lunedì 14 settembre 2020

LA MASCHERINA IN CHIESA. OFFESA A DIO, ALL'INTELLIGENZA E ALLA SALUTE.

 

LA MASCHERINA IN CHIESA 

 Offesa a Dio, all’intelligenza e alla salute


Come da elenco in calce al foglio che riporta il parere di medici illustri che si esprimono sia in merito al coronavirus che è sparito, come da affermazione dell’ISS (Istituto Superiore Sanità) che afferma la stessa cosa, anche se sommessamente per paura della sollevazione dei media, e come dal parere della stessa OMS, Organizzazione mondiale della sanità, costretta, obtorto corto, davanti all’evidenza, ad affermare la stessa cosa, risulta che l’uso della mascherina non solo è inutile per l’eventuale diffusione di virus e non solo il corona, ma che è PERICOLOSO PER LA SALUTE, PERCHE’ TOGLIE IL 50% DI OSSIGENO senza che ce ne rendiamo conto, col pericolo di eventuali improvvisi svenimenti, oltre che costringerci a respirare quei batteri e quell’anidride carbonica che emettiamo dalla espirazione e che invece di essere dispersa nell’aria, viene di nuovo da noi riciclata più volte con grave pericolo per la nostra salute.

PUNTO 3 OFFESA ALLA SALUTE.  Pertanto se vogliamo anche solo fare una veloce analisi dal punto di vista medico di quanto sia pericolosa la mascherina che vogliono imporre anche ai ragazzini nelle scuole tutto il giorno consapevoli di quanto male possa arrecare, partiamo dall’ultimo punto: SALUTE. Dappertutto ma in particolare in chiesa la mascherina è inutile perché l’eventuale contagio non c’è, e se ci fosse, si risolve con le medicine di una comune influenza; ma oltre a questo, la mascherina è pericolosa per la salute per i motivi sopra esposti.

PUNTO 2. OFFESA ALL’INTELLIGENZA. Pertanto, per quanto già detto, risulta che la mascherina, se costituisce un’offesa all’intelligenza nei luoghi comuni, IN CHIESA SOPRATTUTTO DIVENTA SEGNO DI IMBECILLITA’ SUPREMA E MASSIMA, a cominciare dai celebranti, sacerdoti e Vescovi che mi sembrano mummie terrorizzate e degne solo di essere esposte al museo delle cere. Oltretutto i celebranti quando parlano o predicano, si tolgono la mascherina, per grazia di Dio, altrimenti metà della gente se ne andrebbe indignata perchè non si capisce nulla, e allora… a che serve?? Solo a dimostrare obbedienza cieca e ottusa a quei poteri forti che ci vogliono telecomandare. MA SE NON REAGIAMO SUBITO CON CORAGGIO, VA A FINIRE CHE CI OBBLIGHERANNO UN PO’ ALLA VOLTA A DELLE IMPOSIZIONI SEMPRE PIU’ ASSURDE E VINCOLANTI DALLE QUALI NON USCIREMO PIU’. Anzi, saranno i fedeli a non entrare più in chiesa di questo passo, soprattutto quando si sentono intimare dal celebrante sull’altare con voce catastrofica come se fossimo davanti a un terremoto: “Attenzione! La mascherina va messa su tutto il viso, fino sotto gli occhi”, mentre nulla hanno mai obiettato contro quelle donne che entrano in chiesa con le gambe al vento e il seno che balla a tutta vista come pecore nude.  STOLTI!

PUNTO 1. OFFESA A DIO. Questo è l’aspetto più importante. Ma se la chiesa è sempre stata e sempre sarà luogo di salvezza e di purificazione, a che serve la mascherina, se non a intralciare l’azione di Dio nella nostra vita per mancanza di fede? Se i Sacramenti, in particolare la Santa Eucaristia, hanno sempre avuto lo scopo di guarire sia l’anima che il corpo (se ricevuti in grazia, ma per ora lasciamo perdere), che ce ne facciamo della mascherina se serve solo a impedire che questa grazia scenda nel nostro cuore e nel nostro corpo, a motivo della mancanza di Fede di chi si ostina a portarla, preti e Vescovi in testa? NOI ABBIAMO TRASFERITO IL NOSTRO CRITERIO DI SALVEZZA DA GESU’ CRISTO ONNIPOTENTE ALLA MASCHERINA SCHIFOSA, AL DISTANZIAMENTO INUTILE E NOCIVO PER I NORMALI E DOVEROSI RAPPORTI TRA DI NOI CHE LE LOBBY CI VOGLIONO IMPEDIRE.

La Santa Eucaristia non contagia, Dio non contagia, ma guarisce… come dimostrano le guarigioni miracolose da tutte le pestilenze che si sono avute lungo i secoli, dove le persone guarivano al solo passaggio della Santa Ostia esposta nell’Ostensorio che veniva portata da sacerdoti o Vescovi che avevano fede allora!!  E pertanto è la fede che smuove le montagne, che guarisce le pestilenze, che converte le anime perché alla fine ciò che veramente conta è il nostro destino di eternità dopo questa vita, il giudizio di Dio su ciascuno di noi, e se abbiamo perso di vista questo nostro ultime fine che accomuna tutti gli uomini di tutte le nazioni e religioni, abbiamo perso davvero la nostra vita, sia sulla terra che nella Vita eterna.

Occorre andare contro corrente, da subito, con coraggio e fede. NO ALLA MASCHERINA IN CHIESA.  Gesù è con noi.

                                        Patrizia@patriziastella.com

 

giovedì 10 settembre 2020

ATTENZIONE!!! ELEZIONI REGIONALI VENETO

 Cari amici,

 non c'è da stupirsi se molti si sentono talmente stanchi e sfiduciati da pensare di disertare il voto del 20 e 21 settembre per le regionali, ma non possiamo assolutamente permetterci di rinunciare a questo nostro diritto dovere ovviamente per le Regioni indicate.

 IO PARLO PER IL VENETO E mi permetto di segnalare con certezza il nominativo di una candidata eccezionale, avvocato, sposa, madre di due figli, profondamente cattolica e credente, forte e coraggiosa nella difesa dei valori civili e morali, nel suo impegno decennale anche come rappresentante dei genitori presso le scuole salesiane e nella difesa della giustizia e del diritto nell’ambito di alcuni concreti problemi sociali di Verona, per difendere i quali bisognava andare contro corrente con vero coraggio e responsabilità.

 Per questo motivo è necessario che a rappresentare le singole Regioni ci siano candidati coraggiosi e non esecutori passivi degli ordini provenienti da Roma, magari per avere benefici personali senza alcun impegno, senza un contraddittorio ragionevole e fondato, come purtroppo è avvenuto anche in Veneto in molte circostanze nelle quali i nostri rappresentanti regionali non hanno certo combattuto per noi, per i nostri diritti. E’ ora di dare una svolta con la nuova candidata:

                                MADDALENA MORGANTE

   DELLA LISTA “FRATELLI D’ITALIA DELLA MELONI”

 

Il suo programma è riassunto in tre punti fondamentali:

                          "FAMIGLIA

                          IMPRESA

                          SICUREZZA". 

 Come da link più dettagliato:

https://www.facebook.com/111261983773097/posts/180949623470999/?extid=Qk22yDLEmiPKOzcB&d=n

 Maddalena conta sul sostegno di ognuno di noi perchè noi, dopo la sua vittoria, vogliamo contare su di lei, sul suo aiuto e intraprendenza nel difendere e rappresentare gli interessi di ciascuno di noi, del Veneto e degli italiani.

 

SBARRATE IL SIMBOLO DI  "FRATELLI D'ITALIA"

E SCRIVETE          MORGANTE

 E come veneti credenti, puntiamo soprattutto sull'aiuto della preghiera in questi tempi luciferini, non solo per le elezioni regionali ma per tutto, per noi, i nostri figli, le nostre famiglie, la nostra povera Italia sotto bersaglio del diavolo, le nostre aziende, in pratica la nostra libertà che sta per essere soffocata da una sinistra che è una preoccupante dittatura senza confini.

Ma con la Madonna, Regina delle Vittorie, vinceremo anche questa battaglia.

                                                            patrizia@patriziastella.com

 

   E PER LE VOTAZIONI    SI  o   NO  RELATIVE AL NUMERO DEI PARLAMENTARI, CHI MI SEGUE E' PREGATO DI  BARRARE LA CASELLA   DEL

                                             NO

detto in breve perchè sono molto di più gli svantaggi che i vantaggi che questo voto comporta.   Noi di destra ci perderemmo grandemente.


martedì 8 settembre 2020

DATA MOLTO IMPORTANTE: 12 SETTEMBRE

 

DATA MOLTO IMPORTANTE: SABATO 12 SETTEMBRE 

 Questa data che è importante da sempre perché commemora la festa del SANTISSIMO NOME DI MARIA, quest’anno è oltremodo importante e significativa perché, dietro suggerimento di un certo sacerdote illuminato, che si firma col nome di DON ELIA, TUTTI I GRUPPI DI PREGHIERA D’ITALIA, PICCOLI E GRANDI, OLTRE CHE LE SINGOLE PERSONE, SONO INVITATI A SUPPLICARE LA MADONNA E SAN MICHELE ARCANGELO PERCHE’ METTANO FINE A QUESTA STORIA ASSURDA DEL COVID CHE IMPEDISCE ALL’ITALIA DI LAVORARE E DI MUOVERSI CON DANNI IRREVERSIBILI E INCALCOLABILI DA TUTTI I PUNTI DI VISTA, A INIZIARE DALLA SCUOLA E DAI BAMBINI.

 

Pertanto ci riuniremo, preferibilmente nel pomeriggio dalle ore 17 alle 18 circa per la recita dei tre Santi Rosari preceduti o completati dalla formula di consacrazione al Cuore Immacolato di Maria e alla preghiera di esorcismo a San Michele Arcangelo perché mettano fine a tanto disastro, soprattutto intellettuale perché adesso questa storia assurda ha preso il cervello di tutti e la gente è come impazzita e non capisce niente.

