martedì 4 maggio 2021

PEDIATRI AMERICANI CONTRO IL GENDER

 Visto l'imperversare di questa nefasta ideologia del gender che i soliti poteri forti massoni vogliono imporre come obbligo per tutte le scuole, come il vaccino per tutta l'umanità in un delirio demenziale, ho pensato di riproporre un articolo di qualche anno addietro, sempre di viva attualità, supportato dalla dichiarazione del Comitato dei Pediatri americani del gennaio 2017.


l’Ideologia di genere danneggia i bambini


 C’è da rimanere allibiti e perfino angosciati davanti alla superficialità con cui si vogliono “insegnare” argomenti di carattere sessuale sin dai primi anni delle scuole elementari o dell’infanzia, come programmi didattici, il periodo del gioco spensierato per occuparsi di tematiche più grosse di loro, anzi molto pericolose, facendo una violenza sulla loro vita che rimarrà insanabile.

Ormai la grancassa mediatica delle lobby perverse ci sta bombardando di tutto e di peggio da alcuni decenni, con una tale propaganda martellante da farci accettare come normalità ciò che è del tutto anormale, anzi pericolosissimo per la nostra salute ed equilibrio psico-fisico, spaziando dal sesso, al cibo, alla moda, alla medicina e così via.

  • Ci vogliono convincere che è delizioso cibarsi di insetti e vermi, e noi ci crediamo;

  • ci vogliono convincere che è normale accogliere l’intera Africa nella minuscola Italia, e noi ci stiamo provando, addirittura denunciando chi si impegna con coraggio per difendere i nostri confini.

  • ci vogliono convincere che iniettare decine di vaccini in una sola fiala nel corpicino di un bambino indifeso è garanzia di salute, e noi ci crediamo. Per la gioia delle multinazionali farmaceutiche e delle lobby massoniche intente alla decimazione della popolazione mondiale

  • ci vogliono convincere che è una conquista non solo l’aborto, ma anche l’infanticidio iniziando ad ammazzare i bambini al momento della nascita, come approvato a New York e di questo passo, forse anche oltre. Magari quando il bambino piange perché ha fame o gli crescono i dentini, avere la possibilità di eliminarlo a norma di legge.

  • Ci vogliono convincere che è una meraviglia essere uomo o donna o tutte e due contemporaneamente, o mezzo uomo e mezza bestia come i centauri della mitologia, anzi si congratulano compiaciuti con chi ha inventato delle assurdità da manicomio come la cosiddetta “disforia di genere”, crimine contro l’umanità.

  • Ci vogliono convincere che anche le temperature sottozero sono sintomo di surriscaldamento globale per fermare il quale occorre stanziare miliardi di euro. Per consegnarli a chi? Ai ghiacciai, o alla stratosfera, o non piuttosto alle multinazionali che spargono il cielo di scie chimiche tossiche per avvelenare i ¾ dell’umanità??

  • E altri sistemi luciferini allo scopo di sdoganare la perversione presentando il male coperto da nobili intenti, alla faccia delle ultime, eroiche resistenze di coloro che vorrebbero mettere un freno a tanta dissipazione.

 

Mai infatti come in quest’ultimo decennio di martellante propaganda sulla questione “gender” stiamo assistendo a un moltiplicarsi di casi di ragazzini che, sostenuti dai loro genitori plagiati nel cervello, stanno subendo la cosiddetta “disforia di genere” parola inventata perché scientificamente inesistente, cioè il fatto di provare incertezza sulla loro sessualità, a tal punto da preferire bloccare il loro sviluppo ormonale dell’adolescenza, maschile e femminile, per sentirsi liberi di scegliere ciò che la loro tendenza suggerisce. MA QUALE TENDENZA? QUELLA DI CAMBIARE SESSO? MA QUELLO E' INSCRITTO NEL DNA SIN DAL MOMENTO DEL CONCEPIMENTO ED E' UNICO E IRREPETIBILE E MANOMETTERE IL DNA E' COME AMMAZZARE LA PERSONA, CANCELLARLA DALLA TERRA.

Non bisogna mai seguire ciecamente le tendenze perché la maggior parte sono perverse, in quanto sganciate dall’intelletto e dalla volontà e facilmente ti inducono a rubare, a imbrogliare, a giurare il falso, a uccidere, a sfruttare i deboli ecc. Fondare la propria vita sulle tendenze è la cosa peggiore che si possa fare. Ragazzine che si schiacciano il seno, si fanno bloccare le mestruazioni, prendono ormoni per farsi crescere la barba, perché sentono che la loro disforia è di diventare uomo! Follia pura! O viceversa… senza scendere in ulteriori ributtanti dettagli. E se poi ti penti ma non puoi più tornare indietro? Sai che disperazione! Cambiare sesso non è come cambiare un paio di scarpe. Ti va di volta il cervello, diventi schizofrenico, impazzisci, e infatti in Canadà e America dove sono iniziate queste follie, molti si sono suicidati o sono impazziti, ma nessuno lo dice. 

 

GENTE, SVEGLIA!!!  QUI CI STANNO PLAGIANDO IL CERVELLO! QUI CI VOGLIONO RIDURRE A POVERI IDIOTI DA TELECOMANDARE A PIACERE! Vi rendete conto che cosa vuol dire cambiare sesso? Non si tratta solo di cambiare abito e di piccoli ritocchi estetici! C’è tutta una struttura psichica e fisiologica che accompagna l’apparato sessuale esterno che parte dall’interno del nostro corpo con ormoni diversi, maschili o femminili, perché i sessi sono SOLO DUE E BASTA! Anche il modo di ragionare è diverso: o maschile o femminile. E dobbiamo accettare e amare la nostra sessualità specifica come si presenta in natura, assecondando il sesso biologico esterno qualora ci fossero incertezze e non negandolo, perché si entra in un tunnel buio dal quale non si esce più e si diventa esseri anonimi, falsi, senza identità per sé stessi e per gli altri.

