venerdì 23 febbraio 2024

BERGOGLIO NON E' PAPA. VEDIAMO PERCHE'

  Non vedo perché ci si debba scandalizzare davanti all’ipotesi sempre più fondata che Bergoglio non sia Papa! Troppi sono gli elementi che molti studiosi stanno mettendo in evidenza e che sono ben visibili anche a tutte le persone di buona volontà che usano fede e ragione.

Purtroppo molti ragionano secondo una visione puramente materiale e organizzativa come se si trattasse di un voto politico o amministrativo di un’azienda sia pure prestigiosa ma umana, quando invece L’ELEZIONE DEL PAPA RAPPRESENTA LA PIU’ GRANDE INVESTITURA DIVINA DEL MONDO E DELLA CHIESA FONDATA DA GESU’ CRISTO CHE HA REGOLE BEN PRECISE, IGNORARE O RIFIUTARE LE QUALI SI PUÒ RISCHIARE ANCHE LA SALVEZZA ETERNA. Sono norme sancite nel Codice di diritto canonico, che è di origine divina fondato anche sull'esperienza bimillenaria della Chiesa, oltre che sulla dottrina cattolica imperitura. 

Per quanto riguarda in particolare la prassi per l’elezione del Romano Pontefice si deve fare riferimento alla Costituzione apostolica “Universi Dominici Gregis” del 1996 di Giovanni Paolo II che ha una grande importanza soprattutto per gli eventi diciamo pure drammatici e particolari di questi ultimi decenni ma che viene ignorata volutamente soprattutto da quella parte dei fedeli che sono raggruppati sotto il nome di “tradizionalisti” ma che si stanno escludendo dalla vera Chiesa di Gesù Cristo perché accettano solo quello che fa loro comodo o secondo il loro insindacabile giudizio, rifiutando tutto il Concilio Vaticano II assieme ai  grandi Papi che hanno segnato una tappa importante della storia della Chiesa.

 Molto importanti sono le testimonianze di Carlo Maria Pace, dottore in Fisica con tripla laurea in teologia il quale, con il suo libro “Il vero Papa è ancora Benedetto XVI” stampato nel mese di ottobre 2023, offre preziose e fondate testimonianze sul fatto che Papa Benedetto non si è mai effettivamente dimesso dal Papato, cioè non ha mai abdicato e di conseguenza il cosiddetto Papa Francesco eletto con una furia supersonica non è veramente Papa e quindi è solo un Cardinale.

 E’ la stessa tesi del dott. Cionci, col suo famoso libro “Codice Ratzinger” secondo cui papa Benedetto con la sua “Declaratio” non ha affatto rinunciato al MUNUS, cioè al Mandato divino, all’investitura sacra diciamo così, ma solo all’esercizio di tale Munus chiamato “MINISTERIUM” trovandosi in sede impedita, vale a dire che gli è stato impedito di svolgere il suo mandato di Papa.  Infatti sin dal giorno della sua Messa di inizio pontificato, vedendo le ostilità di chi gli stava attorno, uscì con quella drammatica espressione “Pregate per me perché non fugga davanti ai lupi”, fatto che poi effettivamente avvenne a seguito di tutte le persecuzioni, umiliazioni e ricatti che dovette subire a tal punto che gli era del tutto impossibile assolvere al suo dovere di Papa senza venire meno alla fedeltà piena a Gesù Cristo, come è sempre stato suo obiettivo.

 Se pensiamo che lo stesso Bergoglio fece togliere dall’Annuario pontificio il titolo di “Vicario di Gesù Cristo”; se pensiamo inoltre che il card. belga Daneels rilasciò un documento in cui dichiarava in punto di morte che la nomina di Bergoglio era frutto di un complotto di un gruppo di cardinali detto “Mafia del Sangallo” dopo aver costretto Papa Benedetto a “fuggire davanti ai lupi”, fatto gravissimo per il quale Giovanni Paolo II con occhio lungimirante e illuminato dallo Spirito Santo decretò  la scomunica “latae sententiae” per tutti gli eventuali responsabili presenti e futuri, dovremmo avere elementi più che abbondanti per capire che si tratta di un falso Papa, un antipapa, e secondo il libro di Carlo Maria Pace, “Bergoglio è da considerarsi eretico, scomunicato e sacrilego, e sta spingendo i cattolici verso l’apostasia”. (pag. 8). Inoltre dopo il suo rientro dal sinodo dell’Amazzonia, non ha fatto mistero di celebrare riti esoterici-satanici in Vaticano, facendosi benedire da una sciamana e portando trionfalmente nel cuore della Basilica di San Pietro la statua di una dea pagana, Pachamama, che dal suo ingresso, ottobre 2019, non ha fatto altro che spargere malefici su tutto il nostro paese. Adesso poi che vuole a tutti i costi conciliare la Chiesa cattolica con la Massoneria, condannata da tutti i veri Papi precedenti, credo che abbiamo raggiunto il colmo del peccato contro lo Spirito Santo.

 Se Bergoglio fosse vero Papa, pur ammettendo i suoi errori personali in quanto nessuno, neppure il Papa è confermato in grazia e può rischiare l’inferno, tuttavia se fosse vero Papa non sbaglierebbe mai in questioni di fede perché assistito dallo Spirito Santo! Invece una delle conferme chiare che non è vero Papa è proprio il fatto che sta demolendo tutte le verità della fede e della morale che perfino la nostra coscienza retta di persone comuni percepisce con chiarezza.

Nel catechismo di S. Pio X si legge dal n. 192 al 203 quali sono le prerogative o i doni concessi da Dio al Papa, però attenzione!! Solo al vero Papa della successione apostolica perché colui che siede sul trono di Pietro abusivamente dietro complotto dei cardinali del Sangallo rischia la scomunica latae sententiae, come detto, altro che avere l’infallibilità!

 Anche se nella storia della Chiesa si annoverano ben 40 antipapi, nominati dalle varie correnti cardinalizie per motivi di prestigio o di potere o di interessi, tuttavia nessuno di essi si è mai sognato di smantellare le verità della fede mattone per mattone come sta facendo Bergoglio. Inoltre pretende dai suoi sudditi soprattutto Cardinali, Vescovi e Sacerdoti un’obbedienza cieca con pena di scomunica per chi non lo appoggia, nonostante si tratti di scomuniche invalide perché il primo ad essere scomunicato dai decreti pontifici di Giovanni Paolo II, è proprio lui, il card. Bergoglio. Ma tutti tacciono con una responsabilità da brividi davanti a Dio quando giudicherà il loro operato.


 OBBEDIENZA INTELLIGENTE. Mettiamo in chiaro la questione tanto controversa che è l'obbedienza come virtù e dovere del cristiano verso l’autorità ecclesiastica. Nessuno deve sentirsi obbligato a obbedire ai superiori civili o ecclesiastici, fosse anche Papa e Vescovi, quando pretendono cose che contrastano con la fede cristiana di sempre, con le virtù teologali (fede speranza e carità) e con le virtù cardinali (prudenza, giustizia, fortezza, temperanza) oltre che contrastare con le virtù umane che sono inscritte nel cuore dell’uomo: fedeltà, lealtà, onestà, rettitudine, ecc.