 

Sembra quasi un maleficio e non c’è da stupirsi in quanto il virus ha cominciato a serpeggiare da quel 5 ottobre 2019, data in cui Bergoglio ha intronizzato in San Pietro la statua della dea pagana Pachamama, senza che nessuno in Vaticano provvedesse in seguito a organizzare qualche preghiera di riparazione e riconsacrazione della basilica per l’atto gravemente sacrilego commesso nel cuore della cattolicità da un vescovo di Roma che non è papa in quanto l’unico vero papa è Benedetto XVI.

 

Davanti alla nostra più assoluta impotenza, l’unica arma vincente in nostro possesso è la preghiera rivolta alla Santissima Vergine da ogni parte d’Italia e forse anche del mondo, perché abbia pietà di noi, della nostra situazione di schiavi del nemico di Dio che ci vuole tenere incatenati per opera dell’azione luciferina di chi ci governa, i quali nel frattempo ci svendono l’Italia e tutti i nostri meravigliosi valori umani e cristiani costruiti dai nostri antenati a prezzo del loro sangue e sacrificio.

 

Nel link allegato troverete tutte le spiegazioni e le preghiere necessarie da recitare INSIEME ALL’UNISONO SABATO 12 SETTEMBRE NEL POMERIGGIO COME RIPARAZIONE PER I NOSTRI PECCATI E PER IMPETRARE DALLA MADONNA IL SUO AIUTO CONTRO LE INSIDIE DEL DIAVOLO.

 

                             PASSAPAROLA.    GRAZIE

 

https://youtu.be/xgAiMB9G7-A

 

 

mercoledì 19 agosto 2020

LA SINISTRA NELLA POLITICA E NELLA VITA

LA “SINISTRA” NELLA POLITICA E NELLA VITA

Molti si chiedono con sconcerto come siamo finiti quasi irreversibilmente, a meno di un miracolo liberatore, negli artigli di una politica così corrotta, ipocrita, intenta supinamente a riverire solo gli ordini della UE che sono sempre contro gli interessi degli italiani i quali, anziché ribellarsi. sono diventati progressivamente tutti bravini, obbedienti, sottomessi e rassegnati come pecore da macello senza un minimo di reazione, di senso di orgoglio e di dignità, almeno verso la propria famiglia, o azienda, o patria, o cultura cristiana che stanno andando alla malora.

In Italia, al di là di brevi alternanze di governo fra destra e sinistra in questi ultimi decenni, la realtà è che l’astuzia di quelli di sinistra, appoggiati dai soliti poteri forti e oscuri e da certa Magistratura, ha sempre impedito alla destra di governare, nonostante avesse più volte la maggioranza, estromettendola spesso con false denunce calunniose, di cui abbiamo avute le prove schiaccianti recentemente, perché lo stile della sinistra, cioè di tutto quell’agglomerato che comprende: comunisti, massoni, marxisti, laicisti, atei ecc e che nel tempo ha cambiato diverse terminologie (PC Partito comunista, DS Democratici di sinistra, adesso PD Partito democratico ecc.) ma la testa che comanda è sempre la stessa, è quello che pretende di essere sempre al potere a qualunque costo. Con quali risultati poi lo vedono anche i ciechi e gli ottusi.

E’ vero che il termine di “sinistra o destra” come schieramento politico si può prestare a confusione o malintesi, perché non si tratta certo di una posizione logistica secondo la quale, gli schieramenti possono passare da una parte all’altra del Parlamento cambiando di posto e di nome, assolutamente no! Come è altrettanto vero che il male e il bene non sono mai del tutto da una parte o dall’altra, ma spesso sono mescolati, come vediamo nella persona umana, fatta di ispirazioni buone e nel contempo di tendenze cattive, e infatti anche nella politica ci sono persone che rappresentano questi valori buoni o cattivi dentro qualunque schieramento. Senza dire di quei politici che non hanno alcun scrupolo di fare i passaggi dall’una all’altra parte a seconda della convenienza personale o collettiva.

Detto questo, non si può assolutamente negare che esiste una visione, un comportamento, uno stile, un’anima, un’ideologia, insomma un programma di “sinistra” e uno ben diverso, anzi del tutto opposto, di “destra”, due categorie che sono in totale contrapposizione tra loro “aut, aut”, o si è dalla parte sinistra o dalla parte destra, le vie di mezzo non le teniamo in considerazione perché ambigue. Sono due categorie reali e non solo simboliche o rappresentative, ma che potrebbero avere un loro fondamento concreto, diciamo pure “antropologico” prima che politico, e sembra abbiano la loro radice iniziale addirittura nella Bibbia.

Molto bene ha spiegato questo “dualismo” dal punto di vista antropologico-biblico il prof. Giovanni Zenone, direttore della Casa Editrice Fede & Cultura, in un suo libro dal titolo “A sinistra di Dio” dove con esempi molto concreti, mette in evidenza la contrapposizione di queste due categorie, sinistra o destra, che vengono menzionati molte volte nella Sacra Scrittura. Copio alcune frasi dal libro citato: “Si tratta di una opzione fondamentale dell’uomo, sinistra o destra, che si riflette poi nel pensiero e nell’azione, anche politica, ma non solo, perfino spirituale; (…) La Bibbia infatti è ricolma di preziose espressioni di questo sentire di antichissima tradizione. La destra del Signore, ad esempio, è la mano della sua potenza, che sconfigge i nemici e li annienta. Al suono della tromba, tenuta nella mano destra, Gedeone sconfigge i Medianiti senza colpo ferire; (…);  dice il Qoelet, 10,2 “La mente del sapiente si dirige a destra e quello dello stolto a sinistra”; (…)  Betsabea, che tanto aveva fatto per far avere il trono al figlio Salomone, da questi viene ripagata ricevendo il posto alla sua destra; Lisia, alla morte del perfido Antioco, decide di “dare la destra”, cioè di fare pace con gli Israeliti; (…)

          Anche nel Nuovo Testamento ci sono vari riferimenti alla destra e alla sinistra. Famoso è quel brano del capitolo 25 di Matteo, dove si parla di Gesù come Giusto Giudice che verrà a separare a sinistra i “capri” i maledetti, i condannati al fuoco eterno, mentre alla “destra” saranno annoverate le “pecore”, cioè i benedetti, i santi per l’eternità. Dopo una notte di pesca improduttiva, Gesù fa gettare agli apostoli le reti a destra della barca che si riempiono di pesci. A Gesù fu consegnata la canna, durante la passione, nella mano “destra”, segno inconsapevole della regalità di Gesù; se la mano destra, però, è motivo di scandalo, tagliala, dice Gesù, come pure l’occhio destro; Dopo la sua resurrezione, Gesù fu annunciato alle donne da un Angelo seduto a destra, mentre dopo l’Ascensione, Gesù sale al cielo e siede alla destra del padre, da dove verrà a giudicare le Nazioni della terra. Ecc. “          Si tratta solo di simbologie o non piuttosto di una realtà concreta che contiene dei significati più profondi, che si realizzano nelle scelte di vita legate alla libertà dell’uomo?

 UN DECENNIO DI GOVERNO DI SINISTRA. Sta di fatto che, Bibbia o no, è da circa un decennio che l’Italia è progressivamente e irreversibilmente finita nelle reti di un governo comunista tra i peggiori, iniziato da quella specie di “colpo di stato iniquo” orchestrato dall’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che ha defenestrato l’allora presidente del Consiglio Silvio Berlusconi nel 2011 per “intronizzare” il miracoloso professore della Bocconi, Mario Monti, al quale sono stati conferiti pieni poteri perchè risanasse le sorti di quella economia italiana che stava andando a rotoli grazie ai precedenti governi, quasi tutti di sinistra, oppure governi di destra ma pressoché inesistenti perchè è già gravemente lesivo del diritto costituzionale e degli interessi dei cittadini continuare a impedire alla destra di governare a forza di accuse false e infondate per smentire le quali occorrono anni di tribunali, prove, avvocati, tempo, denaro e fatica. E nel frattempo, “calunniate, calunniate! Diceva Voltaire, qualche cosa resterà. E in questa situazione di continuo litigio chi ci guadagna comunque è sempre e solo il politico, mai il cittadino italiano. Comunque sia, anche questo risultato del “nulla di fatto” è una delle glorie di cui si vanta la politica di sinistra forte di quel suo motto: “O con me dove voglio io, o ti distruggo!

 IL DISFACIMENTO PROGRESSIVO DA MARIO MONTI IN POI. Forse gli italiani hanno scordato la loro storia anche recente, ma conviene invece che qualcuno tenga desta la loro memoria se non altro per far tesoro degli errori passati e col “senno di poi”, cambiare possibilmente stile di vita e di scelte politiche. Il prof. Monti, che allora era  presidente di due o più importanti organizzazioni massoniche: “la Bildeberg e la Commissione Trilaterale”, ha saputo usare di questi pieni poteri per aumentare sproporzionatamente le tasse del primo bene rifugio per eccellenza degli italiani che è la casa, (spesso acquistata a forza di mutui e sacrifici) costringendoli a svendere la propria abitazione, sicuramente la seconda che risultava di aggravio, se volevano sopravvivere; per poi aumentare la disoccupazione a forza di burocrazia e ostacoli vari; dimezzare i fondi economici alla nostra sanità, che era il fiore all’occhiello della ricerca scientifica, facendo chiudere molti ospedali di tutto rispetto, attraverso i governi regionali tutti proni al volere del professore, compreso il governatore Zaia, e costringendo le “eccellenze” di medici e para medici ad espatriare per non essere costretti a fare gli infermieri generici buttando all’immondizia la loro preparazione professionale. Il settore scuola nell’abbandono più totale, senza dire del crollo che ha avuto tutto il settore della siderurgia, degli artigiani, della manifattura in genere, del turismo, arte e spettacolo… insomma il crollo di tutta l’Italia che fino agli anni 2000 era l’eccellenza in assoluto ed esempio per tutto il mondo. Poi siamo entrati nel tunnel oscuro della Unione Europea e da lì è iniziata la nostra inesorabile rovina. Perché? Perché l’Unione europea è tutta di sinistra, sempre e solo di sinistra e i suoi obiettivi sono di sinistra. Li andremo spiegando meglio se avete la pazienza di leggere.

