lunedì 13 giugno 2022

IL SIGNORE MANDA I SUOI ANGELI SUL NOSTRO CAMMINO


Sin dalla creazione del mondo, diciamo degli uomini in particolare, il Signore Dio si è servito degli Angeli fedeli per accompagnare, guidare e proteggere il cammino spesso tortuoso degli uomini sulla terra

 

Troviamo dal libro dell'Esodo (23,20-23) questa bella e chiara espressone “Ecco, io mando un angelo davanti a te per custodirti sul cammino e per farti entrare nel luogo che ho preparato. Abbi rispetto della sua presenza, da' ascolto alla sua voce e non ribellarti a lui; egli infatti non perdonerebbe la vostra trasgressione, perché il mio nome è in lui”, frase che è riportata nelle preghiere liturgiche del 2 ottobre, festa appunto degli Angeli Custodi,.

 

Sappiamo infatti come un Angelo inviato dal cielo, l’Arcangelo San Raffaele, abbia accompagnato in sembianze umane il giovane Tobia nel lungo e insidioso viaggio su indicazione del padre. Certi Santi, come Santa Gemma Galgani, avevano un rapporto diretto col loro Angelo Custode, tanto da affidare loro delle lettere o missive importanti, vista la mancanza del cellullare a quei tempi.

In occasioni di guerre decisive per l’umanità, come la battaglia di Lepanto (1571), contro l’avanzata delle orde ottomane, o quella di Vienna (1683) nelle quali si dava per scontato la vittoria, purtroppo, dei musulmani contro i cristiani, furono viste nel cielo intere schiere angeliche, come attestano le cronache del tempo, scendere a combattere in favore dei pochi e sparuti cristiani contro la ferocia bellica della controparte, esperti combattenti da sempre. E furono vinti e dispersi, almeno fino ai nostri giorni nei quali riappare questo pericolo sempre più forte e imminente davanti a noi, anche se adesso non lo si vuole vedere, perché, secondo il concetto della “fratellanza universale” dovremmo in teoria tutti abbracciarci e vivere in una utopistica pace in nome della quale dovremmo, secondo indicazioni ufficiali giunte dal Vaticano, seppellire i nostri principi, la nostra fede, la nostra cultura, la nostra identità cattolica forgiata dalla vita eroica e dal martirio di milioni di santi.  Ma la Madonna provvederà, non in modo indolore, a rimediare a questa stoltezza e cecità spirituale che ci attanaglia e ci impedisce di vedere e difendere la Verità, come ci ha invece raccomandato nostro Signore Gesù Cristo.

 

Tutto questo giro introduttivo per arrivare dove? Vi domanderete. Per arrivare a questo concetto: il Signore manda i suoi Angeli, e continua a mandarli anche ai nostri giorni, anzi sempre di più mano a mano che avanzano le tribolazioni, per indicarci la via non solo della salvezza del corpo, come in caso di guerra, ma soprattutto quella dell’anima, attraverso la via della santità, unica strada per raggiungere il Paradiso.  E questi Angeli il più delle volte non sono esseri angelici venuti dal cielo, come nel caso suindicato, ma si tratta di uomini, di persone in carne e ossa come ciascuno di noi, che hanno tribolato, che hanno lavato le loro vesti, per citare l’Apocalisse, nel sangue dell’agnello, vale a dire nel crogiolo della tribolazione eroica, vissuta per amore di nostro Signore Gesù Cristo con un martirio che non è sempre quello immediato, del corpo, della ghigliottina, del fucile, del circo dei leoni, ma quello fatto goccia a goccia, giorno dopo giorno, nella fedeltà ai propri doveri quotidiani, anche in presenza di malattie spesso pesanti e umilianti, incomprensioni, emarginazioni ecc. nell’eroico abbandono alla volontà di Dio e con l’ardente desiderio di vivere la propria fedeltà e missione che il Signore affida a ciascuno di noi, fino all’ultimo respiro. 

 

Questa in sintesi è la chiave di lettura che hanno dato i promotori della conferenza tenuta a Verona giovedì 9 giugno presentando la figura eroica del sacerdote diocesano in concetto di santità, don Ferdinando Rancan.  Questo compito di ricerca attraverso testimoni, scritti, eventi anche nascosti ma significativi lo sta svolgendo con ammirevole impegno da anni, in particolare dall’anno della sua dipartita al cielo, 10 gennaio 2017, il rev. prof. don Ermanno Tubini, confratello di don Ferdinando nel sacerdozio e nella spiritualità che li accomuna, che è quella dell’Opus Dei, pur essendo don Ferdinando un sacerdote diocesano e rimanendo tale, vale a dire alle dirette dipendenze del Vescovo della sua città, ma con la possibilità di attingere alle fonti della spiritualità e del carisma dell’Opus Dei come ha voluto il Fondatore, San Josemaria Escrivà de Balaguer.

 

Don Ferdinando Rancan è stato un vero Angelo mandato dal cielo, non solo per molti di noi che lo hanno frequentato e apprezzato come predicatore ma soprattutto come confessore e direttore di anime che si sentivano seguite nel cammino della santità come fossero perle uniche e preziose, ma siamo certi che ha sparso la sua ricchezza spirituale attraverso la grazia del sacerdozio anche a moltissimi altri che non lo hanno mai conosciuto, attraverso la cosiddetta “Comunione dei Santi”, e continua a farlo dal Cielo se lo invochiamo chiedendo anche il suo intervento per tante nostre necessità, piccole o grandi che siano.

 

Resta il fatto che ignorare o peggio ancora rifiutare la presenza di queste persone straordinarie che il Signore stesso ci invia, dopo averli ben forgiati con tribolazioni per saggiare la loro fedeltà e perseveranza, come faceva con gli antichi Profeti, rifiutare o ignorare questi nostri “Angeli incarnati”, diciamo così, per motivi umani spesso superficiali, derivanti più che altro da simpatie o antipatie umane, da rivalità ridicole e infondate perché i santi in cielo non sono invidiosi gli uni degli altri ma collaborano tutti insieme attivamente per la nostra salvezza, in vista dell’avvento del Regno di Dio… insomma questo atteggiamento fosse dovuto anche solo a ignoranza o superficialità, non è gradito agli occhi di Dio perchè è come rifiutare o snobbare, come si suol dire, i doni che Lui stesso ci offre, liberamente, scegliendo chi vuole per questo compito, come sempre è stato nella storia della Salvezza.

 

Pertanto, ringraziamo don Ermanno che con pazienza ammirevole e ricerche meticolose, sta mettendo in luce sempre di più questo aspetto della santità di un sacerdote diocesano veronese, magari uno dei tanti che ci sono stati e ci saranno, ma a lui, a don Ermanno, attraverso i suoi superiori, il Signore stesso ha dato il compito di far conoscere questo nostro confratello nella Fede, come si fa di prassi con tutti i candidati alla santità, e per questo motivo tutti noi abbiamo il nostro grado di responsabilità nell’accoglierlo, nel conoscerlo, nel diffonderne la conoscenza e soprattutto nel pregarlo per noi stessi, per la Chiesa, per l’Italia, come lui sempre chiedeva e per il mondo intero oggi così ottenebrato dalla presenza del maligno che presto si dovrà arrendere.

 

                                                                       Patrizia Stella

 

 

 

 

 

 

 

giovedì 12 maggio 2022

VITA E POESIE IN CONCERTO IN MEMORIA DI DON FERDINANDO RANCAN


Domenica 3 aprile 2022 presso il santuario Madonna di Lourdes di Verona, alla presenza di oltre un centinaio di persone, si è svolta una piacevole serata in memoria di don Ferdinando Rancan nel suo quinto anno di dipartita al cielo (2017 - 2022) e con l'auspicio che venga presto avviato l'iter per la sua causa di beatificazione, dopo che il postulatore, il rev. Prof. don Ermanno Tubini, ha raccolto molte testimonianze positive anzi edificanti, come vuole la prassi, di laici e sacerdoti che lo hanno conosciuto.