 Si potrà amare in quelle condizioni? NO! Ci si potrà accoppiare in qualche modo, ma amare mai! Senza dire che anche l’amore paterno o fraterno viene meno perché i traumi provenienti da una tale cambiamento assurdo, creano muri invalicabili anche in famiglia. L’amore esige la sincerità del cuore e la trasparenza del sesso e provare dentro di sé l’esperienza della mancanza di amore, è già l’inizio della morte a fuoco lento.  

CARO RAGAZZO, O RAGAZZA, CARO GIOVANE…  AMA QUELLO CHE TI SEI TROVATO AL MOMENTO DI NASCERE, CHIEDI AIUTO A DIO NEL MOMENTO DELLA TENTAZIONE O DEL DUBBIO E SOLO COSI’ SARAI FELICE.

COMBATTI PER DIFENDERE TE' STESSO, LA TUA IDENITITA', IL TUO DNA, LA TUA PERSONA UNICA AL MONDO E STRAORDINARIA PERCHE' COSI' L'HA VOLUTA DIO E LUI E' PADRE BUONO E VUOLE SOLO IL NOSTRO BENE.

                           **********************************

 Pubblichiamo di seguito la dichiarazione del collegio americano dei pediatri rilasciato nel mese di gennaio 2017 contro l’ideologia gender e i suoi perversi corollari, quali l’impiego di ormoni sessuali e della chirurgia. Qui il testo originale con note [RS]: https://www.acpeds.org/the-college-speaks/position-statements/gender-ideology-harms-children

 

 

 

DICHIARAZIONE DEL COLLEGIO AMERICANO

DEI PEDIATRI

(gennaio 2017)

 

Il Collegio Americano dei Pediatri sollecita professionisti della salute, educatori e legislatori a rigettare tutte le politiche che condizionino i bambini ad accettare come normale una vita di impersonificazione chimica o chirurgica dell’altro sesso. I fatti, non le ideologie, determinano la realtà.

 

  1. La sessualità umana è un carattere oggettivo, biologicamente binario: “XY” e “XX” sono indicatori genetici del maschio e della femmina, rispettivamente – non marcatori genetici di un disordine. La norma per l’uomo è di essere concepito maschio o femmina. La sessualità umana è binaria per progetto con l’ovvio proposito della riproduzione e la continuazione della nostra specie. Questo principio è auto-evidente. I rari e marginali disordini nello sviluppo sessuale (DSD), come ad esempio, ma non solo, la femminilizzazione testicolare o l’iperplasia adrenale congenita sono tutte deviazioni, medicalmente identificabili, dalla norma della duplicità sessuale e sono correttamente riconosciuti come disordine rispetto al disegno umano. Individui con DSD (anche indicati come “intersex”) non costituiscono un terzo sesso.

 

  1. Nessuno nasce con un genere. Ognuno nasce con un sesso biologico. Il genere (la consapevolezza e percezione di sé stessi come maschio o femmina) è un concetto sociologico e psicologico, non un dato biologico oggettivo. Nessuno nasce con la consapevolezza di essere maschio o femmina: questa consapevolezza si sviluppa nel tempo e come tutti i processi di sviluppo può essere distorto dalle percezioni soggettive del bambino, dalle sue relazioni ed esperienze negative, dall'infanzia in avanti. Le persone che si identificano come se “si sentissero di un sesso opposto” o “tra un sesso e l’altro” non costituiscono un terzo sesso. Esse restano biologicamente maschi o femmine.

 

  1. La convinzione di una persona di essere qualcosa che in realtà non è costituisce, nella migliore delle ipotesi, il segno di un pensiero confuso. Quando un ragazzo altrimenti sano crede di essere una ragazza esiste un problema oggettivo che sta nella testa, non nel corpo, e dovrebbe essere trattato come tale. Questi bambini soffrono di disforia di genere. La disforia di genere (GD), in passato annoverata quale Disordine dell’Identità di Genere (GID), è un disordine mentale riconosciuto nella più recente edizione del Diagnostic and Statistic Manual of the American Psychiatric Association (DSM-V). Le teorie sull’apprendimento psicodimanico e sociale dei GD/GID non sono mai state confutate.

 

  1. La pubertà non è una malattia e gli ormoni che bloccano la pubertà possono essere pericolosi. Reversibili o meno, gli ormoni che bloccano la pubertà inducono uno stato di malattia – l’assenza della pubertà – e inibiscono la crescita e la fertilità in un bambino precedentemente sano.
  2. Secondo il DSM-V, il 98% dei bambini con confusione di genere e l’88% delle bambine con confusione di genere accettano il proprio sesso biologico dopo che attraversano naturalmente la pubertà.

 

  1. I bambini che assumono ormoni blocca-pubertà per impersonare l’altro sesso richiederanno ormoni cross-sex nella tarda adolescenza. Questa combinazione porta alla sterilità permanente. Questi bambini non saranno mai capaci di concepire un bambino neppure attraverso le tecnologie riproduttive. Inoltre, gli ormoni cross-sex (testosterone ed estrogeni) sono associati a gravi rischi per la salute, compresi (ma non solo) malattie cardiache, alta pressione, trombi, infarto, diabete e cancro.

 

  1. I tassi di suicidio sono quasi venti volte più alti negli adulti che usano ormoni cross-sex e si sottopongono alla chirurgia per il cambio di sesso, persino in Svezia che è tra i paesi più tolleranti con le persone LGBTQ. Quale persona compassionevole e ragionevole condannerebbe i bambini a questo destino sapendo che dopo la pubertà l’88% della bambine e il 98% dei bambini accetteranno alla fine la realtà e raggiungeranno uno stato di benessere mentale e fisico?

 

  1. Condizionare i bambini a credere che una vita intera di impersonificazione chimica o chirurgica dell’altro sesso sia una cosa normale è violenza sui bambini. Supportare la discordanza di genere come normale attraverso la scuola o le politiche legislative confonderà bambini e genitori, portando più bambini a presentarsi alle “cliniche del genere” ove gli daranno farmaci blocca-pubertà. Questo, in cambio, praticamente gli garantisce che essi “sceglieranno” una vita di ormoni cross-sex carcinogenetici e comunque tossici, e molto probabilmente penseranno a mutilazioni non necessarie delle parti sane del loro corpo quando saranno adulti. Salvo poi pentirsi amaramente e voler ripristinare la realtà biologica primaria, ma purtroppo sarà troppo tardi.