Infatti quando si adotta o si accetta un sistema politico-economico perverso pilotato da certe lobby di potere per cui le persone si usano e poi si gettano calpestando la loro dignità e prestigio professionale in vista non del Bene Comune della Nazione ma di trame e finalità losche a vantaggio di pochi potenti, si crea una situazione di grave ingiustizia anche dal punto di vista morale, di cui la sinistra se ne fa un baffo, anzi un vanto, situazione che rende la vita invivibile, tanto che ha indotto molti imprenditori alla disperazione e al suicidio, nonostante i primi creditori di questi piccoli manager fossero proprio gli enti pubblici statali che mai si decidevano a pagare. E se in Italia tagliamo il lavoro ai piccoli e medi imprenditori che costituiscono il tessuto osseo portante di tutta la Nazione, francamente dei miserabili sussidi dello Stato per tamponare i danni che esso stesso arreca, non sappiamo che farcene. E’ come appiccare il fuoco a una foresta e poi pretendere di spegnerlo con un secchiello d’acqua fresca.

 Ultimamente è tornato alle luci della ribalta anche il finanziere, ex presidente della BCE, (Banca Centrale Europea), Mario Draghi. Solo per fare una conferenza al meeting di Rimini o per far capire che sta aspettando il suo nuovo posto di prestigio, magari al governo?  In che cosa si è distinto Mario Draghi, se da bravo italiano in tutti quegli anni cruciali come presidente della BCE non è riuscito a portare nelle casse dell’Italia nemmeno un quattrino? Mentre l’Italia ha versato miliardi alla UE sia per entrare in Europa (sic!) che per mantenere alte le finanze di tutti gli altri Stati meno che il nostro? Può essere stato anche un grande uomo politico finanziario, al momento non ho gli elementi per dare un giudizio, però l’Italia si aspettava qualcosa di più dal suo posto di prestigio, se non altro per onorare quel detto “Dai loro frutti li riconoscerete”; quali frutti ha portato Mario Draghi nell’economia generale italiana al punto tale da poterla risollevare? Si sentiva più europeista che italiano, più tedesco che italiano, più francese che italiano mentre avrebbe dovuto difendere gli interessi della sua patria. Adesso crediamo che voglia fare davvero un cambio di rotta, o non sarà solo per spiazzare qualcuno che comincia a diventare ingombrante e scomodo, come spesso succede? E Draghi, come Monti, Letta, Renzi, Gentiloni e altri “riciclati” al governo italiano o europeo sono tutti di sinistra.

 POLITICI DI REGIME PROTETTI E RICICLATI. Vediamo infatti che gli stessi uomini di sinistra che hanno contribuito a tanto disastro, vengono prima o poi “riciclati” e addirittura premiati e ce li ritroviamo sempre a dirigere qualche ministero o settore rimasto ancora miracolosamente in piedi nella catastrofe generale, forse perché ancora utile alle finalità losche di certa sinistra. Infatti, a conferma di tutto ciò, leggo oggi, in pieno ferragosto, che lo stesso Mario Monti è stato, diciamo così, riesumato dal silenzio di questi anni e “premiato” per il suo precedente “encomiabile” lavoro di picconatore come presidente del Consiglio, con la nomina prestigiosa ad un’alta carica onorifica del settore economico dell’OMS, l’Organizzazione mondiale della sanità. Conoscendo l’operato della OMS per varie vicende tristi di cui parleremo, ma ultimamente per come ha gestito infaustamente la questione del virus a livello mondiale, non c’è da stupirsi di certe nomine.

Tanto che il presidente Trump le ha sottratto i fondi americani, come a certe fondazioni pro aborto, e mettendo sotto controllo anche l’operato di certi organismi onnipotente e incontrollati quali ONU e NATO, dando così inizio anche in America a una lotta senza precedenti contro la postazione di sinistra a cui si ispirano questi e altri organismi multinazionali, anche se chiamata impropriamente “ala democratica” quella di Obama e della Clinton, per capirsi, che appoggiano il prossimo candidato alla presidenza, Joe Biden. Trump invece, pur essendo nel suo modo di operare, sganciato e indipendente da tutte le correnti, è comunque sostenuto da quella corrente anti comunista che è la cosiddetta “ala repubblicana”, in un certo senso la nostra “destra” italiana, nonostante ci siano molti che lo combattono anche tra i suoi sostenitori, tanto per confondere le idee alla gente.

D’altra parte, non si chiamava “democratica” sino a pochi anni fa, anche la parte della Germania sotto la dittatura comunista? E la Cina dittatoriale non si chiama “popolare” mentre è il peggiore regime comunista che esista sulla terra? Senza dire delle varie “metamorfosi” solo di nome ma non di fatto, del Partito Comunista italiano che da PC divenne PDS, Partito Democratico di Sinistra, e al momento si chiama PD, cioè partito democratico, nonostante la conduzione più statalista, imperialista e comunista, cioè “DI SINISTRA” che l’Italia abbia mai avuto.

Come si vede, ogni mondo è paese, perché ovunque, in qualunque parte del mondo si vada a investigare, troveremo sempre una perenne presenza massiccia e compatta della cosiddetta “sinistra” per il potere, che si vanta di rappresentare la democrazia, il popolo, il progresso contro ogni verità rivelata trascendente, contro ogni valida proposta della controparte, contro i loro stessi aderenti se non in perfetta linea con i diktat dei grandi capi, ecc. perché SOLO LA SINISTRA CONOSCE CIÒ CHE È BENE E CIÒ CHE È MALE, CONTROLLA E DECIDE DELLA TUA VITA, DEL TUO FUTURO, DEI TUOI FIGLI, DELLA TUA CASA, DELLA TUA AZIENDA.  Ultimamente, con la legge Zan Scalfarotto contro l’omofobia, pretende di controllare e decidere anche del tuo pensiero, dell’intimità della tua coscienza che deve essere tenuta sempre e solo sotto il controllo di sua maestà il governo comunista di sinistra, unica vera divinità davanti alla quale inginocchiarsi, pena il carcere, il sequestro dei tuoi beni e, Dio non voglia, anche dei tuoi figli.

 FIGLI PROPRIETA’ DELLO STATO. Perché di questo si comincia già a parlare tra i comunisti, non più in segreto come per Bibbiano, ma apertamente come nuovo glorioso sistema del regime dittatoriale comunista italiano di cui gloriarsi: i figli sottratti ai genitori perché di proprietà dello Stato, tanto che viene impedito perfino il ricorso legale perché tutte le idiozie che si inventa la sinistra (anche se già vecchie e sperimentate dal mai concluso partito comunista di staliniana memoria), sono sempre protette e rese inappellabili da certe leggi inique studiate ad hoc, e da certa magistratura che le avvalla, le promulga e le impone, buone o cattive che siano, pena la galera o la deportazione a vita, come nei gulag.  Sua maestà “la sinistra comunista” ha deciso così, e così sia, AMEN! Chiuso il dibattito, ancor meno il tanto conclamato dialogo che non esiste, perchè davanti al delirio di onnipotenza della sinistra c’è solo da sperare nella consolazione del premio eterno del Paradiso, a meno di un intervento clamoroso di nostro Signore Gesù Cristo

 

COMUNISMO COME COMBATTIMENTO. In effetti, “l’anima profonda” diciamo così, della “SINISTRA”, che neppure i comunisti conoscono fino in fondo tanto è ben camuffata da nobili ideali in favore delle classi povere, come se fossero i grandi benefattori dell’umanità, questa anima profonda e oscura diciamo così, si distingue per una caratteristica peculiare che è il cosiddetto “combattimento, o lotta comunista, anche se non sempre armata”. Infatti la sinistra non ragiona, ma combatte, per chi o che cosa spesso lo ignora, almeno il popolino, ma deve continuare a combattere, sulla dottrina filosofica mai tramontata di Marx ed Hegel che prospettano la vita dell’uomo come una continua evoluzione, un eterno, inquieto divenire tra “tesi, antitesi e sintesi”, che prevede una lotta di classe e di vita senza fine perché sempre orientata al combattimento perenne, al superamento infinito dello “status quo”. Il guaio è che il popolino che combatte e tribola, i vari centri sociali che si gloriano di distruggere tutto dove passano, neppure conoscono tutto questo meccanismo perverso ma sono solo dei poveri burattini ignoranti nelle mani dei potenti.

Raggiunta una meta, ecco apparirne un’altra, per la quale sacrificarsi e continuare a combattere con frenesia e spesso anche con violenza fisica, come una specie di inquietudine perversa tipica del demonio e delle anime dannate, ben descritta in pochi versi dal Sommo Poeta nel primo cantico dell’Inferno il quale, riferendosi a una lupa affamata dice che: “ha natura si malvagia e ria, che mai non empie la bramosa voglia e dopo il pasto ha più fame che pria.”

Questa è la sinistra del regime, ma l’ottusità e cecità dei cittadini comuni, anche dei credenti è ormai così grave, da aver creato una specie di plagio psicologico nel cervello di molta gente che, nonostante si renda conto che è sull’orlo della fame e dell’iniquità, continua come un mulo cieco, a votare sempre e solo la sinistra, credendo di conciliarla con la giustizia, con i valori, col benessere, con Dio, con Gesù Cristo, con la Chiesa, con tutto e il contrario di tutto, perchè ormai la sinistra comunista, appoggiata, come se non bastasse, dalla falsa chiesa Bergogliana è diventata lo strumento di satana per colpire l’umanità. E in questa prossima punizione che ci assesterà il diavolo per aver noi abbandonato il vero Dio, purtroppo, per inginocchiarci davanti agli idoli, vuoi il denaro, successo, potere, vuoi le statuine della dea madre terra Pachamama, che papa Bergoglio ha spudoratamente intronizzato nella basilica di San Pietro, siamo coinvolti tutti, purtroppo, perché ognuno di noi ha la sua parte di responsabilità.

 

LOTTA CRISTIANA E LOTTA COMUNISTA. Qualcuno ha definito i comunisti, almeno quelli più impegnati, “MILITES PERVERSIONIS””, cioè combattenti per la perversione. Ed è anche per questo aspetto di “lotta” contro un presunto male da combattere, che alcuni studiosi hanno impropriamente paragonato il cristianesimo al comunismo, in quanto entrambi lottano per qualcosa “di buono”, sembrerebbe all’apparenza, ma con finalità, mezzi e obiettivi ben diversi.

