustoso con succhi melmosi di frutti riciclati; il cioccolato puro con surrogati aciduli e dannosi; senza dire dei molluschi di mare rifiutati per dei cavilli pretestuosi come pure mele, pere e albicocche ecc.; il buon latte fresco appena munto delle nostre mucche alpine sostituito con latte in polvere indegno di essere bevuto dalle bestie, ecc.  le quali bestie, mucche soprattutto, siccome non servono a nulla e inquinano con i loro escrementi, andrebbero eliminate o tenute sempre nelle stalle senza pascolare! Questa è l’ultima trovata degna di un manicomio criminale.

TUTTO TRANSGENICO: CIBI, UOMO, RAPPORTI… Tutto questo perché, in nome della genuinità e garanzia che ci impongono a suon di multe salate, in realtà essi vogliono l’avvento solo dei cibi transgenici che sostituiranno le nostre “eccellenze” a tavola, così come ci sono i bambini comprati in provetta che sostituiranno quelli venuti alla luce dal vero rapporto d’amore tra un uomo e una donna!  Come ci sono i falsi matrimoni che nulla hanno da spartire con l’unico, vero, tra un solo uomo e una sola donna. Ma il capolavoro più grande del diavolo è quello di averci fatto credere che siamo così onnipotenti da essere gli artefici perfino della nostra “persona” della nostra “identità” che può essere fatta, disfatta o rifatta a piacere! Stolti! Sei felice di essere ora uomo, ora donna, e viceversa? Più cane che uomo, più giraffa che donna?  Che idiozie! Anche perché il DNA non mentisce: o uomo o donna. E la cosa abominevole è che le vogliono insegnare ai bambini come il massimo delle scoperte quando è risaputo che creano angoscia, pazzie, suicidi e omicidi. 

IL VERO AMORE. Purtroppo non hanno tenuto conto di una sola cosa essenziale: l’amore! Quello non si compra, non si baratta, non lo si ottiene in qualunque maniera, neppure dal rapporto sessuale più strepitoso e singolare e fuori natura, omo, bis, plus, trans….  No! L’amore è un dono che Dio concede ai “puri di cuore”, cioè a coloro che vivono nella consapevolezza di essere creature di Dio, amate da Dio, pur con i loro difetti. E siccome Dio è amore, anche l’uomo partecipa di questo amore e di questa felicità solo se vuole, se è consapevole di essere creatura, che non significa schiavitù ma partecipazione alla Vita divina di Dio come figlio, perciò erede del Paradiso e della felicità eterna quando tutti ci presenteremo davanti a Lui, nel Giudizio dopo la morte.

E se qualcuno, soprattutto nell’età dell’adolescenza, passa per momenti di inquietudine, di incertezza sulla sua identità, ecc. la strada per aiutarlo è una sola, dicono tutti gli esperti: FARGLI AMARE QUELLO CHE LUI E’ IN NATURA, QUELLO CHE IL SUO CORPO PRESENTA CHIARAMENTE SIN DALLA NASCITA, I SUOI ORMONI, LA SUA PSICHE… senza illuderlo che a forza di pericolose forzature anche ormonali che deturpano il corpo, troverà sé stesso, perché sarà invece solo la strada della disperazione, della follia senza più ritorno. Un po’ alla volta uscirà da questo periodo di conflitto, più libero, e ritroverà la bellezza di sentirsi pienamente uomo, o pienamente donna, con quelle particolari conformazioni meravigliose che caratterizzano i due sessi, maschile e femminile: diversi ma complementari l’uno all’altro, come Dio ha voluto dall’eternità.