 

Michelle A. Cretella, M.D. President of the American College of Pediatricians

Quentin Van Meter, M.D. Vice President of the American College of Pediatricians Pediatric Endocrinologist

Paul McHugh, M.D. University Distinguished Service Professor of Psychiatry at Johns Hopkins Medical School and the former psychiatrist in chief at Johns Hopkins Hospital

 

Tratto da 

https://www.radiospada.org/2017/03/... #gender #nogender  4444

(ma potete trovarlo in altre pagine web che si occupano dell'argomento)

 

 

 

venerdì 30 aprile 2021

SARA CUNIAL, DIEGO FUSARO E COMPAGNIA

 

 Cari amici, da più parti mi giunge una sorta di lamentela per il fatto che molti bei discorsi pronunciati da alcuni personaggi di cui mando spesso il video sono da prendere con cautela in quanto chi li pronuncia non è credente, anzi di tutt’altra sponda.

 

Prendiamo il caso di Sara Cunial, parlamentare del Movimento misto, di cui ho mandato l’ultimo video sulla mafia dove appare, come sempre d’altronde, una Sara coraggiosa, forte, precisa e documentata nelle sue argomentazioni esposte e arricchite da esempi concreti a tal punto che sfido chiunque altro, credente o non, ad esprimere questi concetti in un modo così convincente e logico.

Mi dicono tuttavia che non è opportuno spedirli facendole tanta propaganda perché pare che la Cunial faccia parte di un gruppo che, partendo dal guru Casaleggio si estende ad abbracciare anche le teorie di Steiner, esoterista austriaco deceduto ai primi del 900, noto per la sua teoria dello “spirito libero” e indipendente che può arrivare a conoscere la verità, in pratica le molteplici “verità” personali e soggettive, ben lontane non solo dalla “Verità” di Gesù Cristo ovviamente, ma anche da quella del senso comune. Eppure la Cunial è apprezzata per la sua visione realistica delle vicende.

           

Ciò detto, viene da pensare che dietro a tante discorsi coraggiosi della Cunial, condivisibili dal popolo perché pronunciati per lo più in sua difesa e, guarda caso, MAI E POI MAI BLOCCATI O BOICOTTATI DA NESSUN PARLAMENTARE NEPPURE QUELLI SCATENATI DI SINISTRA!, ci possa essere il comando di qualcuno che conta e che gli va bene questa situazione.  Perché? viene da chiedersi se, tutto sommato, sta facendo gli interessi non dei potenti ma del popolo italiano, operazione fuori moda?  Per il fatto che, faccio un’ipotesi, appoggiando con tanto fervore la Sara Cunial si potrebbe finire poi con l’abbracciare per solidarietà, forse inavvertitamente, anche il suo stile di vita, la sua scelta politica e religiosa o pseudo religiosa e allora ecco che i conti, sia pure dopo un largo giro, tornerebbero comunque a beneficio di chi li ha così ben studiati per trarne il proprio vantaggio. Questa è una mia supposizione ovviamente, anche non condivisibile.

 

DIEGO FUSARO. Altra figura amata ma contestata è quella del filosofo Diego Fusaro, di estrazione comunista o per lo meno di una sinistra ondeggiante tra un polo marxista e uno hegeliano. Ciononostante bisogna ammettere che certe sue analisi sono di una chiarezza così logica, realistica e fondata che, politicamente parlando, non fanno una grinza. 

Se poi spaziamo lo sguardo tra i cosiddetti credenti, soprattutto quelli che si spacciano spudoratamente per “cattolici” solo perchè sono stati battezzati ma poi vivono e parlano da veri pagani e anche peggio, sparando affermazioni da regime comunista, viene da domandarsi “ma a chi dobbiamo credere?”

 

Ciò detto, io non avrei alcun problema ad ascoltare la Cunial, Fusaro, un buddista, un esoterico, un pagano, un pazzo ecc. quando dentro di me ho la consapevolezza della Verità che è Gesù Cristo, a maggior ragione perché, purtroppo, oggi, sono gli stessi Prelati che ci stanno fuorviando dal giusto cammino, con Bergoglio in testa. E allora cosa possiamo aspettarci da tutti gli altri?

 

Cari amici, questo è il momento delle tenebre, della confusione, dove Satana è libero ma ancora per poco di fare tanto male alle anime, alle menti e ai corpi. Non domandiamo la provenienza o la fedeltà o la fedina penale di nessuno. Prendiamo ciò che di buono ognuno afferma e scartiamo tutto il resto, chiedendo luce allo Spirito Santo. Soprattutto attingiamo più che dalle voci dei politici che sono ormai quasi tutti corrotti, men che meno da certi Prelati e dallo stesso falso papa Bergoglio, ricorriamo e attingiamo alla Parola di Dio che illumina e da tanta pace.  Confidiamo che presto verrà Gesù a liberarci da tante insidie e oscurità per instaurare il Suo Regno di Giustizia e di Pace. Gesù confido in te. 

E Godiamo per quello che possiamo dei doni che Lui ci offre: una bella giornata di sole, un tramonto, una passeggiata in riva al fiume o al lago, un buon pranzetto di festa tra amici, ma soprattutto la Sua compagnia amatissima davanti al Tabernacolo dove Lui ci attende, ci parla, ci illumina e ci consola.                                                                             

                                                                      patrizia@patriziastella.com

 

sabato 17 aprile 2021

TESTIMONIANZE SUL LIBRO "LA MADONNA RACCONTA"

 

1) TESTIMONIANZA SUL LIBRO DI DON FERDINANDO RANCAN

“LA MADONNA RACCONTA”

Confidenze della Vergine Maria ai suoi figli

 

SONO ERMENEGILDO DAL BOSCO, veronese settantunenne, laureato in chimica pura, titolo che mi ha permesso di lavorare per dieci anni  per la Magneti Marelli società del gruppo FIAT.