Infatti il vero cristiano deve combattere anzitutto contro i propri difetti e peccati per configurarsi a Cristo, “siate perfetti come è perfetto il Padre mio” ma anche per la giustizia e altre virtù indispensabili per difendere la propria fede, libertà, dignità personale e altrui, però mai con rabbia, ma con abbandono alla volontà di Dio che conduce le redini della storia, anche nelle avversità; mentre il combattente comunista lotta innanzitutto per annientare l’altro, il concorrente, il nemico, chiamalo destra o “punto A” o “punto B”, nemico che deve essere sempre e comunque vinto e soppresso, senza discussione e motivazione alcuna, perché il vero comunista non ragiona, ma combatte in continuazione nella certezza di uscirne sempre vincitore, assestando colpi a destra e a manca per colpire quei nemici che, secondo lui, lo assediano dappertutto. Mentre la controparte non può fare altro che difendersi in qualche modo dall’avanzata di questo “mostro senza cervello”, perché, qualunque mossa faccia anche per legittima difesa, viene esposta al pubblico ludibrio come lurida fascista, razzista, criminale e molte volte certi responsabili si vedono vittime involontarie in un meccanismo perverso dove, tra calunnie e tribunali pilotati, si rischia di non cavarsela più.

Il comunismo infatti spinge i popoli al combattimento non per il raggiungimento della giustizia e del benessere, come ingenuamente noi crediamo, almeno secondo una visione, sia pure materialista ma fondata sulla logica del buon senso, anche cristiana, con i dovuti “distinguo”, perché Dio vuole il nostro bene sin da questa terra per raggiungere poi l’eternità; mentre essi vogliono il combattimento per il combattimento fino all’esasperazione.

Anche per questo aspetto falso del comunismo che si presenta come benefattore dei poveri e invece li strumentalizza per i suoi scopi, al di là del suo ateismo dichiarato e professato, Papa Pio XII lo definì “intrinsecamente perverso”, e gli fece eco l’esorcista padre Amorth con l’affermazionediabolicamente perverso”.

LOTTA ISLAMICA E LOTTA COMUNISTA. Anche se un po’ fuori tema, tuttavia penso che valga la pena spendere due parole per confrontare brevemente, sempre sul tema della “lotta” la peculiarità del combattimento islamico rispetto a quello comunista per vedere se può esistere qualche punto in comune. Possiamo dire che, nonostante molti comunisti siano cristiani o per il battesimo o per convinzione o semplicemente perchè nati nell’Occidente ancora cristiano dove si respira ancora, non si sa fino a quando, aria di libertà cristiana, esiste una specie di “denominatore comune” che unisce entrambi ed è appunto la frenesia per la lotta perenne che li sovrasta e li rende contemporaneamente schiavi di presunti falsi ideali:

·       nel caso dell’Islam c’è una tale “fede cieca” nel dovere di conquistare il mondo ad Allah, secondo il mandato di Maometto, che non si fanno scrupolo di OFFRIRE LA PROPRIA VITA COME KAMIKAZE PUR DI AMMAZZARE TUTTI COLORO CHE SI OPPONGONO A QUESTI LORO PROGRAMMI FOLLI;

·       nel caso del comunismo, c’è la stessa tale “fede cieca” di fondo nel dovere di conquistare il potere per le loro ambizioni personali, che non si fanno scrupolo di OFFRIRE LA VITA ALTRUI ALLA MATTANZA, VUOI CON LA GUERRA, VUOI CON L’INGANNO, VUOI CON LE TASSE, VUOI CON LE PEGGIORI PERVERSIONI A DANNO DI POVERI E DI INNOCENTI, pur di eliminare tutti gli oppositori, con le buone o con le cattive.

L’unica differenza tra i due schieramenti consiste nel fatto che i comunisti credono solo in questa vita di potere, successo, e anche ricchezze che non guastano, vita che termina nel nulla della madre terra e perciò si guardano bene dall’immolarsi come kamikaze per una felicità futura nell’aldilà in cui essi non credono; mentre gli Islamici lottano ferocemente e sono per questo ben allenati per intima convinzione collettiva perché credono in un “paradiso” dove potranno godere eternamente delle stesse miserie, purtroppo, che si concedevano sulla terra. Ben lontano comunque dal concetto del vero Paradiso cristiano che Gesù ci propone.

         LE CROCIATE. Non si può parlare di lotta islamica e cristiana senza che la lingua batta sul dente che duole, vale a dire l’argomento delle “CROCIATE”.  Molto è stato detto pro o contro nei vari libri di storia, e questa mia esposizione toccherà solo brevemente l’argomento del titolo inerente alla lotta, nel tentativo di fornire almeno un “flash” di chiarezza che illumini i mille perché senza dover spendere ore di studio sui volumi, che comunque sono necessari per i veri studiosi, ricercatori e appassionati del tema, ovviamente.

Come premessa, c’è da dire che, con la mentalità pacifista, tollerante e buonista che ci ritroviamo adesso, tutto ciò che sa di “battaglia” è da condannare, e peggio ancora se si tratta di “battaglia cristiana”, per una errata interpretazione dello stesso Vangelo e della dottrina perenne della Chiesa che, se da una parte insistono sul perdono e sull’amore che vince l’odio, dall’altra non escludono affatto la lotta per la LEGITTIMA DIFESA.

Quando si discute in merito a qualche controversia di rilievo, è ovvio che vale sempre la pena rinunciare a prendere le armi per stringersi invece la mano, come vorrebbe il cristianesimo, però quando tutti i sistemi pacifici persuasivi vengono solo calpestati e il nemico avanza con prepotenza anche a casa tua in nome di Allah per depredarti e ammazzare te e famiglia, che fai?? Lo inviti a cena per amor di pace? Sei disposto a seppellire assieme alle armi anche la tua libertà, fede, dignità, cultura, famiglia, figli, patria, lavoro ecc. solo per aver salva la vita e prostrarti a una divinità straniera rinnegando la tua fede in Dio Padre, Figlio e Spirito Santo?  IL VERO CRISTIANO HA SEMPRE IL DOVERE E DIRITTO DI COMBATTERE PER LEGITTIMA DIFESA.

Questo semplice ragionamento logico (almeno per chi usa ancora la logica per ragionare e non l’ideologia), si può prendere e applicare anche alle Crociate: sono state una doverosa e legittima difesa per la liberazione armata di quei territori della Terra Santa che venivano progressivamente e irreversibilmente occupati dall’Islam, dopo che questo si era insediato con la forza nel sud della Spagna dove avevano creato una specie di “quartier generale” da dove partire per le varie conquiste intorno al mondo. I terribili guerrieri musulmani, allenati alle imprese più dure, irrompevano nei villaggi in agguati notturni o all’alba, all’improvviso, urlando “Allah Akbar”, com’è il loro stile, su cavalli e cammelli uccidendo, a suon di scimitarre, i poveri abitanti che trovavano sul loro cammino o quelli che rifiutavano la conversione, mentre i più fortunati cercavano rifugio nell’entroterra, col rischio della loro estinzione.  Si doveva quindi arrestare al più presto la loro avanzata facendoli arretrare entro i loro confini.

Mettiamo pure sul banco degli imputati anche gli errori compiuti da parte dei cristiani, soprattutto durante la presa di Costantinopoli dove, a onor del vero, chi commetteva autentici scempi erano per lo più le squadre mercenarie al servizio del re di Francia alle quali poco o nulla importava della liberazione della Terra Santa e accettavano di combattere nelle Crociate solo per denaro e per spirito avventuriero, saccheggiando senza criterio, rubando, stuprando e sfidando gli ordini dei loro comandanti. Tanto, nulla avevano costoro da perdere in questa battaglia e, tranne il rischio di morte già calcolato per la loro vita che comunque sarebbe rimasta nelle terribili galere francesi, essendo quasi tutti criminali liberati per tale scopo, per tutto il resto avevano solo da guadagnare sfogando la loro rabbia e violenza più efferata per difendere luoghi e ideali dei quali a loro nulla importava.

Sta di fatto che, se non ci fosse stato il baluardo delle crociate, e più avanti la vittoria di Lepanto (1571) e di Vienna (1683) a bloccare l’avanzata feroce dell’Islam, a quest’ora l’Europa sarebbe tutta musulmana.

Chissà cosa ci riserverà il futuro in questa fase storica in cui non esiste più il battaglione cristiano schierato contro quello musulmano, perché siamo già invasi dagli islamici che vivono da anni sotto casa nostra e non fanno mistero di dichiarare che ci vogliono invadere e sottomettere, mentre noi, da perfetti idioti incantati dalla proposta bergogliana del “dialogo interreligioso” come se fosse una bacchetta magica che risolve tutti i conflitti, continuiamo a credere che stanno scherzando, perché esiste anche un Islam moderato, continuano a replicare, mentre l’anima, l’indole profonda di un popolo non si cambia con il dialogo, soprattutto quando da parte cristiana c’è solo un atteggiamento vigliacco e traditore di rinuncia totale della nostra identità e fede cattolica, per accogliere la cultura islamica quasi come liberazione dal giogo di cui ci ha parlato nostro Signore Gesù Cristo. Ma il giogo di Gesù Cristo è “dolce e il suo carico leggero”, lui vuole il nostro bene, temporale e soprannaturale, ci ha messo nelle mani la libertà con cui accettare o meno la sua proposta di salvezza, senza imposizioni, nella consapevolezza comunque che “CHI NON E’ CON ME, E’ CONTRO DI ME” dice Gesù senza mezzi termini, lasciando però a noi la scelta finale, a nostro rischio e pericolo.