 Non dobbiamo sentirci obbligati a obbedire al falso papa Bergoglio e a nessuna altra autorità ecclesiastica quando ci impone cose che contrastano addirittura con la legge naturale come benedizione alle coppie gay laddove il catechismo di sempre afferma che la sodomia è uno dei peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio assieme all’omicidio volontario, oppressione dei poveri e frode nella mercede agli operai.

Se l’obbedienza che ci viene imposta da qualche autorità non è volta al bene, alle virtù, all’amor di Dio e del prossimo e soprattutto all’osservanza dei 10 Comandamenti, abbiamo il dovere sacrosanto di usare l’intelligenza per disobbedire, per non essere coinvolti con la falsità e col peccato diventando complici di chi usa la propria autorità per portare la gente verso il baratro, anche se fosse in buona fede.

 L' obbedienza del cristiano, laico o consacrato che sia, non deve mai essere cieca o cadaverica ma intelligente e pronta a offrire le motivazioni concrete di dove sta la verità e l’errore secondo il buon senso e secondo la dottrina cattolica che si basa sulla ragione che va di pari passo con la fede. Smettiamola di sentirci obbligati a obbedire perché lo ha detto il Papa! Quale Papa?

 Importante è invece prendere come punto di riferimento generale la Costituzione Apostolica "Universi Dominici Gregis" (A tutto il popolo di Dio) di Giovanni Paolo II che, soprattutto dal paragrafo n. 76 al n. 86, chiarisce le norme circa la sede apostolica vacante e l’elezione del romano pontefice, argomento che è emerso in tutta la sua complessità e drammaticità con l’avvento sul trono pontificio non solo di un falso papa ma di un falso Papa devastatore della chiesa.

Oltre ai due libri citati, “Il vero Papa è ancora Benedetto XVI” e “Codice Ratzinger” di Andrea Cionci, consiglio il libro di Sandro Pomiato “Papa o non Papa?”, il libro di Armando Savini “l’ultimo anticristo” oltre ai video del dott. Giacomo Maria Prati su questo argomento che sono molto chiari ed esaurienti.

 In questo periodo di buio per la chiesa predetto dalle profezie di Fatima, Cornacchiola e La Salette, e sancito al n. 675 del Catechismo Chiesa Cattolica non dobbiamo agitarci ma restiamo con la fede di sempre, con la Messa di sempre, Novus o Vetus Ordo, col rosario di sempre come quando ci si deve riparare da una tempesta: si sta fermi in casa o in qualche rifugio e si prega Dio che finisca presto. Pur essendo orfani del vero papa Benedetto XVI, dobbiamo restare fedeli a lui e al Magistero perenne della Chiesa in questo periodo di prova per la nostra fede, pregando per la conversione di tutti, offrendo a Dio le sofferenze che troveremo lungo il cammino, nella certezza che arriverà presto il trionfo della vera Chiesa di Gesù Cristo che ci farà gustare l’azzurro del cielo con gli Angeli che intonano festosi l’alleluia. 

                                               patrizia@patriziastella.com


RICHIESTA DI FIRME PER LA PETIZIONE AI CARDINALI DI INDIRE UN CONCLAVE CON ELETTORI  ANTE 2013 PER RISPETTARE LA VERA SUCCESSIONE APOSTOLICA DOPO PAPA BENEDETTO XVI.

LA PETIZIONE HA SUPERATO LE 15.000 FIRME.

FIRMATE! Questa è l'ultima possibilità per salvare la Chiesa. Firmiamo tutti insieme per far intervenire i Cardinali (pre 2013) a norma della costituzione Universi Dominici Gregis!

https://www.petizioni.com/riconoscimento_della_sede_impedita_di_benedetto_xvi_e_convocazione_del_conclave

 

 


giovedì 15 febbraio 2024

RUBRICA IN MEMORIA DI DON FERDINANDO RANCAN

                                                     N. 1

         BRANI DAL LIBRO: LA MADONNA RACCONTA

 

   Perché presentare candidati alla santità, in questo periodo storico di guerre e calamità di ogni genere, quando ben altre preoccupazioni ci investono?  Semplice! Per il fatto che la vita esemplare di sacrificio e di unione con Dio di anime elette unite al sacrificio di Cristo, rappresenta un baluardo contro il male che avanza e, con l’aiuto della Grazia, possono addirittura trasformarlo in redenzione e riparazione. A tal punto che si potrebbe dire che “La santità salverà il mondo”.

 

Don Ferdinando Rancan, sacerdote della diocesi di Verona, è nato a Tregnago di Verona nel 1926. Laureatosi in Scienze Naturali presso l’università “La Sapienza” di Roma, tornò nella sua città dove, completati gli studi teologici, ricevette l’Ordinazione sacerdotale il 29 giugno 1953, dedicandosi per molti anni all’insegnamento nel Seminario diocesano e nei Licei della città. Svolse il suo ministero sacerdotale nella parrocchia di S. Nazaro, poi come parroco nella Pieve dei Santi Apostoli e infine come collaboratore presso la chiesa di S. Eufemia.

La vita del reverendo don Ferdinando Rancan costituisce uno stimolo e uno sprone in questi tempi di smarrimento: fu pastore fedele e zelante, direttore spirituale per tanti sacerdoti e laici che si affidarono alla sua guida, nonostante la salute precaria che lo accompagnò per tutta la vita. Don Vittorio Turco, suo confratello e compagno di studi in seminario, ha scritto di lui “uno dei pochi preti veronesi, serio, preparato, colto, che ha saputo sintetizzare i più alti valori cristiani, vissuti e incarnati in una vita umile, provata ed esemplare.”

         Ebbe infatti una vita assai dura, ma nello stesso tempo avventurosa, che egli condusse sempre e ovunque all’insegna della massima fedeltà al suo impegno assunto fin dall’adolescenza col Signore, quello di poter diventare e rimanere sacerdote “fino all’ultimo suo respiro”, anche davanti a grandi prove che dovette subire nell’arco di tutta la sua vita, e che don Ferdinando pensò di riassumere nel suo ultimo scritto autobiografico “STORIA DI UN SOMARELLO” perché tale si riteneva davanti a Dio e agli uomini. Era noto invece per la sua profonda cultura a vasto raggio che, al di là delle due lauree citate in Scienze biologiche e in Teologia, si manifestava anche attraverso quel dono soprannaturale della “Sapienza” che Dio concede ai suoi servi fedeli.

Ha scritto alcuni libri su vari argomenti quasi tutti di vita ascetica rivolti per lo più al cristiano cosiddetto “laico”, cioè a quello che vive nel mondo in mezzo alle varie realtà e preoccupazioni quotidiane di lavoro, famiglia, figli, stipendi, mutui, ecc. dentro e attraverso le quali anch’egli ha il dovere di santificarsi, come sono tenuti a fare i consacrati nella vita sacerdotale o religiosa, ciascuno a seconda del proprio stato di vita vocazionale.