Nel 1980 mi sono felicemente sposato  con Claudia  laureata in Scienze Biologiche ed insegnante di matematica e scienze presso varie scuole medie private e pubbliche. Dal 1986 per ragioni famigliari ho cambiato professione : sono diventato  anch’io docente di matematica e scienze presso L’Istituto salesiano “Don Bosco “ di Verona  per altri vent’anni. Attualmente siamo entrambi in pensione.  Abbiamo avuto quattro figli: uno è sacerdote diocesano e parroco e le altre tre sono tutte laureate in discipline diverse ed esercitano le rispettive professioni.

 

Poco tempo dopo la morte di don Ferdinando Rancan, autore del libro di cui sto per rilasciare la mia testimonianza, (10 gennaio 2017) ebbi l’opportunità di leggere un suo libro dal titolo “ La Madonna racconta”’ sottotitolo : “ Confidenze della Vergine Maria ai suoi figli”  Pur essendo giunto solamente a poco oltre la metà  dei capitoli sono stato subito affascinato:  a quante persone, mi chiedevo spesso, la Madonna stessa si è rivelata lungo i duemila anni di storia della Chiesa, per raccontare, spiegare, illustrare, sollecitare, ammonire, mettere in guardia….non solo i cristiani ma tutti gli uomini di buona volontà?   Mi sono confermato nella convinzione che il libro non è frutto, se non in modesta parte, della mistica“ ruminatio “ di don Ferdinando, come egli umilmente afferma, sui S. Vangeli e sul Nuovo Testamento; è un abbaglio solenne o perlomeno miopia non riconoscere l’intervento personale  di Maria  Santissima che si è servita di un degno sacerdote suo devotissimo figlio fin dall’infanzia!

A sostegno di questa mia affermazione ricordo l’opera celeberrima di un’altra persona straordinaria che lessi con ammirazione alcuni anni fa. Si tratta de “ Il Vangelo come mi è stato rivelato “ di Maria Valtorta, donna italiana all’incirca contemporanea di Don Ferdinando. Chi lo legge assiste idealmente e con straordinaria soddisfazione, come in un film documentario, a quanto riferito quasi sempre sinteticamente, o in modo essenziale o addirittura “ in nuce” dai S. Vangeli.

Io ritengo che il parallelo fra Maria Valtorta e don Ferdinando non sia forzato ma ragionevole. So inoltre che si sta portando avanti da parte di un’equipe di professionisti guidata da un sacerdote ( don Ernesto Zucchini?) la causa di beatificazione di Maria Valtorta ;  non troverei assurda l’ipotesi equivalente anche per Don Ferdinando.

Si tenga presente inoltre che non figura assolutamente nulla, sia negli scritti della Valtorta che di Don Ferdinando che sia in contrasto con la Dottrina o la Tradizione cristiano-cattolica

Durante la lettura del libro mi sono tornati alla mente numerosi e vari casi di  persone, miracoli, apparizioni, manifestazioni….. verificatisi in varie parti del Mondo lungo i secoli dell’era cristiana. Desidero accennare ad alcuni, in ordine sparso, di cui ho discretamente approfondito il contenuto.

Ricordo per primo il grande e mio amato Don Bosco  ( ho avuto la grazia di servire come insegnante presso il suo Istituto per  20 anni) cui la Madonna, che Egli invocava con l’appellativo “ Maria Ausiliatrice”, nel celebre “sogno dei 9 anni” mostrò la vocazione ed il futuro della sua vita.

Anche il S. Curato d’Ars è stato devotissimo della Madonna; nell’anno sacerdotale indetto da Papa Benedetto XVI° nel 2009 lessi sulla sua biografia questa frase: “Un’Ave Maria ben recitata fa tremare l’inferno”.

 Cosa pensare inoltre dei “veggenti” delle numerose apparizioni mariane avvenute in varie parti del Mondo e con protagonisti persone diversissime per condizione sociale, età, grado di cultura, temperamento….Vedi  la celeberrima  Madonna di Guadalupe in Messico all’indios Juan Diego ( 16° sec.). Più tardi in Francia a Lourdes le apparizioni a Bernardette S.   Sempre in Francia a La Salette quelle ai due ragazzini Melania e Massimino . Per non parlare poi delle realtà vicine a noi o tutt’oggi in corso come le apparizioni a Ghiaie di Bonate (BG) alla piccola Adelaide Roncalli  (1944\45) ; ancora i messaggi  dati dalla Vergine ai veggenti di Mediugorje e, vicinissime a noi,  a  Schio (VI)  le apparizioni della “ Regina dell’Amore” al Sig . Renato Baron.

Cosa dire inoltre del sommo Pontefice S. Giovanni Paolo II° (magno), Papa mariano al 100% ( totus tùus ) che in seguito al vile attentato subìto in piazza S. Pietro, riconobbe l’intervento diretto di Maria SS. per salvarlo e si recò a Fatima per far incastonare, nella corona della sua statua, la pallottola che gli fu sparata ?  Forse non c’era un eccezionale rapporto diretto con la Madonna visto che in tutti i suoi innumerevoli viaggi apostolici ( più di cento)i era prevista la visita ad un importante Santuario mariano?  Ricordo che anche quando venne a Verona (1988) raggiunse l’ardito e spettacolare  Santuario della “ Madonna della Corona” a Spiazzi.

Tutto ciò e molto altro per garantirci che la Madonna  si manifesta liberamente come, quando, dove ed a chi vuole e sempre a beneficio di tutti gli uomini di buona volontà. Del resto , se crediamo al dogma di Fede che Maria SS. è stata  assunta in Cielo “ anima e corpo”, unica persona al mondo oltre a suo Figlio Gesù, perché facciamo fatica a credere che essa si manifesti anche fisicamente per aiutare l’umanità?

Per questo io personalmente non trovo affatto irragionevole che la Madonna si sia confidata anche con il nostro bravissimo sacerdote Don Ferdinando Rancan.