Comunque per approfondire questo tema in modo equilibrato e documentato, rimando a questi libri:

“Robert Spencer, Guida all’Islam e alle crociate, Lindau editore

“Patrizia Stella, Islam cultura e legge, ed. Fede e Cultura        “Stefano Nitoglia, L’Islam com’è, ed. Il Minotauro

 

LOTTA COMUNISTA E LOTTA NAZISTA. Esiste un ulteriore aspetto da chiarire che ti sbattono in faccia quelli di sinistra quando vogliono giustificare le loro malefatte. Questi si difendono dicendo: se la sinistra è comunista, la destra è nazista, entrambe comunque violente, quasi a giustificare la loro libertà indiscussa di scelta, anzi, mentre il comunismo viene fatto passare come un bene per le classi sociali deboli, il nazismo continua ad essere presentato come il male assoluto e pertanto questa considerazione falsa è quella che però riesce a ingannare certa gente, anche colta, di fede e benestante, che magari ha avuto qualche esperienza negativa al tempo del fascismo in Italia, dal momento che ci è stata risparmiata la ben peggiore esperienza del vero comunismo, grazie alla vecchia DC, nonostante tutti i suoi difetti e compromessi, e soprattutto grazie alla Chiesa cattolica di allora, anni ’55/70 che ha sempre costituito un baluardo contro l’avanzata del comunismo ateo che stava invece invadendo mezza Europa.  Adesso ci troviamo invece completamente allo scoperto, “DEL TUTTO NUDI” davanti a uno Stato comunista che ha pieni poteri, e ad una Chiesa che lo appoggia perché ha perso del tutto i suoi connotati soprannaturali voluti da Gesù Cristo, per occuparsi solo di questioni sociali e politiche tirando acqua al mulino di ispirazione marxista, come non fa mistero di dichiarare papa Bergoglio, pur essendo molto abile nel dare un colpo al cerchio e uno alla botte.

          ALCUNI INVECE SOSTENGONO CHE IL NAZISMO ALTRO NON E’ CHE LA PROIEZIONE DEL COMUNISMO, UNA SPECIE DI BIFORCAZIONE DI UN UNICO ALBERO CON LA STESSA RADICE DI VIOLENZA CHE IL TEMPO, O LE LOTTE INTERNE, O LA CONVENIENZA O LA STRATEGIA BELLICA HANNO DIVISO.

In effetti il cosiddetto “NAZIONAL SOCIALISMO” nasce dalla stessa radice violenta del comunismo in versione nazionale, tant’è vero che sia Stalin che Hitler avevano stipulato un accordo per occupare e spartirsi la Polonia col “PATTO “MOLOTOV” tra la Germania di Hitler e l’URSS di Stalin, che aprì la porta alla seconda guerra mondiale. Anche se più tardi, al momento della spartizione del cosiddetto “bottino”, si litiga, ci si divide, e ci si fa la guerra come nemici di lunga data, la realtà è che si tratta della stessa violenza che proviene dalla stessa radice che condivideva lo stesso progetto criminale. E quale?

L’unico progetto di matrice comunista marxista che prevede invasione, sopruso, guerre, torture, gulag per i dissidenti, diffidenza, falsità, ipocrisia, pieni poteri allo Stato che decide della vita o morte delle famiglie, dei figli, delle imprese e che permette al popolino obbediente (come adesso il popolo italiano) di sopravvivere se fa il “bravo” cioè se lavora per lo Stato e come vuole lo Stato, senza alcuna libera iniziativa o intraprendenza, ma nella certezza che sarà lo Stato a intervenire se necessario, con sussidi, redditi di cittadinanza ecc. che obbligano chi li riceve all’ossequio perenne, alla sottomissione per un piatto di minestra, perché come osi alzare la testa e guardare cosa succede nel mondo e anelare alla libertà, sei fritto e spacciato, tu e la tua famiglia, se ancora ti è stato concesso di averla.  

E se osi alzare la testa verso il Cielo per implorare da Dio aiuto e protezione, peggio che mai. Rischi che te la mozzino se non con la ghigliottina francese, sicuramente con il capestro che ti fa morire di fame e di stenti a fuoco lento, come capitato per milioni di cristiani, preti, suore e catechisti, ai tempi peggiori della URSS oggi del tutto cambiata grazie a Dio e a Putin che ha voluto recuperare chiese e monasteri ridotti a magazzini per ridarli al culto cristiano, sia pure ortodosso. E se vogliamo proprio buttarla sulle cifre dei morti trucidati da ambo le parti, non si sa da che parte pende la bilancia, perché davanti agli oltre sei milioni di ebrei uccisi nei campi di sterminio nazisti, nessuno o ben pochi parlano dei dieci milioni di contadini Kulaki (gente russa comunque, connazionali di Stalin) uccisi violentemente o deportati nei gulag dopo che il governo comunista aveva loro confiscato le terre che producevano frumento e granaglie per sfamare tutta la “madre russia” ai tempi dei tanto deprecati zar, che invece garantivano a tutti libertà e lavoro. Tanto per non spaziare lo sguardo altrove dove troviamo solo miseria, atrocità, torture e genocidi.

D’altra parte da dove viene lo stesso Mussolini, l’inventore del fascismo? Non era forse un anarchico socialista romagnolo, leader dei socialisti italiani, direttore del quotidiano socialista “L’Avanti”, elogiato da Lenin come unico, vero, rivoluzionario italiano? A quale scuola è stato Mussolini? La scuola comunista è iniziata ben prima di quella fascista, come da alunno a maestro, e la stessa scuola comunista ha attinto, in un certo senso, le sue radici, dalla Rivoluzione Francese che, con il suo falso slogan “Liberté, egalité, fraternité” ha mandato alla ghigliottina non solo il re e la famiglia, ma ricchi, poveri, fedeli e contrari alla rivoluzione, in un crescendo di odio e di smania di combattimento verso tutti indistintamente, tipica di tutte le radici rivoluzionarie comuniste: odio satanico senza motivazione, lotta per presunti ideali di libertà che sono invece anarchia, perché laddove manca l’amore, la stima, le virtù umane e cristiane, cresce l’odio, il sospetto, la diffidenza, la paura di essere traditi mentre si tradisce. Francamente non è un bel vivere. Historia docet!

Eppure quanti preti, suore, super cattolici da messa domenicale immancabile hanno votato e continuano a votare imperterriti per il partito comunista, da sempre, sia pure sotto mentite spoglie e nomi diversi.


BATTAGLIE POLITICHE IN SUD AMERICA. Anche l’alternarsi in sud America di lotte di potere fra sinistra comunista e destra militare, quale beneficio ha portato a quei popoli se non recessione, distruzione, guerre, sparizioni, torture, soprusi, prostituzioni, mercato della droga e peggio ancora? Come mai nulla cambia mentre sembra che al momento di votare o per l’uno o per l’altro schieramento, si affacci all’orizzonte qualche spiraglio di democrazia sotto parvenza di un cambiamento radicale ed epocale? In realtà nulla cambia per il fatto che i due schieramenti sono la stessa cosa, in quanto provengono dalla stessa radice comunista di cui abbiamo parlato sopra, che non vuole cambiare mai, cioè sono i due volti della stessa identica medaglia che è la sinistra comunista.

Molti sono stati i libri su questo sempre dibattuto e mai esaurito argomento politico che riguarda la sinistra nel mondo intero, ma recentemente ho trovato un nuovo libro molto interessante di un francese che tratta proprio questo argomento tradotto dalla casa editrice Fede & Cultura. “Jean Madiran, “La destra e la sinistra” ed Fede & Cultura” con prefazioni molto acute e interessanti di Francesco Agnoli, Roberto de Mattei e Carlo Manetti. Anche se l’autore, essendo francese, si riferisce per lo più ai problemi del comunismo francese, tuttavia fa un’ampia panoramica generale su quella che è proprio l’anima, o meglio l’impronta oscura del comunismo che vale per tutti i popoli del mondo. L’autore, che è il massimo pensatore francese cattolico, sostiene, in sintesi, che la “destra” non esiste, perché è solo un’invenzione della sinistra, a cui fa eco, nella dettagliata prefazione, la voce di Francesco Agnoli: “la destra come un luogo indefinito, una prigione, un lazzaretto per lebbrosi creato dalla sinistra per rinchiudervi tutti coloro che non sono omogenei al suo pensiero unico e dogmatico. Chi è di destra, lo decide la sinistra. La destra è un ghetto in cui la sinistra rinchiude, etichettandoli, tutti gli avversari. Che saranno sempre “conservatori”, “antidemocratici”, “reazionari” eccetera, mentre a sinistra vi è solo il bene, sempre e comunque.”

E facendo una serrata analisi, l’autore arriva alla conclusione che contro questo mondo e al di fuori di tutto questo mondo di sinistra, di cui neppure riusciamo ad elencare gli aspetti peggiori, non c’è una destra indefinita, un partito politico eroico che sopravvive al massaro della sinistra, ma c’è solo la forza del cristianesimo. “fuori dall’utopia, dalla statolatria, dallo scientismo, dall’ecologismo della sinistra comunista non vi è che l’uomo creato da Dio e salvato da Cristo.”

 IL NUOVO NEMICO DA COMBATTERE LA LEGGE NATURALE: Ma il vero “capolavoro di iniquità” della sinistra, superate ormai le estenuanti lotte per le “quisquiglie” del lavoro e dei lavoratori che, dopo decenni di battaglie, sono stati finalmente ridotti alla miseria, è quello di volgere le sue ultime attenzioni belliche CONTRO LA COSIDDETTA “LEGGE NATURALE”, da sempre combattuta dalla sinistra. Perché non chiedere a uno di loro che se ne ride della legge naturale, di provare a buttarsi dal quinto piano in barba alla “legge di gravità?” O di vivere in una deliziosa casetta in fondo al mare in barba alle esigenze dei polmoni che pretendono l’ossigeno dell’aria e non dell’acqua? O di decidere quanto anni o secoli vivere, in barba alla legge di natura che regola la vita dell’uomo sulla terra prevista dal Padre Eterno per un secolo di vita al massimo e non di più?

Nonostante i tentativi dell’ingegneria genetica per allungare la vita dell’uomo sulla terra (che quando non è produttiva comunque può venire soppressa con l’eutanasia in qualunque momento, a norma di legge), sta di fatto che a parlarci di “VITA ETERNA” quella oltre la morte che non finisce mai, è stato solo un grande Profeta: L’UOMO-DIO GESU’ CRISTO, L’UNICO CHE HA IN MANO IL POTERE DI DECIDERE DELLE SORTI DELL’UMANITA’ E DELL’INTERO UNIVERSO.