E LA CHIESA IN TUTTO QUESTO? Purtroppo assistiamo sempre più allibiti e sconcertati, ma ormai anche abituati, al silenzio più totale da parte delle nostre autorità ecclesiastiche, tranne casi eccezionali. Ed è inutile che ciascuno tiri per la manica Papa Bergoglio dove a lui fa più comodo! Ci sono bravissime persone che si battono per la famiglia naturale, contro gender, matrimoni e adozioni gay ecc. ecc. che continuano a citare alcune frasi di Bergoglio per avere la conferma del loro operato, e maggior credito, essi pensano, davanti all’opinione pubblica. Allo stesso modo i gay, trans ecc. citano altre frasi di Bergoglio che, secondo loro, avvallano la loro forma di vita…  
Sta di fatto che se c’è un personaggio ambiguo nel mondo ecclesiastico, io l’ho sempre affermato e lo dirò con sempre più forza e sicurezza, è questo Vescovo di Roma che si chiama Bergoglio, spuntato alla ribalta della mondanità dopo che hanno costretto il vero Papa Benedetto a dimettersi con dei ricatti che presto conosceremo. E che Bergoglio non è il vero Papa lui lo sa pienamente, tanto che spesso si definisce solo Vescovo di Roma e taglia corto su tutto il resto, però sta volutamente al gioco consapevole che se la vedrà anche lui con Dio!
Sta di fatto che c’è molta confusione, la gente sta perdendo la fede, ci sono deviazioni pericolose, eresie, peccati gravi e infedeltà anche tra il Clero, persecuzioni, truffe e inganni, la gente non sa più a chi appellarsi, si trova allo sbaraglio, sprovvista di tutto, in preda al panico, a una incertezza sul proprio futuro che avanza al galoppo e che getta nella disperazione.  
Almeno una volta c’era la voce ferma e sicura del Papa, dei propri Pastori che rassicuravano le anime, le spronavano a vivere la fedeltà anche nella prova, nella guerra ecc. che organizzano veglie di preghiera, processioni, rosari… ma adesso chi abbiamo?  Un falso Papa che parla di ecologia, assecondando il volere della massoneria ecclesiastica, che incentiva ideologie vecchie e superate e che mai accenna al fatto che questa vita è precaria, provvisoria, che ci aspetta la Vita Eterna e che questi pochi anni che Dio ci ha concesso di vivere servono solo come moneta per comperarci l’eternità, ma se li spendiamo male…. ci giochiamo l’anima per sempre!!

CHE FARE? Umanamente parlando, non abbiamo via di scampo: siamo circondati dall’Islam che minaccia seriamente l’Italia e l’Europa; senza dire della minaccia atomica e della massoneria che impone cose abominevoli. Peggio di tutto è la grave apostasia che si profila nella Chiesa cattolica con il prossimo Sinodo all’insegna della spaccatura dottrinale e morale più pericolosa. Cose gravissime che chiamano in causa direttamente nostro Signore Gesù Cristo che non tarderà a farsi sentire. Ma come? Con la sua misericordia o questa volta con la sua Giustizia? Non bisogna farsi prendere dal panico ma neppure vivere superficialmente come se tutto fosse normale! Non c’è nulla di normale, anzi c’è solo da supplicare il Signore Gesù perché abbia pietà di noi, della nostra poca fede, e venga presto a liberarci, a salvarci. Come?  Solo Lui lo sa. Certe profezie dicono con le maniere “dure e forti”  contro i suoi avversari. In tutti i casi, chi ha fede, non deve temere ma solo avere grande fiducia.

Durante questa calda estate, che potrebbe presentarsi anche all’insegna di disastrose trombe d’aria e altro, quasi a preludio dei castighi che si profilano all’orizzonte, abbiamo le nostre “armi vincenti”: la Messa, il Rosario e le opere buone. Preghiamo e offriamo a Dio le nostre pene e tribolazioni.  NON ABBIATE PAURA! IO HO VINTO IL MONDO, ci rassicura il nostro Gesù.

1 commento:

  1. Secondo me l'unica é andare tutti a Roma e uccidere tutti. Alcuni di noi moriranno e verranno ricordati per sempre. Prima uccideremo coloro che ci stanno schiavizzando e prima potremmo ricomciare a ricreare un' Italia in cui tutti possano sentirsi realmente liberi.

    RispondiElimina