Sperando di aver parlato in modo costruttivo ed equilibrato, ringrazio per l’attenzione.

 

Verona-Cadidavid   Domenica 31 gennaio 2021   S. Giovanni Bosco

Ermenegildo Dal Bosco

 

  

2)  TESTIMONIANZA DELLA SIGNORA PINA BRESSO DI MILANO

Carissima Patrizia ho finito oggi il libro della Madonna che racconta, ma tra un po' di tempo lo rileggerò.. Ho riposato davvero sul Cuore di Maria ! E ho lasciato gli affanni, anzi li ho affidati a Lei e ora mi sento leggera e più innamorata della Madonna e di Gesù. Che dire, è un libro fantastico, uno dei più belli tra quelli letti.

Don Ferdinando oltre ad essere un sacerdote santo, è stato uno scrittore fantastico. Si esprime in modo eccellente, chiaro, ricco e molte volte poetico. Mi ha aiutato tanto a fare orazione e sono felice di questo. Lo ringrazio e continuo a chiedergli un miracolo che mi sta molto a cuore...sono certa che mi ascolterà!!

Grazie anche a te per avermi fatto conoscere questo testo magnifico e poi sono molto contenta che mi faccia crescere in santità!!

Volevo dirti che quello che ha provato l'altro lettore di cui mi parlavi è esattamente quello che penso io; sono convinta che tutte le vicende narrate non potevano che essere andate così come erano descritte. È una sensazione meravigliosa, la Madonna sta parlando a me, mi riempie il cuore...quindi non può essere che realtà.

 Grazie don Ferdi!!!!

                                                         *******************

 Per acquisti

Ferdinando Rancan, La Madonna racconta; confidenze della Vergine Maria ai suoi figli,

     con prefazione di mons. Luigi Negri. ed. Fede & Cultura, pag. 202, euro 15,00=

     reperibile telefonando alla casa editrice tel. 045/941851 anche per altri libri di d. Rancan

sabato 3 aprile 2021

QUESTA SANTA PASQUA 2021 E' TUTTA SPECIALE

Cari amici,

non occorrono particolari profezie per capire che siamo nel pieno di un combattimento non naturale ma preternaturale che coinvolge tutto il mondo in una battaglia tra il potere delle tenebre e quello della luce. i figli delle tenebre seguono il loro leader che è il diavolo, mentre noi che ci gloriamo immeritatamente di appartenere ai figli della luce chi dobbiamo seguire, chi abbiamo come leader? Un grande condottiero di ventura? Un politico eccezionale investito da dio in autorità? Un papa eccezionale che ci guida verso la vita eterna?? Purtroppo noooooooooo, perchè l’unico vero papa che è Benedetto XVI si trova prigioniero dei nemici della chiesa e si fa vivo saltuariamente con monosillabi che devono essere sempre interpretati.

In questo frangente drammatico noi abbiamo per condottiero nientepopodimeno che "lo stesso Dio, Gesù Cristo" che è lì pronto con le mani alzate sulla testa del mondo intero e di ciascuno di noi per far piovere le sue benedizioni che, come rugiada benefica, hanno il potere di eliminare dalla terra tutti i veleni malefici sparsi da satana per annientare gli uomini fatti a immagine e somiglianza di dio. e questa azione malefica di satana noi dobbiamo impedirla con tutte le nostre forze. ma come? come?? ma se abbiamo un asso vincente nella manica da tirar fuori che è nostro Signore Gesù Cristo, cosa aspettiamo?

Ma proprio qui casca l’asino purtroppo con molti pseudo cattolici. per la loro pusillanimità, per la loro vigliaccheria, per la loro codardia, mettiamoci dentro anche la nostra, in pratica per i nostri tradimenti che passano inosservati perché siamo abili nel volerli spacciare per obbedienza, inginocchiandoci passivamente davanti a tutte le restrizioni che ci impone il governo o seguendo ciecamente per comodità un falso papa che ci vuole condurre al NWO di cui non fa più mistero. ma per fortuna abbiamo ancora le chiese aperte e i nostri sacerdoti che, anche loro con le loro debolezze, però ci assicurano ancora i sacramenti.

Che grande consolazione!! ma noi laici che facciamo? Piuttosto che muovere i nostri piedini delicati per andare in chiesa, alle celebrazioni liturgiche del periodo pasquale e poi alla messa di sempre preferiamo stare comodi a casina e seguire tutto on line magari fra una patatina pai e un sorso di vino. e così crediamo di tacitare la mostra coscienza per paura di incorrere in eventuali sanzioni!?? Ma che bravi!!! Ma che coraggio! In tal modo impediamo alla mano di Gesù Cristo di far piovere le sue benedizioni liberatorie e salvifiche su di noi!!! Dobbiamo muovere il nostro nobile deretano cari amici ma per andare dove? A combattere? Ma no cari italiani, ma per andare almeno fino in chiesa a pregare, e non solo il tragitto da casa in chiesa per le celebrazioni liturgiche meravigliose di questi giorni dove, anche se in tono minore, ci viene comunque assicurata la grazia del sacramento.

Dobbiamo muoverci per andare in chiesa per andarci a confessare, anche al di fuori dei nostri piccoli confini della parrocchia per trovare un confessore che ci sono ancora, grazie a Dio.  Ma se ci beccano fuori confine col fucile in mano? Che pena e che rabbia mi fate!!! Sapendo di rischiare al massimo che cosa? la fucilazione? il carcere? no!! Al limite una sanzione che non dobbiamo né firmare né pagare perché ci hanno detto molti dei nostri legali che andrà in prescrizione. quindi tranquilli, cari pantofolai che l’eroismo non sarà certo la vostra prerogativa, tranne il caso di anziani e malati veramente impediti di muoversi.