 

Invece la sinistra pretende di sfondare ogni limite imposto perfino dall’evidenza della natura che è alla base della vita organica, psicologica e spirituale dell’uomo e della donna, in una corsa ciclopica che ha come fine la distruzione di tutto ciò che nel creato sa di “ordine, bellezza, amore, armonia, funzionalità, gratuità, eccetera”, in pratica sfidare l’onnipotenza di Dio che, come dice la Bibbia “ha fatto bene tutte le cose” per rovinarle.  

Infatti non potendo Satana scagliarsi contro Dio, nel suo odio perenne che lo avvolge, ha pensato di sferrare il suo attacco finale contro la creatura più amata da Dio fatta a sua immagine e somiglianza: l’uomo e la donna, nella loro peculiarità e specificità sessuale, biologica, fisica, psicologica e anche spirituale, e da lì sferrare l’ultimo attacco contro l’unica struttura che li sostiene e che è la famiglia naturale, voluta da Dio sin dall’eternità, attraverso il matrimonio tra un solo uomo e una sola donna.

Ma la “ciliegina sulla torta” di questo capolavoro scellerato che solo Satana poteva firmare, è l’aver presentato tutto questo stravolgimento che tutti stiamo già pagando, come un “bene”, un “diritto”, un’espressione di libertà, da legalizzare a norma di legge, spiazzando così gli avversari e riducendoli all’impotenza con le spalle al muro davanti a eventi, sia pure terribili, ma non più discutibili perché protetti dalla legge, la quale per colmo, è talmente di regime totalitario da impedire perfino la legittima obiezione di coscienza.

Parliamo di una lunga serie di provvedimenti quasi tutti protetti dalle leggi dello Stato di sinistra, come ad esempio le unioni gay, trans, bis plus ecc. con possibilità, in un delirio di onnipotenza senza confini, di avere figli attraverso uteri in affitto ottenuti in modo abominevole con una sorta di ingegneria genetica folle che prevede lo sfruttando povere donne disperate del terzo mondo; incrementando così la fecondazione in vitro di milioni di embrioni umani da usare e gettare a piacere quando non “attecchiscono” nell’utero femminile.  I quali, sommati ai milioni di bimbi massacrati finora con l’aborto, raggiungono un tale livello di abominio da chiamare presto in causa l’intervento diretto di Dio che prima o poi non mancherà di farsi sentire. Allora, davanti a qualche eventuale episodio catastrofico, per favore, non domandiamoci più “perché Dio permette questo?” ma battiamoci il petto con umiltà chiedendo il suo perdono e la sua misericordia.

 

GENDER E PEDOFILIA . L’apice di tutti questi “capolavori di iniquità”, è IL CRIMINE DEL GENDER, cioè l’idea pazzesca di poter cambiare sesso anche più volte nella vita, come si cambiano le scarpe, (per ora solo tra maschio e femmina ma siamo pronti a vederne di peggio attraverso l’abominevole ingegneria genetica fra uomo e bestia) non può essere frutto di mente umana ma deve averlo suggerito lo stesso padre della menzogna e omicida che è Satana nei suoi rituali macabri, o messe nere o simili.

Per capire meglio quale atrocità stanno propinando da anni in un crescendo sempre più vincolante contro gli innocenti e le loro famiglie, trascrivo un pezzo del provvedimento con cui l’Organizzazione mondiale della sanita, OMS, di cui avevamo parlato in precedenza in merito al prof. Monti, aveva incentivato i vari Ministeri della Unione Europea affinchè attivassero al più presto questo insegnamento del GENDER SIN DALLE SCUOLE PRIMARIE, CIOE’ DALL’ASILO.

Qui ancora non si parla di gender come cambio di sesso, perché, essendo il documento datato 12 dicembre 2013, deve arrivare per gradi coi bambini, cominciando con l’avviarli gradualmente a esperienze sessuali estreme: “Già dall’asilo i bambini devono conoscere il piacere della masturbazione e scoprire il corpo dell’altro sesso. A nove anni devono sapere come usare il preservativo e a 15 essere ben consapevoli del diritto di abortire, ecc. ecc.” con un crescendo di proposte oscene e disgustose degne solo delle peggiori associazioni a delinquere su appositi manuali di corruzione dei minori, insegnamenti da provocare spesso pazzia o schizofrenia o suicidi tra i giovani, tanto stridono con la normalità dell’evidenza anche biologica della natura maschile o femminile.

Soprattutto se si pensa che, mentre i bambini hanno solo bisogno di giocare durante la scuola della prima e seconda infanzia e di essere educati attraverso il gioco e non il sesso, questo progetto in realtà nasconde la possibilità di legalizzare anche la pedofilia, come l’omosessualità, ma con furbizia perché si vuole adescare il bambino non con la violenza, ma attraverso il suo consenso, dopo un adeguato e ben mirato lavaggio del cervello! Così gli stupratori di bambini si sentirebbero a posto anche davanti alla legge, grazie alla sinistra comunista.

E siccome una delle categorie più forti nel contrastare tutta questa valanga di perversioni sono i genitori, la famiglia naturale, si è già pensato con vari stratagemmi, tutti a norma di legge o comunque di copertura legale, di sottrarre i bambini alla famiglia per educarli in strutture statali, tant’è vero che le ultime dichiarazioni di trionfo della Lorenzin, ex ministro della salute, sono state quelle di gioire perché nel parlamento si sta procedendo con passi di gigante verso il  raggiungimento di questa “nobile” meta comunista, di sinistra.

Ci chiediamo come sarà la società del domani se gli adulti, i professionisti che la guideranno saranno usciti da queste scuole dell’incubo, dove ai bambini, futuri manager, o medici, o ingegneri ecc. viene sottratta la forza della volontà e dell’intelligenza e perfino quella dell’esperienza del vero amore nella fase importante dell’innamoramento, per lasciarli alla mercé degli istinti peggiori! Con queste premesse, come è possibile fondare la società sui valori fondanti quali l’onestà, il rispetto, la lealtà, la famiglia, la fedeltà, l’amore, l’impegno serio professionale senza più ponti e strade che crollano, tanto per fare un esempio del crollo generale di tutto? Valori indispensabili non solo per il cristiano ma per qualunque uomo retto che voglia costruire la sua vita sulla roccia sicura e non sulle sabbie mobili!  Il modo con cui il diavolo si vuole scagliare contro le creature più innocenti che sono i bambini, è ormai palese, grazie a chi? ALLA SINISTRA COMUNISTA.

Vedi: “Tony Anatrella “la teoria del gender e l’origine dell’omosessualità”, ed. San Paolo

Massimo Gandolfini “Adozioni a coppie gay. Cosa dice la scienza” ed. Fede & Cultura

 

GENDER E SATANISMO. L’ideologia gender e femminismo affondano le loro origini nell’eterna lotta del diavolo contro Dio. Cosa sono infatti i vari movimenti LGBT, con tutte le loro varie sfaccettature, se non una rivolta colossale contro l’ordine naturale voluto dal Creatore? Questo non è solo un disegno di legge, ma è una mossa del padre della menzogna, il diavolo, Satana, che vuole confondere i figli di Dio illudendoli con la proposta di una falsa idea di libertà. Libertà non è fare tutto ciò che si vuole, sfidando la natura.

Lo storico delle religioni Per Faxneld, svedese, pur non essendo cristiano, in un suo libro sul satanismo, dimostra come Satana sia stato esaltato anzitutto da comunisti e anarchici come motore della ribellione contro le gerarchie tradizionali. Lo stesso specifica come la social democrazia svedese (sempre di democrazia parlano!) proponesse nel lontano 1886 ai lavoratori i “Dieci Comandamenti di Lucifero”, che come sempre nello stile del diavolo, prende come base alcune delle verità della fede cattolica e le stravolge, le storpia, le deride, le calpesta e le ripropone al popolo ridotto all’ignoranza.

Infatti è di dominio pubblico ormai, che i più grandi sobillatori di popolo, diciamo così, come Stalin, Hitler, Marx, oltre che i pensatori o psichiatri come Freud, Sartre, Nietzsche ecc. erano satanisti e molti di questi si sono suicidati o per disperazione o in onore a satana. Perché quando si arriva a certi estremi di possessione diabolica, la prima a farne le spese è proprio L’INTELLIGENZA che viene offuscata perchè, come dice la Scrittura “Dio ha tolto il senno a coloro che hanno voluto perderlo”, attraverso la corruzione della loro vita.

Ormai molte associazioni, soprattutto LGTB tanto care e sostenute dalla sinistra, non si fanno più scrupolo di inneggiare a Satana nelle loro manifestazioni pubbliche anche con striscioni, bestemmie, e dichiarazioni di amore e sottomissione a Satana, come ad esempio nell’agosto 2019 al gay-pride di Praga dove marciavano con un enorme striscione inneggiante a Satana e presentando un documento con le “costituzioni di Satana”.

Ormai il culto a Satana, il demolitore, è diventato così noto e palese, un nuovo “diritto”, un nuovo “partito” per cui continuare a combattere, che i promotori neppure si fanno scrupolo di organizzare manifestazioni pubbliche in suo onore, come il tunnel del San Gottardo, ad esempio, la cui inaugurazione è stata realizzata da un gruppo di satanisti con tanto di scritte, canti, abiti satanici. Ma quale politico può aver dato loro questo permesso se non la sinistra comunista?

OMOFOBIA E SANATISMO. Come accennato, altro punto di battaglia per i quali si stanno battendo sempre le forze di sinistra lavorando giorno e notte anche all’insaputa degli avversari, è il “decreto contro l’omofobia” dei senatori Zan e Scalfarotto che è un bavaglio da mettere sulla bocca di tutti coloro che vogliono continuare a chiamare ancora i due genitori che ti hanno messo al mondo con il nome di “mamma e papà” e non genitore uno e genitore due, e altre espressioni del genere, punendo questi “malfattori” con sanzioni pesantissime e sproporzionate che prevedono 6 anni di galera e pene economiche che neppure ai peggiori criminali vengono comminate. Chi è il grande suggeritore se non il diavolo? Ed è tanta la corsa della sinistra verso traguardi mai abbastanza soddisfacenti di perversione, che alla controparte non resta che assistere, quasi impietrita e impotente, all’avanzare di tanta iniquità, quasi impossibile da arrestare in questa corsa folle demenziale che sta manifestando la sinistra comunista massone, atea, laicista ecc. ecc. sostenuta dai poteri forti che si credono di sfidare l’onnipotenza di Dio.