Si tratta di poesie o sfoghi dell’anima, scritte in un breve arco della sua giovinezza, dai 23 ai 27 anni circa, durante un difficilissimo se non traumatico periodo della sua vita di seminarista, quando venne respinta drasticamente e inspiegabilmente dal Vescovo la sua domanda di ordinazione sacerdotale a pochi mesi di distanza da quell'evento, superato poi con fede eroica.

La vicenda storica viene narrata a brani dagli attori nel contesto della rappresentazione, dove le poesie sono intercalate da intervalli musicali toccanti che rendono più dolci queste composizioni, spesso dure e tristi perchè intrise di grande dolore, tuttavia impregnate sempre di fiducia nel Signore e di abbandono alla Sua volontà.

Ci si può domandare: poesie in tempo di guerra e di calamità? Sembra quasi una contraddizione. Invece no! Perchè siamo convinti, anche dall'insegnamento dell'autore, che la pace non si ottiene col silenzio delle armi MA CON LA SANTITA'.

Sono i Santi, cioè la loro di vita di fede e di amore nel Signore Gesù che permette al mondo di "funzionare bene" diciamo così, e forse è per questo che stiamo tutti traballando fra paure, incertezze e vuoti angoscianti, proprio perché, sulla bilancia del bene e del male, al giorno d'oggi sono pochi i Santi in grado di guidare le sorti del mondo verso Dio.

Quei Santi che non sono tali per le loro gesta mirabolanti ma perché hanno incarnato e vissuto nella loro vita quotidiana l’amore e gli insegnamenti di Gesù, Comandamenti e Sacramenti in primis, e soprattutto le virtù umane spesso eroiche ma senza ostentazione, trasmettendole più con la loro coerenza di vita che con le loro parole, pure preziose, proprio come fece don Ferdinando. A tal punto da poter dire che

LA SANTITA' SALVERA' IL MONDO

Mentre ci scusiamo per aver dovuto tagliare alcuni commenti importanti, allo scopo di rendere il filmato più snello, compresi alcuni bellissimi brani musicali, auguriamo a tutti una piacevole visione-ascolto di circa un'oretta che possa servire da relax e da corroborante spirituale che aumenti la nostra fede nel Signore Gesù per poter superare con forza e ottimismo soprannaturale questo difficile periodo storico, nella certezza che presto si realizzeranno quelle parole pronunciate dalla Madonna a Fatima "Alla fine il mio Cuore Immacolato trionferà".

ATTORI

CRISTINA STELLA                         dell'"Estravagario teatro"

PIERLUIGI BIANCHI CAGLIESI     giornalista, redattore

ALESSIO RIGHETTI                       già attore, coreografo, regista.

                   attualmente Accolito presso il Santuario

PROF. DON ERMANNO TUBINI             Commento biografico

Duo musicale                              Marco Polazzo    Violino

              Chiara Mazzoni   Arpa

Tecnico per la registrazione        Francesco Nisi

 

Cliccate il link qui sotto e buona visione.

https://www.youtube.com/watch?v=ZZTwer0B-j8

 

 


martedì 26 aprile 2022

PASQUA E GUERRA. LETTERA APERTA AL CLERO E AI VESCOVI

                  LETTERA APERTA AL CLERO E AI VESCOVI

 

Abbiamo passato una Santa Pasqua con tutte le funzioni liturgiche regolari, grazie a Dio, perché temevamo il peggio noi cattolici, ma la prospettiva di guerra all’orizzonte non ci fa ben sperare.  E’ per questo che io sottoscritta, anche da parte di molti nostri concittadini e connazionali, mi permetto di chiedere a tutto il Clero molta prudenza, Vescovi in testa, nel credere alla nefasta e menzognera moda mainstream di denigrare e colpevolizzare sempre e solo la Russia in questo conflitto che non si sa quale piega drammatica possa prendere! 

Siamo in un momento storico difficilissimo e, al di là di torti o ragioni che ambo le parti in guerra possono avere, è davvero da incoscienti regalare armi all’Ucraina dichiarando così guerra ufficialmente contro un gigante come la Russia, tra il plauso e l’incoraggiamento del Clero che gioisce per questa manovra a dir poco luciferina e con effetto boomerang per tutta la popolazione.

 Cosa ci ha fatto di male a noi italiani la Russia che ha sempre acquistato prodotti per miliardi di euro dall’Italia, quei prodotti che adesso dovremo buttare al macero perché, credendo di penalizzare la Russia con le sanzioni, in realtà i veri penalizzati idioti e beffati siamo solo noi italiani che ci rimettiamo denaro in quantità con migliaia di aziende chiuse e disoccupati?

Mentre il governo stanzia per ogni ucraino che mette piede qui la bellezza di 850 euro al mese, come per i migranti clandestini, i nostri pensionati fanno la fame dopo una vita di duro lavoro!  Ma voi preti che trovate sempre alloggio assicurato e mensa imbandita a tutte le ore potrete mai capire questa situazione DRAMMATICA? Allora fate almeno il favore di state zitti e non prendete le parti di nessuno nelle vostre prediche. E invece pregate di più con veglie straordinarie, e invitate i fedeli a fare altrettanto, se ancora credete nel valore della preghiera.

 

Rifiutare quel gas che la Russia continuerebbe a darci allo stesso prezzo, mentre noi, da bravi furbi, per ripicca, siamo costretti ad acquistarlo dall’America lurida e infingarda che ce lo trasporterebbe a carissimo prezzo su navi cisterna come gas liquido che dovrà subire poi, a prezzi altissimi, la riduzione a gas gassoso!!!  Tutto per ripicca del nostro governo e della Unione europea massonica e assatanata che non si rendono conto che stanno sfidando un gigante, anzi DUE! Perché la Nato e l’Ucraina nazista non ci difenderanno assolutamente in caso di guerra, anzi ci considerano sin da adesso un ottimo boccone da dividersi dopo averci ammazzato come hanno fatto con i loro concittadini filorussi che si sono opposti a quel regime infame in questi otto anni di occupazione, dal 2014 fino al punto da costringere la Russia a intervenire per difendere i suoi confini da continui avanzamenti di missili puntati contro il suo territorio.

 

Sapendo oltretutto che il Vaticano ha tutto l’interesse nel vendere armi a chicchessia, amici o nemici non importa, pur di vendere, per il fatto che nella ditta per armi Beretta ha una partecipazione degli utili del tre percento. Bravo il cardinale Parolin a proclamare la pace universale con una mano e con l’altra a vendere armi al nemico. Quale esempio di coerenza.

Cercate su internet se non ci credete e documentatevi da fonti sicure e non dal telegiornale TV.

 

Rischiamo grosso tutti quanti se non la smettiamo di osteggiare la Russia che è la nostra benefattrice, se non altro perché non ha nessuna postazione militare in Italia e in nessun’altra parte del mondo, mentre sapete quante basi militari NATO/AMERICA ci sono solamente in Italia?  110.  Centodieci!  La più vicina a noi sta a Lughezzano in Lessinia e la più grande d’Europa a Vicenza, sotto il santuario di Monte Berico più o meno, in una profondità di ben sette piani da cui spunta un casermone enorme con terrazza grande per accogliere gli elicotteri. Speriamo che la Madonna impedisca una strage immane qualora l’altro gigante che è la Nato si svegliasse dal letargo e volesse prendere possesso dell’Italia dove risiede già da decenni!  Perché voi pensate che la Nato si prenderebbe a cuore la nostra incolumità e libertà? Figuriamoci! Ovunque la Nato si è insediata,  è stato per occupare, distruggere, sottomettere al suo comando.