         Questa spiritualità ascetica come prerogativa dei laici non era ben conosciuta e ancor meno capita qualche decennio fa, quando don Ferdinando ebbe l’occasione provvidenziale per preciso intervento divino, (intorno agli anni 1952/54) di conoscere personalmente a Roma il Fondatore dell’Opus Dei, Josemaria Escrivà de Balaguer, (dichiarato santo nel 2002 da San Giovanni Paolo II), e di assimilarne pienamente lo spirito, a tal punto che chiese l’ammissione all’Opus Dei il 6 novembre 1954, come primo sacerdote diocesano in Italia, portandone il carisma nel nord est.

Questa particolare vocazione non comportava nessun cambiamento dal punto di vista del suo ministero sacerdotale diocesano perché rimaneva sempre a disposizione del suo Vescovo di appartenenza, ma lo impegnava a seguire la spiritualità propria del carisma dell’Opus Dei facendosi nel contempo apostolo nei vari ambiti dove si trovava ad operare.

Vero “Alter Christus”, trovò nel Sacrificio Eucaristico quella forza soprannaturale che sempre lo accompagnò anche nei momenti più difficili, fino al compimento finale della sua esistenza terrena che avvenne il 10 gennaio 2017, quando le sue ultime parole, dopo essere uscito momentaneamente dal coma, furono queste: “Portatemi a casa perché voglio dire la Messa!” Di lì a poco spirò e andò a celebrarla in Paradiso.

 

****************

 

In questa rubrica che vogliamo dedicare alla sua memoria, dopo aver ottenuto dal nostro Vescovo di Verona, Mons. Domenico Pompili, l’approvazione per la devozione privata in vista dell’apertura della causa di beatificazione, vorremmo prendere lo spunto dall’ultimo libro che lui ha scritto, presentato proprio l’anno prima della sua morte, 2016:

LA MADONNA RACCONTA” – Confidenze della Vergine Maria ai suoi figli –nel quale egli descrive la vita della Madonna con Gesù e gli Apostoli dalla nascita alla sua Assunzione al cielo come fosse raccontata da lei stessa, nella piena fedeltà al Vangelo e, secondo il parere di esperti, probabilmente ispirata dalla Madonna stessa, nonostante l’autore affermasse di essere solo frutto di meditazione assidua della Parola di Dio.

 Per ora offriamo questa breve presentazione-flash, mentre in seguito daremo spazio al libro iniziando dalla Prefazione  di mons. Luigi Negri, allora Vescovo di Ferrara, che aveva conosciuto e apprezzato il nostro autore dopo un corso di ritiri spirituale per sacerdoti nella sua diocesi.

Ci auguriamo che questa lettura offerta, se possibile, quotidianamente, come piccoli spunti di meditazione seguendo progressivamente tutto il libro, possa essere di aiuto spirituale soprattutto in questo tempo di Quaresima adatto per approfondire la propria vita spirituale di comunione con Dio.

 

 

Invitiamo comunque tutti i lettori e coloro che hanno potuto conoscere don Ferdinando o lo vogliono conoscere adesso con l’occasione dell’apertura della causa di beatificazione, ad acquistare il libro anzidetto, ordinandolo alla casa editrice “Fede & Cultura” che lo invierà a domicilio, (pag. 230, euro 15,00). Tel. 045/941851

 

Per comunicazioni o chiarimenti:

info.donferdinandorancan@gmail.com

 

 

                                                                          n. 2

                                                            PRESENTAZIONE

                  di mons. Luigi Negri


Accompagno con poche ma intense osservazioni questo libro che mi si è rivelato, nel corso della lettura, come singolarmente straordinario nel senso di non riducibile a un’ordinarietà di esperienza e di discorso.

La natura specifica di quest’opera è di contenere una serie di confidenze che la Madonna Santissima comunica a un’anima innamorata di Lei e della fede. Certamente l’immagine della Madonna è quella di colei che ha condiviso fino in fondo la vita del Signore in tutti i momenti della sua esistenza, ma significativamente l’attenzione è rivolta al periodo in cui — dalla Risurrezione all’Ascensione — ella ha rappresentato il punto di riferimento umanamente affettivo per gli apostoli e i discepoli, ovvero quella prima comunità ecclesiale che si è formata a Gerusalemme dopo la Risurrezione e che avrebbe avuto la sua inesorabile e obiettiva realtà nella Pentecoste.

Inizialmente ho provato un certo disagio, avvertendo su di me la legittima domanda dei lettori: è davvero soprannaturale la provenienza di queste confidenze? Oltre a verificare che in queste confidenze non c’è altro se non il puro dogma cattolico, e mai una frase di esagerazione o di esorbitanza, mi sono tranquillizzato — appunto perché non tocca a me formulare un giudizio sulla natura di questa confidenza — quando ho capito un aspetto che io reputo essenziale e che ritengo l’apporto più significativo di questo libro: che sia una grande testimonianza di affezione alla Madonna, a Cristo e alla vita della Chiesa.

La confidenza è come l’espressione di un rapporto straordinario fra la Madonna e l’anima di questo sacerdote, dove si fa fatica a distinguere, come avviene sempre nei rapporti intensi, l’oggetto della comunicazione della Madonna e l’oggetto della comunicazione dell’anima.

In altre parole la chiave del libro è questa confidenza reciproca che si presenta come un unico dialogo che fluisce nella profondità di un rapporto personale senza nessuna particolare connotazione di soprannaturalità, perché è lo stesso dialogo che il popolo cristiano ha avuto per secoli con la Madre del Signore, fatto di invocazioni e di confidenza.

Siamo di fronte ad una grande testimonianza di quale sia il livello di serietà, di profondità, di verità anche affettiva a cui possa arrivare il rapporto fra il cristiano e la madre del Signore, con sullo sfondo la vita e la presenza del Signore stesso, là dove il cammino di fede è adeguatamente vissuto.

Dentro l’insegnamento di questo libro mi sembra che ci siano più specificatamente alcune caratteristiche. In questo dialogo la Madonna è presente in forza del suo rapporto con Cristo: un rapporto totalizzante, che ha preso compiutamente la sua vita.

È presente come giovane madre con le grandi promesse che aveva ospitato nel suo cuore e con la fatica dell’educazione di un bambino e poi di un ragazzo, con i limiti che ogni rapporto educativo ha, e quindi non senza difficoltà, non senza qualche momento di sconforto, ma sempre rinnovando la sua dedizione totale al Figlio, fino all’inizio del suo ministero pubblico o, come dice l’autore, “fino a quando non sparì nel mondo”.

La Madonna è dentro questo Mistero come una donna, con tutta la sua femminilità, e il dialogo ininterrotto fra il suo cuore e quello del Signore diventa la strada per la maturazione della sua personalità, fatta di profonda immedesimazione con la vita di Cristo fino a sperimentare in pienezza assoluta la gloria del Signore crocifisso e risorto in Lei.

Mi pare che questo testo non sia affatto oleografico. Si presenta con la chiarezza e la semplicità di una donna che cresce quotidianamente nell’amore al Figlio e alla sua missione e che assume, per mandato del Signore, una responsabilità di aiuto, discreto e fortissimo, alla comunità nascente; un aiuto discreto e fortissimo che continua in ogni stagione della vita della Chiesa.

