Libri Fede & Cultura scontati del 40%

venerdì 24 febbraio 2017

Quando il pastore diventa un lupo

Riporto un brano di un articolo del "National Catholic Reporter" che riferisce di un'omelia tenuta nei giorni scorsi dal card. Burke in Kansas:

Clicca per info e acquisti
Il card. Burke ha detto che di fronte alla menzogna - anche da parte di gerarchie di alto rango - la risposta necessaria di "San Cirillo e di tutti i fedeli in ogni tempo e luogo" è quella di resistere.
Il card. Burke ha letto un sermone di più pagine, che si richiamava principalmente a citazioni da una fonte del 19° secolo: Dom Prosper Guéranger, benedettino francese e purista liturgico che ha restaurato la regola benedettina nella sua patria dopo che era stata spazzata via dalla Rivoluzione francese.
"Quando il pastore diventa un lupo, il primo dovere del gregge è quello di difendersi", ha detto Burke, citando Guéranger. "Il tradimento come quello di Nestorio è raro nella chiesa, ma può accadere che alcuni pastori mantengano il silenzio per un motivo o per l'altro in circostanze in cui è in gioco la religione stessa" (Dom Prosper Gueranger, L'anno liturgico volume secondo, pagina 354)
Nestorio, arcivescovo di Costantinopoli, rifiutava di usare il termine "Madre di Dio" in riferimento alla Vergine Maria. Nel 431, San Cirillo ha guidato il primo Concilio di
Efeso per condannare Nestorio come eretico e rimuoverlo con la forza dalla sua sede.
Burke ha dichiarato: "San Cirillo doveva avere l'onestà e il coraggio di combattere la falsità, anche se era stata propagata da un confratello vescovo sostenuto da altri vescovi e tollerato in silenzio da altri ancora".
"Siano rese grazie a Dio per la sua onestà e coraggio, che sono stati strumento per trasmetterci la verità e la fede che salva".
A conclusione della sua omelia, Burke ha proseguito con diverse preghiere, compresa la seguente:
"Preghiamo oggi per i nostri pastori, per il Santo Padre e per i vescovi, perché abbiano la saggezza e il coraggio di difendere la fede in ogni momento in modo che il gregge possa rimanere uno con Cristo e ottenere così la salvezza eterna".

Nessun commento:

Posta un commento