 

       ILLUSTRI PRELATI CHE VIVETE NEL LIMBO ETEREO

  E NON SAPETE “QUANTO SA DI SALE LO PANE ALTRUI”

 

Quale vantaggio abbiamo nel continuare a mettere di mezzo gli italiani tra questi due giganti che possono schiacciarci con un solo dito del loro piede? Se non stiamo con la Russia che ha dichiarato di aver distrutto centinaia di laboratori di armi batteriologiche e virus in Ucraina sepolti sotto decine di metri da Mariupol e destinati alla distruzione dell’Europa, se non stiamo con la Russia che ha dichiarato e dimostrato di aver interrotto in Ucraina una vasta rete pedofila internazionale con la mercificazione di bambini attraverso l'abominevole uso dell'utero in affitto, se non stiamo con la Russia che dichiara pubblicamente di difendere i valori cristiani contro il Nuovo Ordine Mondiale che avanza, con chi stiamo? Con la controparte formata da illustri personaggi quali Obama, Biden, Soros, Bill Gates, Shwab, la Ursula tedesca, Rotchild, Rockfeller… e i potenti di questo mondo di tenebre del Nuovo Ordine Mondiale satanico? Che hanno come loro guida spirituale Bergoglio! Che se la sbrighino tra di loro finchè possiamo starne fuori.

Voi credete che la Nato ci voglia così bene da difenderci in caso di guerra??? Illusi e ingenui che siamo!!! Non ci difenderebbe affatto perché l’Italia ha sempre rappresentato un ottimo boccone per tutti da conquistare senza fatica, soprattutto adesso che è nel momento di maggior debolezza perché proprio il nostro ministro Draghi la sta consegnando al nemico su un vassoio d’argento! Porti prestigiosi che hanno dato lustro alla nostra patria, palazzi d’epoca, alberghi a 5 stelle, parchi immensi con flora e fauna, senza dire delle migliaia di aziende dai nomi più prestigiosi che sono passate tutte allo straniero senza che nessuno battesse ciglio. Vedremo che ne sarà delle nostre bellissime Chiese con annessi e connessi. Ma arrivare perfino a buttarci a capofitto in un conflitto mondiale è da criminali!

Riflettiamo almeno su quanto affermato da nostro Signore Gesù Cristo quando nel Vangelo consiglia di non dichiarare la guerra a un nemico che ha il centuplo di forze in più di quante ne abbiamo noi!  Perfino Gesù Cristo ce lo consiglia e noi facciamo l’esatto contrario.

 

        UN CONSIGLIO A TUTTI I SACERDOTI DEL MONDO

 

Per favore, non mettetevi a parlare di politica o di sociologia o di economia e, ancor peggio, di medicina, salute e vaccini vari perché non ne azzeccate nemmeno una, fate una figura meschina e soprattutto fate molto male a voi stessi e alla Chiesa che perde quel minimo di credibilità che le resta, dopo le malefatte del falso papa Bergoglio che non ha ancora eliminato l’idolo pagano della dea Pachamama dal Vaticano, fonte di tutte le nostre sventure.

E questa ostinazione nell’idolatria, voluta o subita, la pagheranno tutti cara in Vaticano. Ma state anche danneggiando tutta la popolazione civile inerme e lavoratrice con le vostre uscite scriteriate e incoscienti perché non siete informati bene e cadete nelle trappole della televisione che è pagata fior di quattrini dai potenti del mondo per dire menzogne e falsità e ingannare anche i più furbi o coloro che si credono tali.

Limitatevi invece a trattare di argomenti dentro il vostro campo che è quello religioso, se ancora lo conoscete, vista l’ignoranza che regna sovrana dentro i vari seminari d’Italia e del mondo intero, tranne eccezioni. Parlate della precarietà della vita umana, “cento anni sono come il giorno di ieri che è passato” dice la Scrittura, e poi ci aspetta la Vita Eterna. Questa breve vita sulla terra è la possibilità, la moneta, dice Sant’Agostino che Dio ci concede per guadagnarci o no il Paradiso.  Vedi libro di don Ferdinando Rancan su questo argomento “La moneta del tempo”.

Preghiamo invece per l’unico vero Papa Benedetto XVI che se il Signore tiene ancora miracolosamente in vita, avrà certo i suoi disegni. IL VERO PAPA E’ LUI, BENEDETTO XVI, COSTRETTO IN SEDE IMPEDITA DALLA MAFIA DEL SANGALLO.

 

Auguriamo a tutti ogni bene e le nostre preghiere quotidiane per i sacerdoti, confidando che la resurrezione di Gesù Cristo nella quale noi crediamo fermamente, abbia la forza di far risorgere anche noi, poveri cristiani traditi da Chiesa e Stato ma ostinatamente fedeli a nostro Signore Gesù Cristo, che verrà presto a giudicare ognuno di noi, o per il premio o per il castigo eterno. 

A Dio non la si fa.

                                      In fede

                                                       Patrizia Stella

giovedì 14 aprile 2022

IL TRIDUO PASQUALE DI FERDINANDO RANCAN

                                                        GIOVEDI’  SANTO

ISTITUZIONE DELLA SANTA EUCARISTIA E DEL SACERDOZIO

Brani da “La moneta del tempo”

di Ferdinando Rancan

 Gli ultimi tre giorni della settimana - il giovedì, il venerdì, il sabato - sono legati alla Liturgia del Triduo Pasquale; essa ha orientato la pietà cristiana verso il ricordo e la meditazione sulla vita di Gesù nei dolorosi avvenimenti che si sono compiuti in quei giorni, e che furono causa della nostra salvezza.

            Innanzitutto il giovedì viene ricordato come "feria quinta in Coena Domini", il giovedì nella Cena del Signore. Quello che Gesù ha compiuto in quella sera durante la Cena pasquale rimane un gesto fondamentale nella storia dell'umanità. Istituendo l'Eucaristia e il Sacerdozio, Gesù ha voluto che fosse possibile ad ogni uomo incontrare la salvezza. Forse per questo quel giovedì fu il giorno più atteso dal Signore, il più desiderato dal suo cuore: “Ho desiderato ardentemente di mangiare questa Pasqua con voi, prima della mia passione...". Desiderio ardente che era amore, l'amore di colui che, “avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò sino alla fine”.  E l'Eucaristia è precisamente questo: la prova suprema dell'amore di Cristo per noi. L'amore non poteva inventare una cosa più grande, non poteva trovare un modo più efficace e radicale per donarsi.

                       Celebrare e vivere l'Eucaristia è qualificante per il cristiano; vale a dire che non c'è una vita cristiana vera e autentica senza l'Eucaristia.

Ciò che identifica il cristiano non è la preghiera - in tutte le religioni si prega - non sono le altre espressioni della religiosità: pellegrinaggi, sacrifici, voti o processioni, non è nemmeno l'esercizio delle virtù morali: la giustizia, la lealtà, l'onore, il rispetto, la fedeltà, l'onestà; tutto questo fa di una persona un uomo pio, un uomo onesto, un uomo d'onore, ma non ancora un cristiano, anche se tutte queste virtù con gli altri valori umani che ne derivano formano un presupposto indispensabile e insieme sono conseguenza di un'autentica vita cristiana.

 Abbiamo ripetuto più volte che la vita cristiana è la vita di Cristo in noi. Ora, Gesù è stato esplicito: “Se non mangiate la mia carne e non bevete il mio sangue non avrete in voi la vita (...) Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue dimora in me e io in lui”.

            Questa dunque è l'identità del cristiano: essere un altro Cristo. E questa identità si esprime, si realizza e si manifesta nella partecipazione al mistero eucaristico.

 L'EUCARISTIA SI PRESENTA SOTTO UN TRIPLICE ASPETTO: È MISTERO, È SACRIFICIO, È SACRAMENTO.