Così, allo stesso modo, coloro che sono coinvolti, non sullo sfondo ma nel centro di questo dialogo — perché gli apostoli, i discepoli e le donne fanno parte di questo dialogo fra la Madonna e l’anima assetata di Lei — sono presenti ciascuno con la propria personalità, con le proprie caratteristiche e sono oggetto da parte di Maria di incoraggiamento, di sostegno e qualche volta di discretissimo rimprovero.

La comunità è fatta di persone vive che portano dentro di essa ciascuno la propria personalità, senza riduzioni, senza amplificazioni, senza indebite limitazioni. È una comunione in cui ciascuno emerge e cresce nella sua obiettiva personalità.

L’insegnamento che ho ricevuto da queste pagine è che vi sia rappresentata in maniera singolare l’esperienza della comunione cristiana, che nasce dal riconoscimento di Cristo fra i discepoli e viene rinnovata dopo la discesa dello Spirito Santo in modo assolutamente definitivo. È l’immagine della Chiesa nella sua oggettività solenne o istituzionale, e insieme nella sua tenerezza familiare.

Mi sembra che attraverso il dialogo fra il cuore di Maria e il cuore di quest’anima appassionata di Lei sia significativamente raccolta la verità dell’espressione “la Chiesa è la famiglia di Dio”.

                                                                 Mons. Luigi Negri

Arcivescovo di Ferrara-Comacchio.


 

n. 3

INTRODUZIONE

Di Ferdinando Rancan

 Le pagine di questo libro vorrebbero essere la risposta a numerose richieste rivolte all’autore da persone che desiderano alimentare la propria devozione alla Santissima Vergine.  Tali richieste mettevano l’autore in un forte imbarazzo: che cosa mai si poteva dire in aggiunta a tutto quello che è già stato detto e scritto in tanti secoli sulla figura e sulla missione di Santa Maria e sul posto che essa occupa nei disegni di Dio, nella Chiesa e nella vita dei cristiani?  Esiste una letteratura immensa e ricchissima che ci parla della Madonna: teologia, ascetica e pietà popolare hanno prodotto pagine stupende in onore della Madre di Gesù, pagine che hanno nutrito e continuano a nutrire la vita spirituale di intere generazioni di credenti. Che dire poi di tanti testi stupendi che parlano della Madonna nella Liturgia della Chiesa e nei documenti del Magistero?

Tutto questo costituiva per l’autore un ostacolo insormontabile e gli forniva un motivo più che valido per non prendere in mano carta e penna, così da evitare il rischio di cadere su un terreno scontato, su cose già dette mille volte, con tanta unzione e sapienza, da santi e da teologi. Bastava quindi attingere all’immenso patrimonio di dottrina e di pietà mariana che è a nostra disposizione nelle mani della Chiesa.

Sennonché nella mente dell’autore rimaneva, sia pure in sordina, il conflitto sulle decisioni da prendere. Il rifiuto gli appariva un’ingratitudine verso Colei che fin dalla tenera infanzia l’aveva custodito e protetto, mentre l’accettazione della proposta, anche se nessuno avesse letto queste pagine, poteva diventare un gesto d’amore personale verso Colei che gli aveva dato Gesù e gli aveva insegnato ad amarlo.

            Fu a questo punto che affiorò nella mente dell’autore un’affermazione, attribuita a San Bernardo, che dice: “De Maria numquam satis”, “Non si parla mai abbastanza di Maria”.  Questa affermazione mise fine a ogni interiore incertezza e spinse l’autore ad aderire pienamente alla proposta. Ma allora, che fare?  Forse ridire in modo nuovo le molte cose, o almeno le principali fra le tante, scritte sulla Madonna lungo i secoli?

            L’autore si accinse a prendere in mano i testi mariani a cominciare dal primo millennio. Davanti a migliaia di pagine che raccolgono le riflessioni profonde e commoventi dei Padri e dei Dottori della Chiesa, e pensando poi alle altre migliaia di pagine scritte nel secondo millennio, l’autore fu assalito dallo scoraggiamento e dalla tentazione ancora più forte di abbandonare l’impresa. Cosa poteva mai balbettare, lui, fra tutte quelle voci solenni che hanno fatto risuonare nel tempo le glorie di Maria e le suppliche degli uomini? 

            Già! gli uomini. Tutte quelle pagine contengono ciò che gli uomini hanno detto di Maria. Uomini dotti e santi che hanno cercato di penetrare profondamente il mistero della Vergine Madre, ma pur sempre uomini. E la Madonna?  Avrà pur detto anche lei qualcosa agli uomini! Non solo a qualcuno in qualche apparizione privata, il cui contenuto si limita spesso alla materna esortazione alla penitenza, alla conversione e alla preghiera per i peccatori, ma una parola di sé, una qualche confidenza di ciò che lei ha vissuto ed è passato nel suo cuore l’avrà pure compiuta la Vergine Santa!

Questo pensiero, che in fondo rivela un desiderio nascosto nel cuore di ciascuno di noi, trova riscontro in una preghiera che San Giovanni Paolo II rivolge alla Madonna di Loreto. Così egli si esprime: Maria, Madre del sì, tu hai ascoltato Gesù, conosci il timbro della sua voce e il battito del suo cuore. Ebbeneparlaci di Lui, raccontaci il tuo cammino per seguirlo nella via della fede. Maria, che a Nazareth hai abitato con Gesù, imprimi nella nostra vita i tuoi sentimenti, la tua docilità, il tuo silenzio che ascolta… Maria, parlaci di Gesù, perché la freschezza della nostra fede brilli ai nostri occhi e scaldi il cuore di chi ci incontra…

            Ora, il luogo ovvio dove cercare eventuali confidenze di Maria dovrebbe essere naturalmente il Vangelo. Agli Apostoli e ai primi discepoli la Madonna avrà certamente raccontato molte cose. Ma proprio lì, nel Vangelo, scopriamo che Maria è la donna del silenzio.  Si sa che per una donna il silenzio rasenta l’eroismo, ma qui il silenzio di Maria non rappresenta semplicemente il dominio sulla propria femminilità, ma l’atteggiamento tutto soprannaturale di chi custodisce nel cuore, avendolo servito fedelmente, il disegno di Dio che opera silenziosamente ma efficacemente per la salvezza dell’umanità.

            Tuttavia, il Vangelo riporta alcune espressioni della Madonna che, pur essendo pochissime, sono però preziose perché fanno riferimento a interventi fondamentali di Dio nella vita di Maria. Innanzitutto l’incontro con l’Angelo, quando la Madonna si dichiara la “serva del Signore”, e fa un riferimento a Giuseppe per dire che non l’avrebbe mai “conosciuto”; l’incontro poi con Elisabetta, quando esplode nel Cantico di lode al Signore perché ha guardato all’umiltà di questa sua serva per compiere in lei cose grandi; infine in due circostanze Santa Maria si rivolge direttamente a Dio: una nel tempio a Gerusalemme alla ricerca di Gesù, per chiedergli quale significato avesse il suo comportamento umanamente ingiustificabile, l’altro a Cana per chiedergli di dare un segno della sua identità messianica che confermasse nella fede i suoi primi discepoli.