Sappiate che la messa ascoltata in tv per chi non è veramente impedito non è valida!!!!!! Perciò invito tutti con forza e non solo per Pasqua ma per tutte le domeniche e i giorni che il signore ci vorrà concedere, a compiere - almeno per ora - il piccolo atto di eroismo e uscire dalle nostre tane piene di batteri per andare nella casa di Dio che non contagia perché luogo di salvezza e di guarigione. Smettiamola di credere alle balle di chi ci dice che in chiesa ci si contagia. non è vero!!!  Anche in tempi di pestilenza solo in chiesa o durante le processioni si guariva da tutti i contagi. Perché Dio non contagia, ma guarisce. e chi compie quel gesto sacrilego di disinfettarsi le mani prima di ricevere la santa ostia, compie un sacrilegio!!! Non per ricevere la comunione sulla mano perché ormai quasi tutti la danno così, purtroppo perché siamo in tempi difficili, e piuttosto di non fare la comunione, (che forse ci toccherà sperimentare di questo passo, Dio non voglia) è ammesso riceverla anche sulla mano, con tutti gli atti di riparazione necessari.

Ma è quel gesto sacrilego di disinfettarsi le mani prima di ricevere ‘Ostia Santa che è sacrilego!!!! Abbiamo paura che la santa ostia, Dio vivo e vero fatto pane per noi, possa contagiarci?????  Ma ci rendiamo conto della mancanza di fede e della gravità di questo gesto? Lasciamo che i sacerdoti se la vedano col Vescovo e con la loro coscienza, anche perché loro sono sotto tiro e vincolati molto più di noi laici, e dobbiamo sostenerli e comprenderli sempre. Ma almeno noi fedeli praticanti vogliamo smetterla di disinfettarci le mani prima della Comunione? Si presuppone che le mani ce le siamo già lavate come si fa di solito prima di uscire di casa. ma anche fossero le mani di un lebbroso che riceve la santa particola, Dio lo risana, Dio lo guarisce e non infetta mai nessuno! ma che pazzia collettiva vi ha preso????  Vogliamo vivere da veri cristiani o da codardi o da infedeli? Sta a noi la scelta.

Signore da chi andremo per poter uscire da questo tunnel infernale dove ci vogliono cacciare i nemici di Dio, della vera Chiesa e di Gesù Cristo? Da chi andremo o Signore se non buttandoci nelle braccia della tua misericordia? E le braccia amorose e salvifiche di Gesù le troviamo ancora nelle nostre chiese, nella Messa e nelle funzioni liturgiche, nei Sacramenti soprattutto la confessione pasquale che non possiamo assolutamente tralasciare per paura delle sanzioni. A meno che non avanzi una persecuzione forte che ci induca a fuggire o a nasconderci, non è escluso. Ma allora potrebbe essere doveroso ma per adesso no! per adesso dobbiamo dare testimonianza con la nostra presenza viva. Ma che cristiani siamo??  E poi ci lamentiamo se le cose vanno sempre peggio? Finiremo nel baratro infernale del nuovo ordine mondiale satanico se non viviamo la nostra fede adesso, “hodie et nunc”, con coraggio, con fede, per amore di quel Gesù che ha dato la vita per noi e che sta elemosinando un segno della nostra risposta, della nostra fedeltà, del nostro amore.  “Fideles usque ad mortem”, “fedeli fino alla morte” ma per adesso ci auguriamo di essere fedeli almeno fino al percorso che da casa nostra ci porterà alla chiesa, o quella vicino a noi, o quella più lontana non importa pur di trovare un sacerdote che, bravo o meno che sia, ci possa dare l’assoluzione dei nostri peccati. e ci sono ancora molti sacerdoti o frati che ci aspettano per questo se vogliamo cercare. Il Sacramento della Confessione o Riconciliazione che tutti, laici, consacrati, preti, vescovi e perfino il papa hanno il dovere di accogliere come dono straordinario di Dio che ci perdona e che ci permette di riceverlo poi nella Santa Eucaristia, il Sacramento della Confessione è il più potente degli esorcismi che ci protegge da tutti i mali come dentro una corazza invisibile ma reale contro tutti gli attacchi del diavolo. non ci sono altre ricette per venir fuori da questa catastrofe preternaturale. 

O torniamo a Gesù Cristo adesso, o sarà sempre più difficile la risalita. Dio è con noi e combatte con noi se anche noi vogliamo scendere in battaglia con lui, se vogliamo entrare in chiesa fisicamente e non solo on line, e non solo a Pasqua ma sempre tutti i giorni dell’anno finché non ci sarà impedito fisicamente e logisticamente. Ma per adesso no. Adesso è il momento di far valere la nostra fede anche pubblicamente cari amici. Passate parola per favore perché la confusione dottrinale è tanta e dobbiamo aiutarci tutti insieme a non perdere la bussola della fede e della sapienza che è uno dei sette doni dello Spirito Santo.

Con questa umilissima esortazione che mi esce dal profondo del cuore auguro a tutti una Santa Pasqua e che la Madonna ci protegga assieme alle schiere angeliche pronte a combattere con noi se preghiamo, se saremo fedeli e coraggiosi. Auguri di una santa Pasqua che termina ufficialmente con la festa di Pentecoste, e un grazie sincero a tutti per i vostri interventi e la vostra preziosa collaborazione che mi permette di andare avanti nella mia piccola testimonianza on line.

Patrizia

 



giovedì 1 aprile 2021

GIOVEDI' SANTO COMMEMORAZIONE SACERDOZIO E SANTA EUCARISTIA

 

GIOVEDI’ SANTO 2021

COMMEMORAZIONE DELL’ ISTITUZIONE

DEL SACERDOZIO E DELLA SANTA EUCARISTIA

 

Cari amici, in questo giorno solenne e meraviglioso che è il GIOVEDI’ SANTO nel quale Gesù Cristo ha istituito, durante la cosiddetta “ULTIMA CENA” nientemeno che due Sacramenti essenziali per la vita cristiana che sono “L’ORDINAZIONE SACERDOTALE E LA SANTA EUCARISTIA”, penso di fare cosa gradita riportando alcune frasi di don Ferdinando Rancan tratte da alcuni suoi scritti in merito a questo sublime argomento.