Per mistero s’intende una presenza particolare e insieme nascosta di Dio nella storia umana; in ogni caso è sempre una presenza salvifica. Ebbene, nell’Eucaristia come “mistero” si ha la presenza di Cristo redentore nei "segni" sacramentali del pane e del vino. E' una presenza reale non simbolica, una presenza vera non apparente, una presenza sostanziale perché contiene la sostanza dell'umanità di Cristo unita alla divinità del Verbo. Perciò nell'Eucaristia ciò che "appare" è il pane e il vino, i nostri sensi s'ingannano sulla realtà delle "specie" eucaristiche (Sacre Specie), nelle quali tutta la sostanza del pane è stata trasformata nella sostanza del corpo di Cristo, e tutta la sostanza del vino è stata trasformata nella sostanza del sangue di Cristo. E' il grande miracolo che avviene nella Santa Messa al momento della consacrazione nella quale il sacerdote agisce in “Persona Christi”, nella Persona di Gesù Cristo dove Lui stesso si fa vivo e presente per la salvezza dell’uomo  (…)

 PER QUESTO L’EUCARISTIA È ANCHE “SACRIFICIO”. La salvezza infatti si è compiuta mediante il Sacrificio della Croce, e Gesù ha voluto che il suo sacrificio si perpetuasse nei secoli fino al suo ritorno. L'oblazione sacrificale compiuta da Cristo sul Calvario è stata un gesto divino e perciò eterno; non conosce confini di spazio e di tempo. Le specie sacramentali del pane e del vino sono il "luogo" dove si rende presente ineffabilmente ma realmente il sacrificio di Gesù. Perciò la Santa Messa è chiamata anche il "sacrificio dell'altare".

            Ne consegue che la presenza di Cristo nell'Eucaristia è quella di Vittima immolata per noi. Del resto, le parole di Gesù sono chiare ed esplicite: "...Questo è il mio Corpo offerto in sacrificio per voi", "...Questo è il calice del mio Sangue versato ... in remissione dei peccati". Esse esprimono e rendono presente l'unico ed eterno atto oblativo di Cristo.

Perciò il sacrificio dell'altare e il sacrificio del Calvario sono lo stesso e identico sacrificio. Sono diversi soltanto il modo e lo stato della Vittima: nel sacrificio dell'altare il modo è incruento e lo stato della Vittima è quello glorioso, quello cioè proprio del corpo glorificato del Risorto.

            La Santa Messa diventa perciò il "Memoriale" vivente di tutto il mistero di Cristo, nella sua totalità e completezza. Così si esprime la preghiera eucaristica subito dopo la consacrazione: "In questo memoriale della nostra redenzione celebriamo, Padre, la morte di Cristo, la sua discesa agli inferi, proclamiamo la sua risurrezione e ascensione al cielo, dove siede alla tua destra, e, in attesa della sua venuta nella gloria, ti offriamo il suo corpo e il suo sangue, sacrificio a te gradito, per la salvezza del mondo".

           L’EUCARISTIA PERTANTO DIVENTA “SACRAMENTO” che rende possibile ad ogni credente l’incontro con Cristo e, in lui l’incontro con la misericordia del Padre celeste. Sacramento mediante il quale Gesù ha voluto in modo mirabile, ma semplice e accessibile, far giungere a tutti gli uomini, di tutti i tempi e di tutti i luoghi, il suo sacrificio redentore;

Ovviamente non basta che Gesù abbia istituito questo sacramento, occorre che noi crediamo, che vi partecipiamo attraverso la comunione che viene appunto chiamata eucaristica. Anche qui Gesù è stato categorico: "In verità, vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell'uomo e non bevete il suo sangue non avrete in voi la vita. (...) Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue dimora in me e io in lui".

 

EUCARISTIA E SACERDOZIO  Il sacrificio del Calvario è stato offerto al Padre da Cristo stesso, perciò Egli è contemporaneamente Vittima, Altare e Sacerdote. L'offerta di vittime come atto fondamentale di culto a Dio è sempre stato un ufficio proprio del sacerdozio, ma l'offerta del sacrificio della croce, essendo il sacrificio dell'Umanità santissima di Cristo, non poteva essere fatta che da lui stesso, avendo egli pieno potere sulla propria vita. "... Io offro la mia vita (...) Nessuno me la toglie, ma la offro da me stesso, poiché ho il potere di offrirla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo comando ho ricevuto dal Padre mio". Proprio il Padre ha costituito Gesù Sommo ed Eterno Sacerdote, fin dal primo momento della sua incarnazione. "Per questo, entrando nel mondo, Cristo dice: Tu non hai voluto né sacrificio né offerta, un corpo invece mi hai preparato".

            Abbiamo già detto che Gesù, nell'ultima Cena, consegnando agli apostoli il suo Sacrificio, trasmise loro anche il suo sacerdozio: "Fate questo in memoria di me". E' il sacerdozio "ministeriale"; il sacerdozio che conferisce il potere di agire nella persona stessa di Cristo. Del resto, non solo per celebrare l'Eucaristia, ma anche per prendervi parte è necessario essere partecipi del sacerdozio di Cristo. In effetti, anche il potere di unirsi al sacerdote per offrire e ricevere l'Eucaristia è un atto sacerdotale; appartiene al "sacerdozio comune" dei fedeli. La Chiesa, infatti, nella sua totalità, è stata costituita come popolo sacerdotale perché nel Battesimo noi tutti veniamo configurati a Cristo come Re, Profeta e Sacerdote.

            Questo spiega perché nelle Messe votive del giovedì, il messale romano fa seguire alla messa dell'Eucaristia una Messa votiva di Gesù, Sommo ed Eterno Sacerdote. I due sacramenti - l'Eucaristia e il Sacerdozio - sono inscindibili, e costituiscono il grande dono lasciatoci da Gesù la sera del giovedì santo. Perciò alla pietà eucaristica dovrebbe accompagnarsi la venerazione verso il sacerdozio di Cristo che continua ad operare nella persona del sacerdote cattolico.

  TROPPO SPESSO IL SACERDOTE È VISTO IN UNA PROSPETTIVA SOLTANTO UMANA: un operatore sociale o un pubblico ufficiale che rilascia documenti ecclesiastici... La figura del sacerdote come "uomo di Dio", uomo che nel nome di Cristo mi assolve dai peccati, mi alimenta con la Parola di Dio e con il Corpo di Cristo, offre a Dio le mie preghiere e le mie lagrime, stende la sua mano benedicente sugli affetti nobili e santi che fondano la famiglia, distribuisce la grazia divina che fortifica e consola davanti al dolore e davanti alla morte...,

Questa figura del sacerdote risulta lontana e spesso sbiadita agli occhi di molti fedeli; eppure, è del "sacerdote-uomo di Dio” che noi abbiamo bisogno se vogliamo incontrare Cristo nella sua Chiesa. Perciò Gesù stesso ci ha rivolto l'invito esplicito di pregare: pregare il Padre perché chiami operai per la sua messe. Pregare per il sacerdote perché sia buono e fedele, forte e compassionevole, amabile e perseverante nel sacrificio, uomo di orazione, uomo di perdono, uomo di unità nella Chiesa, è un dovere di giustizia per tutto quello che riceviamo da lui.

            Ma anche dobbiamo venerare il sacerdote e trattarlo con rispetto e con affetto chiunque egli sia, con i limiti, difetti - e con le debolezze - che egli possa avere, come faremmo con nostro padre. La mormorazione, la critica pubblica e negativa, o peggio la calunnia e il comportamento che mette in pericolo la fedeltà del sacerdote, sono cose che recano un grave danno alla Chiesa e non sono mai fonte di bene per chi le compie.