            Queste espressioni della Madonna sono importanti perché riferiscono verità fondamentali della nostra fede, ma lasciano ancora avvolto nel mistero il mondo interiore della Madonna. A questo punto il nostro desiderio di ascoltarla sarebbe rimasto inappagato, se l’evangelista San Luca, colui che raccolse le più intime confidenze di Maria, non ci avesse suggerito una strada ricordandoci che Maria conservava tutte queste cose meditandole nel suo cuore.

            Ecco il luogo dove possiamo ascoltare la voce di Maria, le sue confidenze, il racconto delle sue emozioni e della sua esperienza interiore nel vivere accanto a Gesù. Gli uomini hanno parlato molto di lei, vorremmo ora che fosse lei a parlare di sé agli uomini, a raccontare la sua vita e, vincendo quel pudore materno che ha tenuto sigillate tante cose nel suo cuore, partecipasse ai suoi figli i suoi sentimenti e le vicende che hanno forgiato il suo mondo interiore così squisitamente umano e così profondamente divino.

            Occorre dunque entrare nel cuore di Maria. Ora, se è vero che solo una madre può capire un’altra madre, è vero anche che entrare nel cuore di una madre può farlo solo un bambino. Per lui, infatti, nessuna madre ha segreti. L’autore quindi, non ha avuto alternative; ancora una volta ha dovuto farsi bambino e bussare. Una madre non può chiudere il cuore alla propria creatura. E così, con sforzo, è riuscito ad accoccolarsi davanti a Maria e ascoltare in silenzio le sue confidenze.

Quando una madre racconta, i ricordi, i pensieri e i sentimenti che hanno accompagnato le esperienze della sua vita, nell’uscire dalle sue labbra diventano consigli, raccomandazioni, esortazioni per i propri figli. Anche Maria, che è donna e madre, quando racconta, lo fa per noi, perché impariamo a comportarci da buoni figli di Dio, a imitazione del suo figlio Gesù.

            D’altra parte è inevitabile e giusto che le meraviglie compiute in lei da Colui che è onnipotente e santo suscitino in tutti noi una filiale curiosità, perché tanta ricchezza di grazia che è nel suo cuore materno e che un giorno contempleremo nella gloria del Cielo ci possa allietare, confortare e sostenere fin d’ora, nelle fatiche del nostro viaggio sulla terra.

            L’autore si rende perfettamente conto che la pretesa di entrare nel cuore di Santa Maria e ascoltare le sue confidenze può apparire una presunzione eccessiva e un po’ strana, ma il desiderio di conoscere e di ascoltare i battiti del suo cuore dolcissimo ha prevalso. Sono battiti che diventano parole dell’amore materno verso i suoi figli.

            Tuttavia, pur cercando di restare bambino, sforzandosi di ricuperare la semplicità dell’innocenza, non sempre ha saputo prescindere dalla sua deformazione professionale di uomo adulto: un po’ teologo, un po’ esegeta, un po’ pastore d’anime, e così le confidenze materne di Maria potrebbero aver subito qualche interferenza.

            L’autore ne ha chiesto scusa alla Madonna che gli ha risposto – così immagina – con un sorriso, e chiede scusa anche all’eventuale lettore che – così spera – gli risponderà anche lui con un benevolo sorriso.

                                                                                    L’autore


                                    **********************************

                                                                         N. 4      

                                 "SERVIAM !” TI SERVIRÒ, SIGNORE!


Figlio mio, grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente! 
Questa Madre tua, alla quale il Cielo ti ha affidato, vuole raccontarti le meraviglie compiute in lei dal Signore perché anche tu gli renda grazie per la sua immensa misericordia, e così il tuo cuore gioisca con tutta la Chiesa e con tutti i Santi del cielo. Queste meraviglie infatti il Signore le ha compiute in me, ma per te, per la tua salvezza e per quella di tutti gli uomini. 
Sono perciò meraviglie che proclamano l’amore di Dio per l’uomo; esse compendiano nei pochi anni della mia vita tutto ciò che Dio ha compiuto in tanti secoli della storia umana.
Naturalmente quando Dio agisce in noi, la sua grazia entra in intimo dialogo con la nostra libertà e con i sentimenti più profondi della nostra anima.
     Appunto di essi vorrei farti partecipe sollevando un poco il velo che li ha custoditi dentro di me. Saranno confidenze materne che vogliono muoverti a lodare il Signore e a stupirti per le sue meraviglie, ma vogliono anche far nascere nel tuo cuore desideri e propositi di fedeltà alle attese del Signore corrispondendo alle grazie che egli ti concederà nel tuo cammino sulla terra. 

Ti apro dunque il mio cuore cominciando dal giorno più imprevisto e meraviglioso di tutta la mia vita, il giorno nel quale si compì l’evento determinante per la storia del mondo.

  Era il plenilunio del mese di Nisan, il plenilunio di primavera. La luna dopo aver illuminato il silenzio della notte era tramontata in lontananza dietro l’orizzonte, e i monti intorno a Nazareth sonnecchiavano in attesa che il sole risvegliasse la vita e accendesse di colori i campi e le rocce del nostro villaggio. Davanti a tanto splendore la mia anima si commoveva e scioglieva canti di gioia.
 Io ero in piedi all’alba, e come sempre avevo cominciato la giornata in ginocchio dicendo, dopo aver baciato la terra: “Eccomi, o Signore”.  

Lo dicevo col cuore perché in quel gesto c’era tutta la mia persona, esprimevo, e non solo con le parole, tutto l’atteggiamento della mia anima. Quel “Eccomi!” era la risposta obbediente a una chiamata.  
 Figlio mio, ricordalo sempre! Ogni giorno è un appuntamento che ti dà il Signore. Egli è lì, vicino a te ogni mattina; e ti chiama. A che cosa ti chiama? A servirlo! Per questo all’inizio di ogni giorno, quando mi alzavo e baciavo la terra gli dicevo: “Signore, ti servirò”.  

Fin da piccola sentivo echeggiare dentro di me in maniera sempre più chiara l’espressione: “Eccomi, sono la serva del Signore!”. Senza dirlo, lo pensavo. Era un pensiero che non veniva da me e nemmeno mi veniva suggerito da altri. Lo sentivo presente in me da sempre, come se l’avessi ricevuto con la nascita.

 Inoltre, non era un pensiero insieme ad altri pensieri che si ponevano davanti a me come tante alternative, era un pensiero unico, che occupava interamente la mia anima. Sentivo che lì c’era tutta la mia vita; sulla terra non avevo nessun altro compito, non dovevo fare altro che questo: essere la serva del Signore.
 So bene, figlio mio, che la parola “Servire” non piace agli uomini del mondo, e forse anche a te crea un qualche disagio. Il pensiero di dover sottostare a dei padroni è mal sopportato da molti, nessuno poi è disposto a limitare, e ancor meno a perdere la propria libertà per servire. Ebbene, tutto questo non ha senso quando si tratta del Signore. Dio non è un padrone alla maniera umana, e nessuno al mondo rispetta la tua libertà come la rispetta il Signore. Semmai devi cercare che sia, la tua, una libertà vera.
Ebbene, figlio mio, la tua libertà è vera quando è una partecipazione alla libertà di Dio. Dio è infinitamente libero, così libero da compiere solo il bene. Perciò solo quando facciamo il bene partecipiamo alla libertà di Dio, e siamo veramente liberi. Poter fare il male è un limite, e quindi il male che fanno gli uomini è sempre una perdita di libertà.