“(…) Il Sacramento del Sacerdozio, dell’Ordine Sacerdotale è stato conferito da Gesù non come semplice titolo onorifico o come mandato speciale in favore degli uomini per consolarli nelle loro fatiche cercando concrete soluzioni alle loro difficoltà. Il Sacramento del Sacerdozio è collegato direttamente con un altro grande Sacramento che è la Santa Eucaristia, anzi si può dire che Sacerdozio ed Eucaristia sono un binomio inseparabile perché non si può avere Eucaristia (Santa Messa) senza il Sacerdote consacrato e nello stesso tempo il sacerdote consacrato di per sé diventa un povero fallito se non celebra o celebra saltuariamente l’Eucaristia per privilegiare magari altre attività. Infatti la Santa Messa è un dono così grande da far tremare Angeli e Santi dalla gioia pensando che solo ai Sacerdoti cattolici, in virtù del Sacramento dell’Ordine Sacro, è stato concesso da Dio stesso il privilegio di portare Gesù vivo e vero dal Cielo alla terra per offrirlo agli uomini. A tal punto che per definire il Sacerdote con due parole, si potrebbe dire che “IL PRETE E’ LA MESSA!”

Nell’antico Testamento il Sacerdozio era privilegio di casta, vale a dire si nasceva sacerdoti, come un titolo onorifico, nobiliare. La tribù di Levi non dava che Leviti, cioè Sacerdoti.

Nel Nuovo Testamento invece, Cristo ha voluto che il sacerdozio fosse patrimonio e privilegio del suo liberissimo amore. Non vi siete eletti da voi stessi, non vi siete autocostituiti Sacerdoti, MA IO HO ELETTO VOI. 

E San Paolo commenta che nemmeno Cristo si autoglorificò costituendosi da sé stesso Sacerdote, ma fu il Padre che, nel momento della sua concezione verginale nel Ventre di Maria, lo costituì come Uomo-Sacerdote Sommo ed Eterno. Vedete come il Sacerdozio nella sua origine remota, quasi eterna nel seno del Padre, per mezzo del figlio arriva a noi uomini!

            Il Cristo è venuto a cercarsi i preti fra gli uomini “ex hominibus” specifica San Paolo. Avrebbe potuto scegliere gli Angeli. Chi più puro di un Angelo per accostarsi all’altare? Chi più fedele di un Angelo per servire all’altare?  Eppure ha voluto che venissimo noi, ha voluto che il prete fosse un uomo, e un uomo pieno, completo, con le stessi virtù e difetti, come voi, che vive e lavora con voi (…) finchè un giorno “Uno” lo ha toccato sulla spalla, lo ha guardato con amore infinito e gli ha detto “Lascia tutto, vieni via con me, ti devo fare un cacciatore di uomini. Vieni e seguimi”.

            Vi dico che è una scoperta che sbalordisce, che anche dopo molti decenni ci lascia esterrefatti, attoniti, a contemplare un mistero più grande di noi per il quale, come povere creature, siamo indegni. INFATTI LA VOCAZIONE SACERDOTALE È UN DRAMMA! UN DRAMMA PERSONALE perché tocca ciò che c’è di più individuale e personale in un uomo facendolo entrare in una dimensione soprannaturale che ci trascende perché non è sempre facile da comprendere, nemmeno per noi preti (…).

Però non è sufficiente la chiamata (…) perché questa chiamata di Cristo deve essere sancita, consacrata, passata a ferro e fuoco come un sigillo, in un certo senso, attraverso IL SACRAMENTO DELL’ORDINAZIONE SACERDOTALE” che conferisce al “Chiamato, all’Eletto” gli stessi poteri di Gesù Cristo per sempre “TU ES SACERDOS IN AETERNUM”, proprio come il Cristo. Mistero sublime degno di un Uomo-Dio che più si conosce da vicino e più ci commuove fino alle lacrime. (…)

            Ancora San Paolo parlando di Cristo Sacerdote dice che i suoi doni erano “PRECES SUPPLICATIONESQUE” “PREGHIERE E SUPPLICHE”.  Ecco il prete, l’uomo della preghiera. Il prete deve pregare e pregare sempre, sotto pena di sfalsare sé stesso e diventare una copia adulterata del Cristo che passava le notti sulla cima dei monti a pregare.

            Ma volete vedere il prete nella sua fisionomia più vera, più esatta e più adeguata? Venite a vederlo qui quando inalbera le sue mani sull’altare per mostrarvi il sole divino disceso dal Cielo.  IL SACERDOTE E’ PER ECCELLENZA IL SACRIFICATORE, vittima pro populo, proprio come Gesù. Ed è nella Messa in particolare che egli vive questo sacrificio, incruento ma reale, ugualmente valido ed efficace per il perdono dei peccati e la salvezza dell’umanità. La Messa è la più sacerdotale delle azioni, è l’AZIONE PIU’ SULIME DELLA TERRA ED E’ ANCHE LA MENO COMPRESA E VALUTATA.

            Ma poi San Paolo descrive i compiti che legano profondamente il sacerdote agli uomini: perché possa comprendere il dolore di coloro che sono nell’ignoranza e nel peccato e proprio qui avete la spiegazione, la risposta al perché il Cristo è venuto a cercarsi i preti fra gli uomini. E’ NECESSARIO CHE IL PRETE SIA UOMO PERCHE’ E’ NECESSARIO CHE IL PRETE SENTA LA DEBOLEZZA, LA LOTTA, I DOLORI, LE TENTAZIONI, I TIMORI, LE RIVOLTE DELL’UOMO… E’ NECESSARIO CHE EGLI SIA MISERABILE PER ESSERE MISERICORDIOSO!     (…)