Semmai dovremmo aiutare il sacerdote con un’opportuna e discreta correzione fraterna, con il consiglio e i suggerimenti che possono venire dall'esperienza, dall'età, dalla conoscenza di situazioni che richiedono l'intervento del suo ministero sacerdotale, ma anche con la stima, l'incoraggiamento, non esclusa l'assistenza alle sue necessità materiali e personali. I fedeli danno prova di grande amore a Cristo quando considerano il sacerdote un vero tesoro per la Chiesa e per il mondo.



                                                    VENERDI’ SANTO

DOLORE E AMORE

La feria sesta della settimana, il venerdì, era dedicata dai pagani alla dea della bellezza, a Venere, ma nella Liturgia della Chiesa il venerdì rivestirà un significato completamente nuovo, desunto dal venerdì più importante di tutto l'anno: il Venerdì Santo, la feria sexta in Passione Domini. L'accostamento può apparire stridente, ma non lo è: "il più bello tra i figli degli uomini" si presenta a noi nella Passione come "un quadro di dolori", ma la sofferenza non toglie bellezza a quel Volto; il sangue, gli sputi, la polvere, hanno velato ma non nascosto la perfezione delle sue fattezze forti e amabilissime, ne hanno invece accresciuto il fascino e lo splendore. Mai sulla terra un volto umano ha rivestito tanta bellezza, e nessuna bellezza ha suscitato nel mondo tanto amore!

             Analogamente, Colei che è "la bellissima fra tutte le donne"  si rivolge a noi: "Voi tutti che passate per via, considerate e osservate se c'è un dolore simile al mio...!". Ma l'immenso dolore che ha trapassato l'anima di Maria non ha tolto grazia al suo viso, non ha oscurato lo splendore della sua bellezza, non ha impedito l'indicibile amabilità dei suoi occhi, del suo sorriso, di tutto il suo volto! Mai sulla terra una donna ha suscitato tanta commozione nel cuore degli uomini, e nessuna maternità ha conferito tanta bellezza al volto di una donna.

            Il venerdì rimane anche per noi il giorno della bellezza. Non è la bellezza trasfigurata che contempleremo nel cielo e che riempirà di beatitudine i nostri occhi, è una bellezza ancora terrena, che conosce tutte le espressioni del dolore e della sofferenza umana; ma non è il dolore maledetto, rabbioso, urlato, che rivela tutta la sua deturpante bruttezza, è un dolore d'amore, forgiato e sorretto dall'amore, un amore senza limiti e senza durezze, un amore che è solo amore e trasfigura l'Umanità di Cristo e della Vergine Madre in un "quadro di bellezza".

            Dolore e Amore: è il binomio della Passione, le due braccia della Croce. Nel Venerdì santo si è compiuta la redenzione; in quel giorno l'Amore ha redento il dolore, e la croce ha cessato di essere maledizione; l'amore l'ha fatta diventare il sigillo del cristiano.

            Dolore e Amore: Gesù crocifisso e il Sacro Cuore. Il Venerdì ci ricorda queste due grandi devozioni che hanno forgiato molti santi e costituiscono un prezioso tesoro nel patrimonio della pietà cristiana.

             Ma questa comprensione teologica non basta per spiegare un racconto che si distende in ampiezza e che si presenta con ricchezza di particolari come nessun altro racconto evangelico. Quello che era accaduto in poche ore e che si era abbattuto così improvviso e così inaspettato con incomprensibile crudeltà su Gesù - le violenze fisiche, i maltrattamenti, le umiliazioni di cui era stato fatto segno - tutto questo aveva avuto le caratteristiche di una tale brutalità che non poteva essere facilmente dimenticato e, per di più, si trattava di una brutalità assolutamente gratuita. Gli altri due crocifissi, che pure erano ladroni e malfattori, non avevano ricevuto i maltrattamenti inflitti a Gesù; non avevano subito la terribile flagellazione romana, non erano stati trattati a pugni e calci né erano stati esposti alla derisione e agli insulti come Gesù, non la corona di spine, non le percosse e gli sputi, non il ludibrio e la burla...; lo stesso ladrone pentito non può fare a meno di osservare: "Costui non ha fatto nulla di male!", osservazione che ci fa capire quanto appariva assurdo agli occhi di tutti quello che era stato perpetrato contro Gesù.

            Perciò la Passione del Signore, anche dopo averla compresa nel suo significato - era il prezzo per la nostra redenzione e la condizione necessaria perché Gesù entrasse nella gloria del Padre - restava sempre agli occhi degli Apostoli un fatto traumatico, una ferita insanabile nell'animo e nella sensibilità di quanti avevano assistito al furore di tanto odio e di tanta cattiveria. I primi cristiani, molti dei quali erano stati testimoni di quelle vicende, portarono per sempre nel loro ricordo ciò che li aveva così profondamente scossi e turbati: da una parte le inenarrabili sofferenze del Signore, dall’altra la sua suprema dignità e la sua mitezza nel sopportare ogni cosa. Per noi la Passione del Signore nei suoi aspetti più drammatici ci rivela due verità che dovrebbero costituire un motivo di ricorrente meditazione: la gravità e la malizia del peccato, l'amore senza limiti che Gesù ha avuto per noi.

 RIPARAZIONE. La Passione di Cristo è per noi una scuola efficacissima; essa ci educa alla pietà e all'amore. (…) Siamo presenti nella passione di Cristo in prima persona, ciascuno col peso della propria vita e delle proprie responsabilità. Troppa gente si sente estranea al dramma della Passione, perché - pensa - Gesù sulla croce ce l'hanno messo gli altri. E gli altri sono: i ladri, i corrotti, i bestemmiatori, i furfanti, i traditori... insomma i peccatori. "Ma io, che ho sempre cercato di vivere onestamente, che ho sempre compiuto il mio dovere e non ho mai fatto male a nessuno, io non c’entro in quella dolorosa e brutta vicenda che ha condotto Cristo sulla croce".

La verità è che nessuno di noi è innocente. Perfino un bambino appena nato, nonostante la sua innocenza personale, porta con sé la triste eredità lasciata dai progenitori: il peccato originale. Sulla croce c'è l'unico Innocente che sia vissuto sulla terra, ed è salito sulla croce per obbedire al Padre e pagare per il nostro peccato. L'umiltà, che è verità, ci assicura che ognuno di noi ha il suo posto su quelle membra martoriate ed offese, ha messo la sua voce in quelle grida di scherno e di rifiuto, o per lo meno è rimasto inerte e passivo tra la folla degli spettatori, senza un gesto di pietà e di comprensione. Davanti a Gesù crocifisso ognuno di noi deve dire con San Paolo: "Dilexit me, et tradidit semetipsum pro me! - Mi ha amato e ha dato sé stesso per me!". E' da questa consapevolezza che deve nascere nel nostro cuore il desiderio sincero della riparazione. Riparare vuol dire restaurare ciò che è stato rovinato o danneggiato. Gesù sulla croce ha innanzitutto restaurato la nostra dignità offesa e profanata, ma soprattutto ha restituito a Dio l'onore e l'adorazione che gli abbiamo negato col peccato. Gesù è il grande Riparatore, ma il peccato è nostro e abbiamo il dovere di partecipare da parte nostra alla riparazione compiuta da Gesù perché il peccato è una ferita inferta a Cristo, non solo nel suo corpo fisico ma anche nel suo Corpo Mistico, la Chiesa.

Prende allora significato l'espiazione non solo per i nostri peccati ma anche per quelli dei nostri fratelli, e diventa un dovere di fraternità la preghiera per la conversione dei peccatori, per coloro cioè che vivono nel loro peccato. E' un dovere di giustizia e un obbligo d'amore, se non altro perché non possiamo sopportare che il Sangue di Cristo sia stato sparso invano per qualcuno dei nostri fratelli.

 LA VIA CRUCIS.  Sappiamo che la Messa abbraccia tutto il Mistero di Cristo: la Messa è il memoriale della Pasqua del Signore, anzi Memoriale della sua Incarnazione, Passione, Morte, Risurrezione e Ascensione al Cielo.