C’è, dunque, schiavitù là dove c’è il peccato. Ed è la schiavitù più umiliante e opprimente. Non lasciarti, dunque, ingannare. Si nasconde dentro di te un cattivo padrone – il tuo io –, che cerca di trascinarti per sentieri di malizia, di superbia, di sensualità, di ribellione: sono i sentieri che portano alla schiavitù. Oh! Vorrei che tu scoprissi quanta gioia inonda l’anima quando si sente libera dal male, e può così assaporare le braccia paterne di Dio! È la libertà che ti permette quella dolcissima intimità con lui che nessun’altra creatura può offrirti. 
 Quando, ogni mattina all’alba, baciavo la terra e dicevo a Dio: “Eccomi, sono la tua serva, o Signore”, sentivo quel gesto come la risposta a Dio che mi chiamava – ti dicevo che ogni giorno è un appuntamento che ti dà il Signore –, mi chiamava non col tono di un padrone intransigente, ma col sorriso amabile di un padre che mi invitava a seguirlo. E così la mia giornata diventava un tratto di strada che compivo con lui. Compiere un tratto di strada in compagnia è un modo ben diverso di camminare sulla terra.  
Se aderisci alla volontà di Dio, cammini insieme con lui e camminerai sul sicuro.

 Il Signore, figlio mio, non è lontano. È lontano se fra te e lui ci metti in mezzo le tue cose. Non soltanto le cose egoistiche del tuo io, ma anche le cose buone come i tuoi “doveri”. Gesù viene prima dei tuoi doveri; dovrebbe perciò essere il tuo primo pensiero in ogni momento. Se tu metti le tue cose al primo posto e aumenti così lo spazio fra te e il Signore, corri il rischio di spingere Gesù sempre più lontano da te. Quello che semmai dovresti fare è mettere Gesù fra te e i tuoi doveri. Allora non saranno più doveri, ma passi d’amore che daranno alla tua libertà la gioia di servire.
 Figlio mio, non temere di cominciare in questo modo ogni tua giornata. Dio è l’unica cosa veramente necessaria, e deve essere lui il primo pensiero con il quale riprendi ogni giorno il tuo cammino. È una convinzione che io ho avvertito da sempre come se fosse innata dentro di me: Dio è il primo e deve venire prima di ogni altra cosa, anzi, di più: Dio è l’unico e ogni altra cosa è un dono d’amore per lui.
 Figlio mio, ascolta tua madre, che ti vuole felice!

 

 

martedì 13 febbraio 2024

GUERRA O PACE

           

Stanno girando immagini della Madonna con tanto di preghiera per la pace e richiesta urgente di diffusione. Quanta paura della guerra e quanta ipocrisia nasconde la pace! 

La guerra non è altro che la conseguenza dei nostri peccati, dicono i santi, perché Dio stesso, Bontà infinita, si fa garante della nostra pace e progresso e libertà se ci affidiamo a Lui. Purtroppo l’umanità in genere, compreso molti ecclesiastici, hanno emarginato o rifiutato Dio, soprattutto in questi ultimi decenni, sfidandolo con arroganza e mettendosi al suo posto in forza degli ultimi strabilianti progressi della scienza e della tecnica che hanno mandato in visibilio la loro mente ottenebrata dalle false lusinghe del perenne nemico “…tutte queste cose io ti darò se, prostrandoti, mi adorerai” (Mt.2,7)

 

Sembra che Dio col suo silenzio voglia assistere impassibile all’inesorabile rovina delle sue creature. In realtà Dio è Amore e ha preparato per l’uomo un paradiso di delizie su questa nostra terra nell’attesa di un Paradiso eterno di ineffabile meraviglia, tuttavia, davanti al tradimento, alla sfida, alle bestemmie fino al rinnegamento dei suoi figli che gli hanno chiaramente fatto capire che di Lui non hanno bisogno perché se la cavano benissimo da soli, il nostro Dio incarnato nel Figlio Gesù si ritira dalla scena di questo mondo e lascia all’uomo orgoglioso il timone della barca osservando dove andrà a sfracellarsi, non per colpa di Dio ma dell’uomo che si è voluto sostituire a Dio, dietro suggerimento del Maligno. Nel frattempo c’è sempre il piccolo resto o tanti piccoli resti sparsi nel mondo che pregano perché si rendono conto del disastro che sta avanzando e pertanto si sta aprendo un campo di battaglia preternaturale, diciamo così, vale a dire che si dovranno affrontare i due schieramenti opposti: i figli delle tenebre contro i figli della Luce mentre Dio sembra continuare a osservare impassibile. Con chi schierarci?

 

Lo scatenarsi di una guerra dalle proporzioni giganti spaventa tutti, non c’è dubbio. D’altra parte quale garanzia ci può dare la pace tanto invocata se le cose continuano a precipitare inesorabilmente verso la rovina morale e spirituale dell’umanità coinvolgendo ormai tutto il mondo? Che ce ne facciamo della pace se assieme alle armi dobbiamo seppellire anche i nostri valori, la nostra civiltà, la nostra fede cattolica, la nostra dignità e libertà, il nostro lavoro, arte, tradizioni ecc. vivendo come schiavi dei poteri forti che ci vogliono soggiogare “pacificamente” come pecorelle obbedienti entro il 2030!

 

Preferiamo un mondo come il presente, che insegna ai bambini a rovinarsi usando il sesso come un giochetto, cambiando personalità, nome e identità per svanire in un labirinto impersonale senza più relazioni, né famiglia, né amici dove spesso è il suicidio a concludere questo itinerario delirante?

Preferiamo continuare a rovinare il nostro corpo con vaccini mortiferi anziché lottare per far emergere i nostri diritti, la giustizia e la libertà di essere curati come ciascuno di noi desidera?

Preferiamo essere privati dei nostri beni personali, ottenuti magari con sacrificio piuttosto che lottare per difendere la proprietà privata e la giustizia distributiva?

Preferiamo che i nostri terreni agricoli, unica fonte del sano nutrimento per tutti, vengano trasformati in campi elettromagnetici mentre noi dovremo nutrirci di farina di insetti schifosi come fosse un piatto prelibato?

Preferiamo adorare tutti insieme una pericolosa divinità pagana portatrice di calamità, come la dea Pachamama posta come scandalo gravissimo proprio nel cuore della Basilica di San Pietro dal falso Papa seduto abusivamente sul trono di Pietro, rinnegando l’unico vero Dio incarnato in Gesù Cristo, unica Fonte del nostro benessere materiale e spirituale e della nostra libertà di figli di Dio? ecc. ecc.