            San Paolo indica anche i destinatari dell’azione del prete: coloro che sono nell’ignoranza e coloro che peccano. Il sacerdote deve portare la scienza agli ignoranti. Quale scienza? IN UNA PAROLA IL PRETE INSEGNA INNANZITUTTO LA SCIENZA DI SALVARSI L’ANIMA. Sono ingiustificabili pertanto coloro che cercano nel prete eleganti discorsi umani o dotte elucubrazioni come se egli avesse una dottrina sua da propagandare, frutto di sue speculazioni filosofiche. NO! Perché il prete, anche il meno dotato, ha questa meravigliosa potestà di predicare la verità più sublime e più grandiosa che sia mai stata annunciata sulla terra. E questo con una certezza e con una sicurezza tali che trascendono ogni autorità e sapienza umana, perché la dottrina del prete non è sua ma di Gesù Cristo e come tale porta in sé stessa le garanzie della verità, perché si tratta innanzitutto di annunciare LA SCIENZA DELLA SALVEZZA ETERNA che accomuna e riguarda tutti gli uomini di tutti i tempi  (…)

 

                                    Da alcuni scritti e omelie di

                                    Don Ferdinando Rancan

 

 

giovedì 25 marzo 2021

25 MARZO FESTA DELL' ANNUNCIAZIONE .

 

OGGI 25 MARZO FESTA DELL’ANNUNCIAZIONE

DELL’ARCANGELO SAN GABRIELE 

ALLA VERGINE MARIA

 

A nove mesi dal Santo Natale

 

Riportiamo un brano molto significativo tratto dal libro “LA MADONNA RACCONTA”

di Ferdinando Rancan, edizione Fede & Cultura

 

 

LO SPIRITO SANTO SCENDERÀ SU DI TE

           

La risposta dell’Angelo al mio quesito fu immediata: “Lo Spirito Santo scenderà su di te, la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra… 

Figlio mio, Gesù non poteva essere opera dell’uomo. Infatti pur essendo vero uomo, “concepito nel grembo di una donna”, e perciò partecipe in tutto della natura e della stirpe umana, erede del regno di David, suo padre, egli è vero Dio, Santo, Figlio dell’Altissimo.

            Io non avrei capito le parole dell’Angelo senza lo Spirito Santo. Lo Spirito Santo è luce e potenza. È luce perché ci fa comprendere le cose di Dio e il suo mistero. Se quel Bambino è Figlio di Dio, come poteva essere figlio mio? E perché mai il figlio di Dio doveva diventare figlio della mia verginità? In quel momento non ebbi né tempo né modo per comprendere, ma la luce dello Spirito Santo mi fece capire che così doveva avvenire. Solo più tardi compresi che il segreto stava tutto in quel nome: Gesù. “Lo chiamerai Gesù – Dio che salva – perché egli salverà il suo popolo dai suoi peccati”.

            Figlio mio, noi a volte siamo presi dalla fretta di conoscere i disegni di Dio, ma lo Spirito Santo cammina con noi secondo i passi della nostra fede. Egli ci precede sempre perché dall’eternità predispone le sue opere e i suoi interventi, ma la loro comprensione si compie in noi nel tempo, con i passi della nostra fede. La fede ci si presenta spesso come un salto nel buio, ma non è così. La fede, quando è fede vera, è sempre un salto fra le braccia di Dio. Anche se non comprendiamo subito, anzi proprio perché non comprendiamo quello che Dio fa e ciò che egli vuole, ci fidiamo di lui e perciò ci affidiamo a lui. 

Lo Spirito Santo è puntuale, non manca mai agli appuntamenti con la nostra fede. La sua luce ci illumina sempre, ma soprattutto nei momenti decisivi della nostra vita e diventa la strada che dentro di noi ci introduce profondamente nella conoscenza del mistero di Dio e del suo amore.

            Perché mai, dunque, il figlio di Dio doveva diventare figlio dell’uomo? Ricordai allora le parole dell’Angelo: “Lo Spirito Santo scenderà su di te…”. Alla luce di queste parole compresi che a salvare l’uomo doveva essere sì, un uomo, però un uomo che fosse “Opera dello Spirito Santo”. Gli uomini, infatti, col loro peccato, avevano perduto il loro rapporto con Dio come figli, e pertanto a ripristinare questa dignità di figli, doveva essere un “uomo-figlio di Dio”.

    Vedi come il Signore non umilia mai l'uomo? Forse avrebbe potuto liberare l'umanità dal peccato in altri modi, senza coinvolgere l'uomo, facendogli così provare l'umiliazione della sua nullità e della sua impotenza. Invece ha preferito umiliare sè stesso per non umiliare l'uomo, e facendosi creatura nel grembo di una donna, ha trasformato l'umiliazione e la miseria dell'uomo in forza redentrice di salvezza. Si è fatto figlio dell'uomo , ma restando figlio di Dio. VERO UOMO E VERO DIO.

    Ti rendi conto di quale amore Dio ci ha amati? Quale immensità di grazia si racchiude nei prodigi da lui compiuti? <e lo ha fatto per te! Solo la luce dello Spirito Santo può introdurti nell'abisso della sua misericordia dove risplende la potenza dell'amore di Dio, e vi risplende in maniera ancora più viva e luminosa che non nel mistero della creazione. 

    E' nella luce dello Spirito Santo che si rivela lo splendore delle opere di Dio.  (...)

                                                   Da “La Madonna racconta”

                                                        di Ferdinando Rancan

mercoledì 24 marzo 2021

OMELIE SPARSE DI DON FERDINANDO RANCAN .

 

OMELIE VARIE


 OMELIE DI DON FERDINANDO RANCAN CHE NON SEGUONO UN PARTICOLARE ANNO LITURGICO MA CHE SONO TRATTE DA VARI BRANI DEL VANGELO.

RAPPRESENTA UN'OTTIMA CATECHESI FONDATA SUL VANGELO E SULLA VITA ASCETICA PER CHI VUOLE CERCARE DI VIVERE DA VERO CRISTIANO.


 DENTRO IL LINK TROVERAI L’ELENCO DELLE MEDITAZIONI CON I RISPETTIVI TITOLI DEI BRANI DEL VANGELO DA SCEGLIERE A PIACERE E SEMMAI DA PASSARE AD AMICI INTERESSATI.  BASTA FARE COPIA E INCOLLA SUL LINK SOTTOSTANTE.

 

: https://www.youtube.com/playlist?list=PLPhASwn2_5f2z0ZzbzrGeq1W2Onv5EMmc