CHI VOTA LA SINISTRA? E quando qualcuno di noi, pochi coraggiosi e sparuti “contestatori” osa manifestare il proprio parere con una certa doverosa e fondata indignazione e trepidazione affermando che l’Italia, “grazie” ai governi di sinistra di questo ultimo decennio, al di là del crollo economico da non trascurare, da baluardo che era della cristianità e dei valori non negoziabili, si vede ora in balia di chi la vuole incarcerare o esiliare in moderni gulag addirittura per il reato di opinione previsto dall’ultima legge Zan-Scalfarotto, SALVATI CIELO!

I primi ad opporsi a tali dichiarazioni per loro “farneticanti”, forse perché hanno interesse a mantenere le loro povere sicurezze accumulate a forza di compromessi, sono proprio i preti e le suore o certi cattolici “perbene”, i cosiddetti catto-comunisti benestanti (non tutti grazie a Dio), quelli che hanno la loro famiglia regolare, non divorziata, ottimo lavoro tutto a posto, che vanno in chiesa, che nutrono un odio viscerale per la destra e chi rappresenta il cambiamento, mentre invece sono fieri di aver votato e di continuare a votare prima il PC (Partito comunista) poi il DS (Democratici di Sinistra) e al momento il PD (Partito Democratico) tutti nomi di partiti che, assieme ad altri corollari minori, conducono comunque allo stesso identico calderone di quella perversa ideologia comunista-marxista-atea, ultimamente peggiorata grazie al sostegno demenziale del movimento 5stelle.

Infatti quando il male, o la confusione, o l’ignoranza, o il pregiudizio, o quant’altro prendono lentamente il sopravvento nella nostra vita, e non preghiamo più, e non ci accostiamo più ai Sacramenti come aiuto soprannaturale di Dio, si intorbidisce anche la nostra intelligenza con la sua capacità di distinguere il bene dal male, l’utile dal dannoso, l’inganno dalla verità, il vizio dalla virtù… col rischio di finire nel baratro facendo il gioco del diavolo, perché senza vita cristiana e Sacramenti, non possiamo avere neppure i “Sette Doni dello Spirito Santo”, tra cui il Dono della Sapienza e dell’Intelletto (oltre a quelli del: Consiglio, Fortezza, Scienza, Pietà e Timor di Dio) non siamo più in grado di scegliere il bene neppure per noi e i nostri figli, figuriamoci quando dobbiamo dirigere un’azienda, o Comune, o Nazione, o Parrocchia, o Diocesi o addirittura tutta la Chiesa Cattolica. E’ il massimo della catastrofe spirituale e morale e anche materiale.

           LA SINISTRA IN ITALIA, SPAGNA, FRANCIA. Spaziando lo sguardo sulla realtà del comunismo in generale e al di fuori dell’Italia, fa rimanere allibiti la constatazione che le TRE NAZIONI CATTOLICHE per eccellenza, cioè Italia, Spagna e Francia che si sono distinte nei secoli precedenti, grazie ai loro capi civili, religiosi ed ecclesiastici, nella difesa dei principi e valori cristiani e del vero Papato, siano adesso schiave del peggiore regime comunista marxista ateo della storia dell’umanità.

Pazienza l’Italia che non ha ancora sperimentato fino in fondo che cosa significhi regime comunista e guerra civile (tranne le zone del famoso triangolo rosso dell’Emilia, Umbria e Toscana che comunque non hanno saputo trarre nessun beneficio da queste lezioni mortifere), perché la vecchia DC, con merito o con i soliti compromessi, lasciamo perdere, ma in particolare la forza della vera Chiesa cattolica di quel tempo, hanno in qualche modo tamponato l’avanzata del comunismo che aveva invaso mezza Europa negli anni del dopoguerra, ma siamo esterrefatti dalla cattolicissima Spagna che, nonostante abbia sperimentato negli anni tra il 1936 e il 1939 le più terribili persecuzioni, mattanze e torture con migliaia di preti, suore e credenti trucidati, chiese, scuole, case bruciate, ecc. sembra che non abbia imparato proprio nulla dalla storia!

Come ha potuto la cattolicissima Spagna votare e rivotare lo stesso identico, immutabile regime comunista, a tal punto da eleggere un presidente della Repubblica ateo e blasfemo come Zapatero che ha voluto assegnare gli stessi diritti dell’uomo agli scimmioni? Tanto per non aggiungere altro!!!  La Spagna si trova tuttora nelle mani dei comunisti peggiori, come l’Italia! Col risultato inevitabile che tutto sta andando a catafascio, economia in testa, come per l’Italia e la Francia. E chi va al voto in queste tre Nazioni soprattutto sono per la stragrande maggioranza cattolici, almeno di nome o di battezzo se non di fatto, anzi molti di loro impegnati in benemeriti Istituti religiosi o laici come l’Opus Dei, ad esempio, che tanto avrebbero dovuto influire sul voto dei cattolici, se è vero che devono distinguersi per coerenza nella vita pubblica e civile, come ha voluto il Santo Fondatore Escrivà.

E invece anche loro, non tutti evidentemente, si sono adagiati su questa linea di sinistra, tanto che una di loro, la cattolicissima senatrice dott.ssa Paola Binetti, lottatrice indomita su tutti i fronti per la vita e la famiglia, anche se nel lontano mi pare 2006/10, ha esordito e militato trionfalmente nelle file della sinistra, per tramite dell’On. Rutelli, proprio in quello schieramento dove si avvallano leggi come divorzio, aborto, eutanasia, ecc. nonostante in seguito abbia fatto dietro front per una coalizione moderata, comunque sempre di ispirazione sinistroide. E’ come combattere in favore del proprio nemico, qualcuno aveva aggiunto.  E pertanto quelli dell’Opus l’hanno votata, sperando, come sostenevano allora, nella forza del cosiddetto “voto trasversale”, altro gravissimo inganno che ci ha portato gradualmente a questa situazione di tirannia del governo comunista dal quale sembra che non riusciamo a liberarcene più.

E’ vero che la direzione dell’Opus Dei ha sempre preso le distanze dalle scelte sia politiche che altro dei proprio soci, lasciando alla loro responsabilità personale le loro scelte senza coinvolgere l’associazione di appartenenza, come anche la Chiesa ecc. come è giusto che sia, tuttavia suscita ugualmente scandalo che proprio coloro che militano in uno schieramento, diciamo così, palesemente cristiano cattolico, alla fine votino per certi partiti che si propongono finalità del tutto contrarie al lavoro apostolico che loro affermano di portare avanti. Mah” Sarà per effetto della conciliazione degli opposti!

Sono tutte scelte errate ma che sono di una gravità inaudita e forse si sarebbero potute evitare per molti cattolici se, come anche nei seminari, associazioni e conventi, si fossero date lezioni opportune su che cosa PROPONE LA DESTRA E LA SINISTRA NELLA POLITICA O, MEGLIO DETTO, SU QUELLA CHE E’ L’ANIMA OSCURA E PROFONDA DELLA SINISTRA perché abbiamo visto, anche dalle parole di un esperto critico francese, Jean Madiran, che al di fuori del calderone immenso e senza fondo della sinistra comunista, come opposizione forte non può esistere una destra, pur sempre debole, ma esiste solo il cristianesimo vissuto fino in fondo, come Gesù Cristo lo ha voluto, e non come esibizione esterna vantandosi del titolo di “cattolico” ma solo di facciata, non in profondità di vita e di fede che significa alla fine coerenza tra la vita di preghiera e le scelte quotidiane anche in campo politico, sociale, individuale, economico ecc..

Eppure mai come in questo periodo abbiamo assistito alla ostentazione del titolo di “cattolico” da parte di personaggi che francamente di cattolico nulla hanno perché il cattolico si vede non tanto dalle dichiarazione ma innanzitutto da come vive le VIRTU’ CONCRETE, A COSTO DI ANDARE CONTRO CORRENTE, A COSTO DI PERDERE LAVORO E CARRIERA, A COSTO DI PERDERE ANCHE LA VITA.

         Purtroppo oggi più che mai anche i credenti hanno una grande confusione in testa e forse per un falso concetto di libertà di scelta, o forse per evitare discussioni o partigianerie inutili dentro i vari Istituti, o forse per intima convinzione profonda che la sinistra sia davvero il grande rimedio di ogni problema di tutti i tempi, i vari responsabili hanno lasciato massima libertà decisionale senza mai interferire e pertanto sono state fatte scelte scriteriate, forse in buona fede, ma spesso basate sull’ignoranza dei vari componenti.  Mentre sarebbe opportuno offrire loro, non certo imposizioni politiche, (come molti cattolici di sinistra hanno fatto comunque, consegnando volantini del PD fuori di certe chiese) ma almeno offrire delle linee guida generali di base per non cadere in questi errori madornali che poi paghiamo tutti quanti salatamente e chissà per quanto tempo.

 LA PAROLA AL MAGISTERO PERENNE DELLA CHIESA CATTOLICA. Abituati come siamo ormai da oltre sette anni ad ascoltare sempre e solo la voce di papa Bergoglio, vero o falso che sia, il quale non fa assolutamente mistero di parteggiare per i comunisti, abbiamo finito col credere che tutta la Chiesa cattolica sia schierata con lui, A SINISTRA, ma non è affatto vero.

Ci sono documenti intramontabili nella Chiesa cattolica che parlano di questo pericolo della sinistra, fior di professori che hanno lasciato scritti e conferenze, e dobbiamo stare attenti a credere che le ultime parole dell’ultimo Papa venuto dalla fine del mondo abbiano il potere di cancellare e vanificare tutto il Magistero precedente. ERRORE GRAVISSIMO CHE STIAMO GIA’ PAGANDO. FERMIAMOCI PER FAVORE E RIFLETTIAMO FINCHE’ SIAMO IN TEMPO.