 

Forse solo la prospettiva di una guerra che spazzi via tutte queste e altre nefandezze resta l’unica vera speranza di ripresa che ci faccia capire finalmente che senza il vero Dio cristiano non possiamo nulla, come afferma Gesù nel Vangelo, e che “a mali estremi, estremi rimedi”, vale a dire che, tranne un miracolo strepitoso, pare che finora solo attraverso la guerra, la sofferenza e la purificazione, potremo forse sperare di salvarci almeno l’anima dai tormenti eterni dell'Inferno.  La mossa strategica semmai è quella di schierarsi con la parte giusta che difende i valori cristiani, liberi dai partiti politici, per non andare a finire stupidamente dalla padella nella brace. 

La Madonna a Fatima ha pronunciato molte volte il nome della Russia che si convertirà. A noi la scelta se stare con la Russia dalle radici cristiane o con la Nato massone e assatanata che dalle Logge inglesi è passata poi all’America del Nord invadendo il mondo con le sue nefandezze.

       patrizia@patriziastella.com




  

mercoledì 10 gennaio 2024

IN MEMORIA DI DON FERDINANDO RANCAN.

                                     TESTIMONIANZE

A CURA  DI PIERLUIGI BIANCHI CAGLIESI 

                 E DEL PROF. ERMENEGILDO DAL BOSCO


 https://youtu.be/WWye8eYAxp0?si=RF8FIQZF95dieRHX


 ⬆️🔴⬆️ Prendetevi un'abbondante mezz'oretta di relax e ascoltate  questa bella testimonianza sulle virtù eroiche del sacerdote diocesano veronese DON FERDINANDO RANCAN. 
È meglio di un ricostituente spirituale in mezzo a tante miserie che il mondo ci offre con  preoccupante insistenza.  
Ma Christus vincit!  Christus imperat!

martedì 9 gennaio 2024

IN MEMORIA DI DON FERDINANDO RANCAN NEL SETTIMO ANNIVERSARIO DALLA MORTE.

                        10 GENNAIO 2017 - 

                        10 GENNAIO 2024

 

In occasione del settimo anniversario del passaggio al cielo di don Ferdinando Rancan, sacerdote diocesano veronese in concetto di santità, trasmettiamo un video con la presentazione del libro “LA MADONNA RACCONTA” realizzato da Telepace alla presenza dell’allora Vescovo di Verona, Mons. Giuseppe Zenti, presso il salone del Circolo Ufficiali di Castelvecchio.

 Il libro edito da “Fede & Cultura” con la prefazione di Mons. Luigi Negri, porta come sottotitolo questa frase “Confidenze della Vergine Maria ai suoi figli”. L’autore infatti, all’inizio contrario a scrivere un nuovo libro sulla Madonna, è rimasto alla fine convinto dall’insistenza di alcuni suoi lettori, colpiti dall’assoluta “novità” nel suo genere perché è la Madonna stessa che parla di sé, della sua vocazione divina straordinaria, della sua vita accanto a suo Figlio Gesù e poi, dopo la sua Ascensione al Cielo, accanto agli Apostoli nella prima Chiesa nascente.

 E a coloro che, dopo averlo letto attentamente, si sono chiesti, per la profondità e i dettagli degli argomenti trattati, se in realtà la Madonna si fosse veramente manifestata all’autore in modo diciamo pure straordinario, con qualche rivelazione o visione personale ecc. l’autore, con grande umiltà, ha sempre risposto così: “Nulla di tutto questo, si tratta semplicemente di un’assidua lettura e meditazione della Parola di Dio che ho cercato di offrire al pubblico nell’unico intento di far amare di più la Madre di Dio”.

 La stessa motivazione don Ferdinando l’aveva esposta anche per un suo libro precedente “IN QUELLA CASA C’ERO ANCH’IO” pubblicato nel 2005, ed. Fede & Cultura, dove descrive la vita di Gesù attraverso un personaggio “in più” nella scena del Vangelo, un bambino appunto (l’autore stesso), che viveva con la famiglia di Nazareth e riferiva tutti gli episodi narrati nel Vangelo con un rigore scrupoloso nel rispetto della verità evangelica ma presentata in maniera viva, simpatica, come lo scorrere di un film avvincente sulla vita di nostro Signore Gesù Cristo e dei primi Apostoli.

 Buona visione del video ma soprattutto buona lettura di tutto il libro con l’invito ad acquistarlo chiedendolo alla casa editrice “fede & cultura” che cura i libri di don Rancan e li spedisce a domicilio.   (tel. 045/941851).  E’ una carica di fede e di amore di Dio.

                         Clicca sul link qui sotto:

                      https://youtu.be/A-zUXvqrDFw

             

      

      mail                patrizia@patriziastella.com

      blog                 patriziastella.com

 




lunedì 25 dicembre 2023

BUON NATALE E BUON ANNO CON LE ZAMPONE PER GESU' BAMBINO

    VIDEO  TU SCENDI DALLE STELLE CON LE ZAMPOGNE

      https://youtu.be/GnO2q8fWOYU?feature=shared


🌹🌺🌠 Cari amici, al suono del indimenticabile e sempre caro "tu scendi dalle stelle" con gli zampognari e i pastori che cantano al Bambino Gesù, auguro a tutti un Santo Natale di fede e speranza nel onnipotenza del Signore Gesù perché rinnovi la terra e la purifichi da tutti gli orrori.

Buon anno 2024 sotto la protezione della Vergine Maria.

 Patrizia

 

patrizia@patriziastella.com

    blog     patriziastella.com

 

 

giovedì 7 dicembre 2023

ISRAELE E LA PALESTINA

Israeliti, Ebrei, Sionisti, Aschkenaziti, Hamas ecc. Ecc. Cerchiamo di fare un po' di chiarezza.

 

Ci sono veri e falsi ebrei innanzitutto. I veri ebrei sono quelli della discendenza davidica e ancor prima discendenti da Abramo da cui è nato Gesù Cristo e la Vergine Maria e sono rimasti pochi

Molti di questi ebrei sin dai tempi dj Noè dopo il diluvio si sono staccati dalle 12 tribù d’Israele, dalle leggi dei loro Padri e Patriarchi e dalla Bibbia per seguire l’avversario di sempre, il diavolo, adorato come dio Moloch o Baal, e seguendo non più la Bibbia ma il Talmud, una sorta di Corano che incita alla violenza e non riconosce i 10 Comandamenti e ancor meno la legge di Mosè.

 

Costoro si sono raggruppati nella cosiddetta 13.ma tribù di Dan discendente da Jafet figlio ribelle di Noè e maledetta da Dio, si sono mescolati e uniti alle popolazioni pagane perdendo totalmente la discendenza e il sangue ebreo. Si sono in seguito mescolati con le popolazioni mongole della zona sud est dell’Asia, Kazakistan, Kurdistan... Ecc prendendo il nome di EBREI ASCKENAZITI ma in realtà non erano più veri ebrei, soprattutto per aver rinnegato la fede dei loro padrj.