Tuttavia la Messa votiva della Passione vuole concentrare la nostra pietà liturgica su quell’aspetto particolare del mistero di Cristo che è stato descritto anche dal Profeta Isaia: il Servo di Jahvé, cioè il Cristo sofferente. Proprio per alimentare la nostra devozione a Cristo sofferente la pietà cristiana ci offre due pratiche largamente diffuse tra il popolo cristiano: la Via Crucis e la devozione al Crocifisso. La consuetudine di ripercorrere con la mente e con il cuore la via dolorosa che ha portato Gesù dal Pretorio di Pilato al Calvario è nata probabilmente con i pellegrinaggi a Gerusalemme durante i quali si visitavano i luoghi che erano legati al dramma della Passione del Signore. Nei secoli successivi, la pietà e l'amore hanno aggiunto altri episodi a quelli documentati dal Vangelo, arrivando, verso il primo '600, alla forma attuale della Via Crucis con 14 stazioni.

            Poche devozioni fanno tanto bene alla nostra anima quanto l'esercizio della Via Crucis. Le anime che amano profondamente Gesù Cristo sentono il bisogno di non lasciarlo solo in mezzo al ludibrio e allo scherno della folla che faceva ala al suo passaggio. Il peso della croce, la fatica della strada, la debolezza estrema delle sue membra, erano nulla a paragone dell'amarezza interiore e del tedio spirituale e morale che affliggeva la sua anima. L'unica presenza in mezzo a tanto odio è stata la tenerezza silenziosa ma dolcissima di sua Madre, che Giovanni e le altre donne, prese più dal terrore e dallo smarrimento, non potevano capire. Ancora una volta la via dolorosa del Signore ci ricorda la profonda malizia del peccato e l'immenso amore di Cristo per noi. Ripercorrere quella strada è rinnovare la contrizione, la gratitudine, la gioia, il proposito; è rinnovare l'amore.

 LA DEVOZIONE AL CROCIFISSO. Il Crocifisso occupa un posto fondamentale nella tradizione della Chiesa, a tutti i livelli: patristico, liturgico, ascetico. Questa centralità ha influito sulla fede e sulla pietà del popolo cristiano che ha fatto di Cristo crocifisso l'icona più universale, l'immagine più amata nella storia del cristianesimo. La devozione al Crocifisso non ha avuto storia facile nel tempo. Già per i primi cristiani presentarsi come seguaci di un Dio condannato ad un patibolo così infamante e ignominioso costituiva una prova eroica di coraggio e di fedeltà. San Paolo ne era pienamente consapevole quando scriveva ai Corinzi: "Mentre i Giudei chiedono i miracoli e i Greci cercano la sapienza, noi predichiamo Cristo crocifisso, scandalo per i Giudei e stoltezza per i pagani".

            Occorre arrivare a dopo Costantino, superata la ripugnanza che la croce suscitava nei pagani, per vedere le prime raffigurazioni pubbliche di Cristo crocifisso. La Croce, soprattutto dopo il suo ritrovamento, venne fatta oggetto di culto e di adorazione, come se fosse Cristo stesso, dato il legame che essa ha avuto con il suo sacrificio. Così si cominciò a vedere la croce nella prospettiva della vittoria di Cristo, prospettiva cara soprattutto agli orientali presso i quali Cristo veniva spesso raffigurato sulla croce rivestito di abiti regali; era l'immagine solenne di un Re vittorioso. Nei secoli successivi, soprattutto nel Medio Evo, si scoprì la croce nel suo primitivo significato di simbolo della umiliazione di Cristo, della sua passione e del suo annientamento, secondo l'espressione di San Paolo: "Umiliò sè stesso facendosi obbediente fino alla morte e alla morte di croce". Cristo crocifisso viene così raffigurato nel suo aspetto di sofferenza, con il corpo affranto, accompagnato dai segni della passione e attorniato dalle figure dolenti che lo videro crocifisso sul calvario in modo da spingere i fedeli al desiderio di riparare e di partecipare alle sue sofferenze.

Per il cristiano, invece, il Crocifisso rimane il grande libro della sua vita; su quelle pagine con l'aiuto della Chiesa e con i sentimenti della pietà, il cristiano sa leggere tutto ciò che Dio ha voluto scrivere per noi. Su quelle pagine c'è scritta la giustizia di Dio perché la morte di Cristo è la condanna del nostro peccato, c'è scritta la misericordia di Dio perché il sacrificio di Cristo ha meritato il perdono delle nostre iniquità, c'è scritta l'onnipotenza di Dio perché la debolezza di Cristo è vittoria sulla forza del male, c'è scritta la sapienza di Dio perché si è compiuto nella passione di Cristo il disegno del Padre per la salvezza dell'uomo, c'è scritta la libertà di Dio che nell'obbedienza di Cristo ha liberato la libertà dell'uomo; in una parola, quelle pagine ci raccontano tutto l'amore di Dio per noi perché in Cristo, morto e risorto, il Padre ci ha donato ogni cosa, e la vita eterna. “Quando sarò innalzato da terra, attirerò tutto (tutti) a me”.

Mettere la croce di Cristo nel cuore di ogni uomo, sulla sommità di ogni valore e di ogni attività umana, perché tutto e tutti, passando attraverso la croce di Cristo, incontrino la salvezza, e Gesù Crocifisso sia glorificato sulla terra come Salvatore del mondo: è questa una delle grandi ispirazioni che Dio ha messo nel cuore di san. J. Escrivà. Per tutta la vita egli ha cercato che questo diventasse l'impegno apostolico di migliaia di anime. “Come cristiano dovresti portare sempre con te il tuo Crocifisso. E metterlo sul tuo tavolo di lavoro. E baciarlo prima di addormentarti e al risveglio: e se il tuo povero corpo si ribella contro l'anima, bacialo anche allora (…) perché quel crocifisso devi essere tu”.

            L’amore per il crocifisso ci deve portare alla DEVOZIONE AL SACRO CUORE, come segno di quell’amore anche umano che Gesù manifestò attraverso Santa Margherita Maria Alacoque, quell’amore spesso dagli uomini ricambiato con indifferenza, oltraggi e profanazioni. Cuore Sacratissimo e misericordioso di Gesù, abbi pietà di noi.

                                       Brani da “La moneta del tempo”

di Ferdinando Rancan

 

SABATO SANTO

Il “giorno mariano”

 La feria “settima” della settimana, il giorno dedicato dai pagani a Saturno, venne sempre indicato nella Liturgia della Chiesa con il nome ebraico di "sabato". Conosciamo già il suo significato presso gli Ebrei. Ma nella tradizione cristiana il sabato era considerato un giorno di tristezza: ricordava la sepoltura di Gesù. Era perciò un giorno di penitenza e di digiuno, conformemente a quanto aveva predetto Gesù stesso: “Verranno i giorni quando sarà loro tolto lo sposo e allora digiuneranno".

            Nel Triduo pasquale, il sabato rimaneva un giorno liturgicamente "vuoto", un giorno riservato al silenzio e alla riflessione. Veniva perciò spontaneo, dopo aver celebrato, nel venerdì, la Passione del Figlio, ricordare, nel sabato, il dolore e la "passione" della Madre che, ai piedi della croce, era stata intimamente unita al sacrificio di Cristo. Tanto più che in quel sabato, così "vuoto" e triste, l'unica persona che seppe conservare la fede in Gesù e la certezza che tutto si stava compiendo secondo il disegno di Dio, fu lei, la Madre del Redentore.