A tale scopo, i laici credenti non di sinistra si appellano al senso comune della gente, e fanno preciso riferimento al documento del Magistero della Chiesa Cattolica espresso nella “Nota dottrinale circa alcune questioni riguardanti l’impegno e il comportamento dei cattolici nella vita politica” del 24/11/ 2002 firmata dall’allora Prefetto Card. Ratzinger e approvata dal Sommo Pontefice Giovanni Paolo II” documento che vincola la coscienza e l’operare dei cattolici.

http://www.vatican.va/roman_curia/congregations/cfaith/documents/rc_con_cfaith_doc_20021124_politica_it.html

Oltre a segnalare un documento del Magistero di Papa Leone XIII, il Papa della Enciclica “Rerum Novarum” dal titolo: Inimica Vis che può essere illuminante per tutte le persone di buona volontà che desiderano sinceramente la ricerca della verità per il bene dell’Italia.

In questa povera Italia massonica, islamizzata, ateizzata, paganizzata, gayzzata, ignorantizzata ecc.; che si nutre di programmi culturali tipo “grande fratello” può essere di grande aiuto la lettura di documenti decisi, forti, chiari, tradotti in forma moderna e accessibile a tutti come questo che, pur essendo di alcuni anni fa, risulta sempre attuale perché la verità rimane sempre la stessa anche col passare degli anni e dei millenni:

               http://www.genitoricattolici.org/inimica%20vis.htm

 

RESPONSABILITA’ DEL POPOLO ITALIANO.  Essendo l’Italia una terra privilegiata da tutti i punti di vista perchè scelta da Dio che l’ha arricchita di bellezze e doni e prerogative uniche al mondo, e l’ha voluta come sede del Vicario di Cristo in terra, gravissima risulta la responsabilità degli Italiani nel continuo cedimento su valori portanti o non negoziabili.

Purtroppo anche qui da noi, la cattolica Italia ha il grave peso sulla coscienza nazionale di aver approvato la legge sull’aborto nel 1978 per il 68 per cento, voto che ha procurato milioni di bambini morti assassinati nel grembo della madre con la complicità di medici, infermieri, politici e anche di certa parte del clero, purtroppo, che ha parteggiato per l’aborto o non lo ha abbastanza contrastato a suo tempo. Gravissima è la responsabilità di costoro davanti al giudizio di Dio, senza previa e sincera conversione del cuore anche e soprattutto attraverso il sacramento della Confessione e mai risulta che sia stata fatta una cerimonia religiosa di riparazione, se non in forma privata che comunque è sempre gradita a Dio. Molti stanno cercando di riparare adesso. Uniamoci anche noi, non è mai troppo tardi davanti al Sacro Cuor di Gesù la preghiera sincera di riparazione.

Puntando comunque i riflettori sul popolo italiano, così obbediente e docile nonostante la situazione economica drammatica che si sta profilando dopo il covid19, sembra quasi di assistere a un plagio collettivo, a un rituale esoterico-preternaturale che ha anestetizzato un’intera Nazione, pronta anche al suicidio di massa, qualora sua maestà il governo, capitanato dalla “Banda Bassotti” dei 5 stelle con PD al seguito, lo richiedesse per il bene dell’umanità!

Come infatti attesta il silenzio consenziente o per lo meno enigmatico della gente anche davanti alla continua e martellante proposta di obbligare il mondo intero a vaccinarsi su indicazione perentoria di due personaggi, Bill Bates e George Soros, che nulla hanno a che fare con la medicina ma che sono esperti nel manovrare i poteri finanziari delle multinazionali. Costoro non fanno assolutamente mistero di affermare che i vaccini servono essenzialmente per dimezzare l’umanità che, secondo il loro autorevole parere, è troppa e non fa altro che inquinare e provocare surriscaldamento al pianeta. E mentre costoro lo stanno proclamando ai quattro venti senza alcun pudore, noi italiani d bravi bonaccioni anestetizzati siamo convinti che queste siano solo ridicole fandonie di chi è ammalato di megalomania, ma che il vaccino sia veramente la panacea di tutti i mali passati, presenti e futuri.

E tutti a credere a queste ed altre fandonie, che la terra è super affollata, inquinata, surriscaldata, che i virus continuano a proliferare e ci mangiano vivi di notte in un sol boccone e via dicendo, quando invece il nostro pianeta è per lo più spopolato, tranne poche zone super abitate e avrebbe risorse in abbondanza per sfamare e mantenere una moltitudine enorme di persone se fossero utilizzate al meglio tutte le potenzialità che esso contiene, nei cieli, sulla terra e sotto terra.

Vedi il libro del missionario Piero Gheddo “Meno male che Cristo c’è! Vangelo, sviluppo e felicità dell’uomo, ed. Lindau) 

Ma è l’uomo che usa male dei doni meravigliosi che Dio gli ha messo nelle mani, anzi è arrivato al punto da rifiutare, in un delirio di onnipotenza che non ha uguali neppure con i nostri progenitori, non solo i doni, ma lo stesso Dio che ce li ha forniti, accusandolo di aver deluso le nostre aspettative ecologiche e umanitarie. Lui che può tutto, deve essere al nostro servizio.

             L’ULTIMA BATTAGLIA FINALE. Davanti a un quadro pessimo e preoccupante, anzi perfino devastante dove sembra che le forze del male DELLA SINISTRA avanzino inesorabilmente e trionfalmente su tutti i fronti, mentre noi poveri cattolici praticanti e credenti siamo ridotti all’osso e perseguitati e derisi e umiliati e offesi, cosa possiamo fare? Dove dobbiamo attingere il nostro coraggio per continuare a combattere quando ormai dobbiamo per forza riconoscere che siamo perdenti su tutti i fronti? E senza alcuna speranza di risorgere.

Questa è la grandissima prova della nostra fede, la stessa che probabilmente hanno passato e superato i santi, i martiri, i confessori nei periodi più tenebrosi della storia, ma è anche un’occasione straordinaria per vivere la fedeltà e il martirio del cuore che il Signore riserva proprio a noi, umilissime e fragili creature che gli vogliamo bene, per salvare le anime, anzi per cambiare le sorti della storia, proprio attraverso la nostra preghiera, sofferenza e penitenza.

E come Gesù ha accettato di salvare il mondo attraverso la sofferenza e la morte in croce, dandoci l’esempio del seme che, se muore, darà molto frutto”, così anche noi, se moriamo a noi stessi in questa umiliante tribolazione, in questa sofferenza interiore lancinante dove non si vede come una volta il nemico ben schierato a battaglia che avanza contro una Chiesa gloriosa e compatta che lo affronta col crocifisso e la preghiera in testa, ma purtroppo siamo costretti a vedere la sconfitta e l’auto-distruzione della chiesa che amiamo che lotta contro sé stessa ma, se non ci fermeremo per strada a leccare le nostre ferite, avremo la gioia di gustare il giorno della vittoria, non per noi, ma per nostro Signore Gesù Cristo, ormai fin troppo offeso, umiliato, deriso, vituperato e peggio. E Lui che, umile, sta zitto, non si oppone, attende che “tutto si compia”. Quanto sei grande, Gesù mio.

Perché in realtà questa chiesa che distrugge sé stessa è la chiesa di Satana, mentre la vera Chiesa che sta risorgendo poco alla volta dalle sue ceneri e dalle umiliazioni peggiori, è la vera Chiesa di Gesù Cristo, Una, Santa, Cattolica, Apostolica, Romana chiamata di nuovo a risplendere dopo la grande battaglia che non sarà una battaglia normale tra due schieramenti politici o nazionali o altro, ma si tratta di un COMBATTIMENTO STRAORDINARIO TRA IL POTERE DELLE TENEBRE E QUELLO DELLA LUCE, TRA LE FORZE PRETERNATURALI ESOTERICHE DI SATANA E LE FORZE SOPRANNATURALI DI GESÙ CRISTO CHE GLI HA DATO IL PERMESSO DI PERSEGUITARE LA CHIESA FINO A QUESTO PUNTO ESTREMO DI LOTTA.

          Non sappiamo quanto tempo passerà prima di vedere la Chiesa di Gesù trionfante, che sarebbe come vedere Gesù stesso che trionfa sul diavolo, la Madonna che schiaccia la sua testa orgogliosa e superba e ingannatrice, ma di una cosa siamo certissimi: DELLA PAROLA E DELLA PRESENZA DI GESU’ TRA NOI, CON NOI, E DENTRO DI NOI NELLA SANTA EUCARISTIA. 

          Facciamo tesoro nel frattempo delle esortazioni di San Paolo agli Efesini, cap. 6,10-20): “10. Per il resto attingete forza nel Signore e nel vigore della sua potenza. 11.Rivestitevi dell’armatura di Dio per poter resistere alle insidie del diavolo. 12. La nostra battaglia infatti non è contro le creature fatte di sangue e di carne, ma contro i Principati e le Potestà, contro i dominatori di questo mondo di tenebra, contro gli spiriti del male che abitano nelle regioni celesti. 13. Prendete perciò l’armatura di Dio perché possiate resistere nel giorno malvagio e restare in piedi dopo aver superato tutte le prove. (…)

Forti di queste parole del grande Apostolo Paolo, mettiamo nelle mani di Dio tutta la nostra vita, come da consiglio di un sacerdote veronese mancato qualche anno fa in concetto di santità, don Ferdinando Rancan in un suo libro dal titolo “IL TEMPO, L’ETERNITA’” con il quale apre a tutti un orizzonte di speranza soprannaturale, perché fa capire come l’uomo, piccola creatura insignificante, ha ricevuto da Dio un grande onore, non solo quello di essere suo figlio, ma anche quello di partecipare alla Comunione con Lui nella Sua Vita Divina per tutta l’eternità, dopo aver superato sulla terra tutte le prove che si richiedono per diventare santi e guadagnarsi il Paradiso.

Anche se tutto questo per molti è un discorso nebuloso, abituati come siamo a fare i nostri poveri conti su questa terra come se fosse il luogo definitivo, tuttavia abbiamo il dovere, per quanto ci è possibile, di ricordarci che scopo principale della nostra vita sulla terra è di viverla bene allo scopo di preparare il “terreno” per l’eternità, dove ci aspetta il giudizio di Dio per il premio o il castigo, nella certezza di poter accedere a quel luogo meraviglioso del Paradiso promesso da Gesù: “Io vado a prepararvi un posto, e dove sono io sarete anche voi”.

          Coraggio! Siamo sulla strada giusta. Il Paradiso ci attende.

                                                                                          

                                             patrizia@patriziastella.com