 

Verso la fine dell’800 si sono gradualmente trasferiti in America dove hanno fatto la loro fortuna con affari loschi e redditizi e con matrimoni di un certo livello sociale e politico ma di dubbia moralità soprattutto per la corruzione e glj imbrogli negli affari che già erano attecchiti in America dalla massoneria.  Da loro sono sorti gruppj potenti come i Rotchild, Rockefeller, Morgan ecc. E i discendenti passati alla storia come criminali, tra cui Stalin, Hitler, Marx ecc. Che si sono uniti col nome di EBREI, MA FALSI EBREI, grazie a un unico comun denominatore: l’amore sfrenato per il denaro e il potere (“ti darò tutto questo se prostrato mi adorerai” da antica tentazione di evangelica memoria) oltre che dall’odio verso Gesù Cristo, l’Ebreo per eccellenza e verso i cristiani che invece hanno abbracciato e creduto in lui come vero Dio e vero uomo.

 

I ceppi più potenti di queste famiglie diciamo pure assatanate purtroppo, il cui obiettivo principale consegnato loro dal diavolo era quello di scatenare odio, discordie, guerre, gelosie ecc. ebbero una pensata strategica e malefica di "invitare tutti glj ebrei Aschkenaziti Kazari sparsi nel mondo (falsi ebrei ricordiamolo) a occupare la terra dei loro Avi: la Palestina!! E questa “pensata” meravigliosa, frutto di strategie malefiche dei soliti nemici del Dio vero passati al diavolo, avvenne di recente, dopo la seconda guerra mondiale, 1947/48 e avvenne con una tale prepotenza sempre più forte come se fosse loro proprietà da sempre, sulla quale invece non potevano vantare nessun diritto perché essi l’avevano abbandonata ancora nei primi secoli dopo il diluvio per girare per il mondo.

 

Questi falsi ebrei stavano benissimo in America e in Asia e ovunque in giro per il mondo dove l’ambiente era enorme e facevano affari a palate (con l’aiutino della massoneria) e non avevano alcun bisogno di invadere un piccolissimo pezzetto di terra, la Palestina, abitata da secoli dai cosiddetti "palestinesi" vale a dire un conglomerato pacifico di veri ebrei, cristiani, musulmani, pagani, ecc.

 

Ma i soliti potenti di questa terra (ancora per poco), Rotchild ecc. hanno sempre avuto come obiettivo primario, non solo la conquista di un territorio per confiscarne i beni (vedi tuttora America e Nato), ma soprattutto quello di creare liti, confusione, discordie, guerre ecc. tra gli stessi abitanti e gli stessi ceppi etnici, perché questo è lo stile del diavolo “divisione, odio, sospetto, menzogne e morte”.

 

Con l’avvento di Maometto nel 650 d.C. anche in Arabia iniziarono le prime guerriglie in nome di Allah! che combattevano ebrei e cristiani, e si pensa che anche queste siano state avviate e fomentate, sempre grazie a un “capo” consenziente, dagli stessi personaggi dei poteri oscuri che hanno come obiettivo primario, come detto, distruzione e morte, come da comando del loro capo supremo, il diavolo. 

In quest’ultimo secolo si tratta delle stesse guerre senza senso, senza scopi principali, senza obiettivi primari, se non la distruzione per la distruzione e la morte per la morte, col pretesto di cacciare il presunto “despota tiranno” che ultimamente hanno idiotamente individuato nella Russia cristiana e nel Presidente Putin.  Dopo l'Ucraina è l'ora della Palestina. Per cui zumpano di qua e di là del mondo con guerre costosissime di vittime e di denaro senza mai raggiungere un vero obiettivo se non la distruzione per la distruzione.

 

Tornando alla Palestina dei nostri tempi, i potenti del mondo citati, vedendo appetibile quel territorio anche in forza di vicini giacimenti di gas e petrolio, e non ultimo in odio al figlio di Dio Gesù Cristo nato in Palestina a Betlemme, spinsero i falsi ebrei askenaziti sparsi nel mondo ma soprattutto nell’America massone, a prendere possesso di quella lingua di terra con una furbizia luciferina, e con una graduale ma progressiva violenza a tal punto da costringere gli abitanti a vivere in un territorio sempre più piccolo che adesso stanno bombardando in maniera degna solo dei peggiori criminali diabolici.

 

Da qui il nome di Israele sulle false tracce dei loro avi che loro avevano tradito e per marcare sfacciatamente la loro falsa appartenenza a quelle sacre terre, inventarono il nome di Sionisti , dal monte Sion che nulla centra nel modo più assoluto con le radici e la vera religione ebraica. I Sionisti ebrei o islamici come hamas sono formazioni terroristiche volute dai Rotchild per fomentare guerre fratricide nel mondo. Perché questo vuole satana: distruzione falsità e morte.

Pertanto i palestinesi con i loro vecchi e bambini che hanno diritto sacrosanto di abitare quelle terre da sempre si vedono ammazzati cacciati e umiliati come se i padroni fossero gli usurpatori israeliani sionisti invasori

 

E’ facile dire " risolviamo tutto col perdono! Come si sente dire da qualche pulpito. Ma il perdono è tipico ed esclusivo del cristianesimo. Ma se gli altri vanno avanti come dei bulldozer sotto la bandiera di satana che vuole distruzione e morte perfino di bambini innocenti, anche noi abbiamo il dovere di difenderci e combattere.

Spero di aver chiarito almeno sommariamente le idee perché non è vero che accusando gli israeliani è come se accusassimo il popolo eletto voluto da Dio nel Vecchio Testamento! Gli israeliani sono falsi ebrei. E’ vero che dall’altra parte abbiamo la violenza del popolo antagonista che sono quelli di Hamas col loro corano che incita alla morte per gli infedeli, ma purtroppo dobbiamo capire che entrambe le formazioni terroristiche (non si possono definire religiose se non fanatiche) provengono dallo stesso potere diabolico che odia l’uomo in quanto immagine e somiglianza di Dio e lo vuole invece rendere schiavo di satana, anche con le manipolazioni genetiche, vaccini che cambiano il dna e tutte le invenzioni demenziali di questi ultimi tempi di sconvolgimenti generali di questo nostro povero mondo alla deriva totale.

 

Nessun popolo ha il diritto di occupare la terra di un altro popolo se non per portare benessere e civiltà e il Vangelo (come vuole Gesù) rispettando le loro abitudini e culture se non contrastano col bene delle persone, come ad esempio i sacrifici umani offerti agli dei.  Ma adesso purtroppo anche noi Italiani stiamo percorrendo la stessa strada dei Palestinesi con l’invasione degli africani a migliaia che arrivano con prepotenza e odio contro di noi e vantandosi di voler distruggere Roma e innalzare la loro bandiera della mezzaluna sul cupolone, ammazzando tutti coloro che rifiutano di adorare Allah. Forse certe persecuzioni meritate o meno servono per ripulire tutto il marcio accumulato dentro il cuore degli uomini, anche cristiani, che hanno rinnegato Gesù Cristo per i loro interessi, comodità, immoralità, soprusi, inganni, e via dicendo.

 

Signore Gesù vieni in nostro aiuto, vieni presto a liberarci, noi che ti amiamo e combattiamo per te la buona battaglia della fede, della giustizia e dell’amore come tu ci hai insegnato.

 

                                                                               Patrizia Stella