            Con il tempo, perduto il riferimento al sabato santo e sviluppandosi, nel Medio Evo, la devozione all'Addolorata come festa autonoma per celebrare tutto il dolore di Maria, il sabato cessò di essere un giorno "triste" e penitenziale per diventare un giorno di gioia e di letizia; una gioia contenuta e sommessa, a dimensione, potremmo dire, famigliare, quella gioia che proviene dalla presenza abituale della madre in un focolare domestico. Un riferimento penitenziale, tuttavia, sopravvisse nella consuetudine, praticata da molti fedeli, di offrire ogni sabato una piccola mortificazione, un "fioretto", in onore della Vergine, come testimonianza di affetto e di devozione alla Madre di Dio.

Non sappiamo se queste o altre furono le considerazioni che portarono la pietà cristiana a fare del sabato un giorno mariano, sta di fatto che tra tutte le devozioni ricordate nei vari giorni della settimana, questa, del sabato dedicato alla Madonna è, dopo quella del venerdì dedicato alla passione del Signore, la devozione più diffusa, più unanime e di più antica tradizione. (…) Tanto che ne dà testimonianza la progressiva presenza di Maria nella Liturgia della Chiesa, nel culto e nella fede del popolo cristiano, come anche nella stessa riflessione teologica, che hanno portato all'attuale calendario delle feste mariane e al nuovo Messale liturgico.

            Questo ci aiuta a capire che la devozione alla Madre di Dio non è una devozione "facoltativa", puramente devozionale, ma risponde a una precisa volontà di Dio che ha affidato a Maria una missione unica e singolare riguardo agli uomini. "Porre Maria al posto che le compete per volontà divina nella storia della nostra salvezza: questo è essenziale. Quello che importa alla nostra fede e alla nostra pietà mariana è conoscere la sua missione salvifica così come ci appare attraverso le pagine ispirate della Bibbia e della Tradizione vivente della Chiesa" (Hans Hasmussen).

 LO SPECIFICO FEMMINILE: LA MATERNITÀ.  Il ruolo fondamentale che Dio, nel suo disegno di salvezza, ha affidato alla Madonna è quello della maternità. Del resto, non poteva affidarle un ruolo diverso dal momento che questa è la missione specifica e propria di ogni donna. Lo specifico femminile è quello di essere, nella maternità, una teofania di Dio: attraverso il mistero della vita la donna rivela Dio all'uomo. Lo rivela nei suoi tre aspetti fondamentali: come dono, perché Dio è Dono, e la donna è il dono fatto da Dio all'uomo; come vita, perché Dio è il Vivente, e la donna racchiude e custodisce in sé stessa il mistero della vita; infine, come amore, perché Dio è amore, e la donna ha reso possibile l'amore togliendo l'uomo dalla sua solitudine.

            Questa "missione profetica" della donna, come la chiama Giovanni Paolo II, esprime le prerogative che Dio ha messo nel cuore della donna in vista della sua missione fondamentale: l'accoglienza dell'essere umano. Infatti, in ebraico, Eva significa "vita"; Adamo chiamò la donna Eva "perché essa fu la madre di tutti i viventi"  

            Tutti questi motivi spiegano perché la donna sente una profonda attrattiva verso l'uomo, attrattiva che il peccato ha rovinato trasformandola in schiavitù, mentre, originariamente, era la voce limpida e gioiosa della sua femminilità che vedeva nell'uomo l'essere affidatole da Dio perché lo custodisse nel suo grembo sin dal concepimento. Ecco perché l'aborto è innanzitutto una violenza contro la donna, perché nell'aborto la donna non uccide soltanto l'essere umano che le è stato affidato, ma uccide anche sé stessa come donna.

 S. MARIA NEL DISEGNO DI DIO. Ora, la maternità di Maria ricupera e riscatta la maternità di Eva, anzi riscatta tutta la maternità umana, quella dell'intera umanità. La maternità di Eva era diventata una maternità di dolore e di morte; essa generava dei condannati a morte, e tale maternità si prolungava lungo tutte le generazioni umane. Il peccato è sinonimo di morte e perciò il grembo che era per la vita si è trasformato in una tomba per la morte.

            Ora, Maria fu predestinata da Dio a soppiantare Eva e generare il nuovo Adamo, capostipite della nuova umanità.  Maria è il capolavoro della creazione rinnovata, il prototipo della nuova umanità. San Bernardo, in una pagina stupenda, immagina che, nel momento dell’Annunciazione, tutta l'umanità stia assistendo al colloquio dell'Angelo con la Madonna; San Bernardo si rivolge a Maria invitandola, supplicandola, a dire di sì all'Angelo, ad aprire il suo grembo allo Spirito Santo, a non temere la potenza di Dio che le affida il suo Verbo, a rispondere con la fede alla volontà dell'Altissimo. E quando la Madonna rompe il silenzio pronunciando il suo "fiat", un grido di gioia corre lungo i secoli e attraversa tutta la storia umana: "Tutte le generazioni mi chiameranno beata!...", e il suo cantico di lode cancella le parole di condanna che erano state pronunciate nell'Eden.

            Maria ricupera Eva e, in Eva, ogni donna, perché ricupera la maternità umana e le conferisce una dimensione totalmente nuova che nessuna maternità aveva né poteva avere: la dimensione redentiva. Quella di Maria è una maternità di redenzione. Questa dimensione fondamentale della maternità di Maria ci illumina immediatamente sul rapporto unico che la Madonna ebbe con le Persone Divine della Trinità Santissima.

 

1..  FIGLIA DI DIO PADRE. Maria è figlia eccelsa di Dio Padre predestinata e scelta dall’eternità ad essere la sua “serva” in ordine al piano di salvezza. La sua maternità redente è perciò strettamente legata alla paternità di Dio. (…) Dio Padre non si è rassegnato al peccato che ha deturpato l’uomo fatto a Sua immagine e somiglianza, ma ha voluto ri-creare una creatura più santa, più perfetta, più bella: ha inventato la Piena di Grazia, capolavoro della Creazione, prototipo della nuova umanità che avrebbe avuto in Gesù Cristo la sua perfetta realizzazione.

Sta in questo il motivo fondamentale della Concezione Immacolata di Maria. Se il grembo di Maria doveva essere segno della fecondità e della vita, in quanto generava il Figlio dell’Eterno Padre, allora Maria non poteva essere soggetta al peccato nemmeno per un solo istante, fin dalla sua concezione. Se dunque Maria doveva essere Madre, di una maternità secondo il disegno di Dio, doveva essere Immacolata.

 

2.. MADRE DI DIO-FIGLIO.  Una maternità redenta, quella di Maria, e insieme una maternità di redenzione, perché maternità divina. Maria, infatti "partorirà un figlio e lo chiamerà Gesù (=Salvatore): egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati". Si stabilisce così tra Maria e il Figlio di Dio, un rapporto unico e sublime che nessun'altra creatura potrà mai uguagliare. Ricuperando la maternità di Eva, Maria rimane profondamente legata all'umanità, a tutti noi, ma nella maternità divina Maria viene assunta in un rapporto con Cristo che rimane fondamento di tutta la sua missione e perciò della sua identità e della sua grandezza.

            Ora, Gesù è Dio, è il Messia, è il Redentore. Ciò significa che la maternità di Maria non è un fatto puramente naturale, ma un mistero divino, mistico, soprannaturale, e non solo nel modo e nella sostanza ma anche nella sua ampiezza e dimensione. Cioè la maternità divina lega profondamente Maria a Cristo come Dio (Mater Dei), come Messia (Mater Christi), come Redentore (Alma Redemptoris Mater).

            Maria è innanzitutto la Madre di Dio, la Theotokos (=Mater Dei). E' il titolo più alto e sublime che la Chiesa ha rivendicato per Maria. L'hanno proclamato solennemente i Padri nel Concilio di Efeso (431 d.C.), affermando che l'unica persona in Gesù è la Persona del Verbo, la seconda Persona della Trinità Santissima. Gesù è dunque il Figlio di Dio, e Colei che l'ha accolto nel suo grembo è vera Madre del Verbo. Maria ha veramente concepito e generato un essere umano che nello stesso tempo è Dio. Egli, Figlio del Padre secondo la natura divina, è divenuto figlio di Maria secondo la natura umana. A partire dal Concilio di Efeso il culto di Maria entrò nella Liturgia della Chiesa e nella devozione del popolo cristiano con una dimensione più alta e solenne: pur restando "l'umile serva del Signore" - la Madre di Gesù, secondo l'espressione evangelica - Maria viene celebrata nella sua realtà di Madre del Signore, Madre del Re e perciò Regina e Signora.

 

3.. MADRE DI CRISTO, MESSIA. Nell'Incarnazione, la maternità divina di Maria si rivela anche come maternità messianica. Il Figlio di Dio, fatto uomo nel grembo di Maria, è l'Inviato del Padre, è il Messia promesso da Dio all'umanità, colui che i Patriarchi, i Profeti e tutto un popolo hanno atteso per secoli, desiderato e invocato da intere generazioni. Come Messia, Cristo è il Mediatore tra Dio e l'uomo; è l'unico, vero, interlocutore degli uomini davanti al Padre. Vero Dio e vero uomo, Egli ricongiunge in sé la creatura con il suo creatore; ha gettato un ponte - è il grande Pontefice - sull'abisso che separava la terra dal cielo, e nel grembo di Maria, è stato "unto" (=Cristo) come Messia. Ormai non è più possibile arrivare a Dio se non per mezzo di Gesù: "Io sono la Via, la Verità e la Vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me".

            E' una mediazione, quella di Cristo, che non ha uguali: è unica, eterna, assoluta. E' unica perché Cristo è mediatore per natura essendo Dio-Uomo nell'unica Persona del Verbo; La mediazione di Cristo è eterna, perché abbraccia tutto il tempo, dalla creazione alla risurrezione, alla glorificazione di tutte le cose; Infine la mediazione di Cristo è assoluta, non dipende da altre mediazioni, non è subalterna ad alcuna creatura e appartiene in assoluto a Cristo. Maria dunque è intimamente legata alla missione mediatrice di Cristo.  (…)

 

4.. MADRE DI CRISTO, REDENTORE. La maternità divina di Maria diventa così una maternità corredentrice; come madre del Redentore, la Madonna partecipa alla redenzione operata da Cristo. Già nell'Incarnazione il "sì" di Maria ha un valore salvifico, non per sé stesso ma perché partecipa ed è unito intimamente all'Eccomi di Cristo che obbedisce al Padre e prende il nostro corpo umano per farne sacrificio di salvezza.

L'atto di fede di Maria non si limita alla nascita di Gesù ma abbraccia tutto il messaggio dell'Angelo. In quel messaggio non le veniva chiesto il consenso per il concepimento di un bambino di cui avrebbe ignorato il destino: quel bambino doveva chiamarsi "Gesù" perché avrebbe liberato l'uomo dal suo peccato. Il "sì" di Maria all'Angelo abbracciava dunque tutto il mistero di Cristo: la sua Incarnazione e la sua nascita ma anche la sua passione e la sua morte redentrice.

            Maria infatti ne fu avvertita quaranta giorni dopo la nascita del Bambino, quando portò Gesù al Tempio per offrirlo al Padre: quel gesto ebbe un significato ben più profondo di quello inteso da Mosè che aveva ordinato agli Ebrei di offrire a Dio e poi di riscattare i primogeniti perché si ricordassero che la mano di Dio li aveva scampati dall'Angelo sterminatore. Nel ricevere tra le braccia il Bambino, il vecchio Simeone sarà esplicito con Maria: quel Bambino sarà salvezza e rovina di molti, e "Anche a te una spada trafiggerà l'anima".   

            Il valore redentivo della maternità divina di Maria ha avuto la sua espressione più alta e commovente sul Calvario. Gesù è ormai immolato sull'altare della croce, Vittima e Sacerdote insieme; nel suo sacrificio si sta compiendo la redenzione del mondo. Gesù guarda Maria e le rivolge quell'espressione carica di mistero, così umana ma anche così divina: "Donna, ecco il tuo Figlio!" Gesù non la chiama madre ma "donna", come Adamo aveva chiamato Eva. Maria dunque ricupera la femminilità con tutti i suoi valori; cioè ricupera Eva e, in Eva, ogni donna. Poi aggiunge: Ecco tuo figlio! Questa espressione del Signore ha un duplice significato: in quel "figlio" Gesù indica innanzitutto sé stesso. Come dicesse: Tuo figlio è questo che tu vedi sacrificato sulla Croce per la salvezza degli uomini. In altre parole: "Tu sei madre della vittima immolata per il peccato, perciò la tua maternità è una maternità di redenzione perché essa ti fa partecipe del sacrificio del Figlio". (…)

            Nessuna madre ha sofferto tanto per partorire i suoi figli, e nessun figlio è costato tanto alla propria madre quanto è costato ognuno di noi alla madre di Cristo. Perciò le siamo infinitamente cari e ci ama come nessuna madre ha mai amato i propri figli, e ci guarda con occhi che non hanno riscontro con nessuno sguardo di donna e di madre.  Nessuno, infatti, che si affida a Lei e che la invoca con fiducia e perseveranza, può andare perduto.

 

5.. SPOSA DELLO SPIRITO SANTO. La maternità messianica e redentiva costituisce Maria madre nostra, madre degli uomini, ma soprattutto madre dei credenti, Madre della Chiesa. Il titolo di "Mater Ecclesiae" entra definitivamente nella dottrina cattolica e nell'insegnamento ufficiale della Chiesa con Paolo VI alla conclusione del Concilio Vaticano II.

            La Chiesa nasce nel giorno della Pentecoste, ed è in quel momento che Maria è costituita Madre della Chiesa. Essa fu madre di Cristo per opera dello Spirito Santo, e ancora per opera dello Spirito Santo divenne Madre della Chiesa. L'Incarnazione e la Pentecoste mettono in luce il rapporto unico e sublime che legò Maria allo Spirito Santo; è paragonabile al rapporto nuziale: Sposa di Dio-Spirito Santo. "Il seno di Maria - scrive San Gregorio Magno - è il talamo nuziale dove si compie lo sposalizio di Dio con l'uomo". Perciò quello che avvenne in Maria nell’Annunciazione e nella Pentecoste non può essere che opera dello Spirito Santo, “Et incarnatus est de Spiritu Sancto ex Maria Virgine”.

            Nessuna creatura avrà mai un rapporto così intimo con Dio come Maria, nessuno mai entrerà così profondamente nel cuore di Dio e nelle profondità della sua intimità divina come vi entrò la Vergine Santa. “Ave Maria, Figlia di Dio Padre; Ave Maria, Madre di Dio Figlio; Ave Maria, Sposa di Dio Spirito Santo… Più di te, soltanto Dio!”

                  Sotto la tua protezione

veniamo a rifugiarci,

Santa Madre di Dio;

non respingere le suppliche

che ti rivolgiamo

nelle nostre necessità,

ma liberaci sempre

da tutti i pericoli,

o Vergine gloriosa e benedetta!

 ****************************

O Madre mia e Regina mia,

io mi abbandono interamente a Te

e in pegno della mia devozione

consacro, oggi, al tuo Cuore Immacolato

i miei occhi, la mia bocca, il mio cuore,

tutto me stesso.

E poiché sono TUTTO TUO,

o mia buona Madre,

custodiscimi come tua proprietà,

proteggimi e difendimi dal Maligno,

e da ogni male,

conservami fedele al tuo Gesù

nel servizio alla sua Santa Chiesa,

per il bene di tutte le anime.

                            Amen

 

Brani da “La moneta del tempo”

 di Ferdinando Rancan

Ed. Fede & Cultura