lunedì 19 agosto 2019

SINODO AMAZZONIA. GUARDARE LA REALTA'.


                 SINODO AMAZZONIA. GUARDARE LA REALTA’


Cari amici,

       il prossimo sinodo dell’Amazzonia si presenta di una gravità inaudita tanto che noi, come laici cattolici e desiderosi di mantenerci fedeli alla dottrina perenne della Chiesa come l’ha voluta Gesù Cristo, non possiamo assolutamente sottovalutarlo o minimizzarlo.

        Mi propongo con questo articolo di farvi conoscere i dettagli oscuri anzi tenebrosi di questo Sinodo il cui contenuto è racchiuso in un libro “INSTRUMENTUM LABORIS”, che è stato presentato come grande novità alla stampa lo scorso mese di giugno, attraverso il commento o la critica di persone autorevoli sia nel campo religioso che civile, le quali hanno sentito il dovere di segnalare la pericolosità per la nostra fede di un sinodo del genere. Si tratta dei cardinali Muller e Brandmuller che già si sono distinti per aver partecipato con altri tre cardinali oggi defunti, alla stesura di quel documento inviato a Bergoglio che si chiama “I dubia” che mai ha avuto risposta.
   
   A tale scopo invio il link alla fine di questo commento e vi prego di leggerlo tutto con calma e soprattutto di cliccare anche dove dice “clicca qui”, perché ci sono interventi di altri illustri esperti, quali il prof. Stefano Fontana, già docente di Filosofia nei Licei, conferenziere di alto livello e direttore della rivista di dottrina sociale della chiesa dedicata al martire del comunismo Card. Van Thuan.
  
   lo so che si preferisce parlare di tutta questa crisi, sia pure con lodevole coraggio e fermezza, evitando però di tirare in ballo papa Bergoglio, o presunto tale non si sa, tuttavia credo che sia ora di avere il coraggio di affermare che la situazione terrificante della chiesa attuale, se è da imputare al silenzio colpevole di quasi tutti i cardinali e vescovi, anche del passato, i quali dovranno rendere conto a Dio del loro operato, insomma se è pur vero che la responsabilità non è mai di uno solo, sta di fatto che il disastro ha iniziato ad avanzare con l’elezione di uno solo in particolare, ben identificato anche per la sua posizione al soglio pontificio: Bergoglio.
      
  Dobbiamo però avere la pazienza e la fortezza di passare attraverso la prova finale che sarà l’abominio della desolazione, secondo le profezie, cioè la manipolazione – Dio non voglia - della Santa Eucaristia con la conseguenza della sua invalidità o perfino profanazione o sacrilegio perpetrato proprio dai consacrati nel sacerdozio, non tutti comunque perché molti di loro non cedono a questi compromessi terribili e stanno soffrendo molto e offrendo tutto al Signore nel nascondimento, sperando di non dover subire una persecuzione proprio dai loro confratelli, molti dei quali si dono incattiviti a tal punto da cacciare brutalmente dalla chiesa o dal confessionale chi non manifesta la sua simpatia per papa Bergoglio. Saranno solo intimidazioni però… se l’inizio è questo, dove andremo a finire?
  
     In quest’ora di grande amarezza non solo per la Chiesa ma per tutta l’umanità smarrita e in preda a lotte luciferine dovute essenzialmente al rinnegamento della nostra Fede in Dio Padre, Figlio e Spirito Santo per abbracciare teorie globaliste agnostiche previste dal “Nuovo Ordine Mondiale” e dalla teologia della liberazione, dobbiamo aumentare la virtù della Speranza che tutto questo orrore avrà un senso e un finale glorioso se saremo fedeli nella prova, un finale che ci ha assicurato la Madonna a Fatima: ALLA FINE IL MIO CUORE IMMACOLATO TRIONFERA’.
      
   Stiamo vicini a Gesù e consoliamolo in questo periodo oscuro che si potrebbe paragonare alla sua agonia nell’Orto degli Ulivi partecipata, sia pure in minima parte, anche a ciascuno di noi che gli vogliamo rimanere fedeli. Facciamogli buona compagnia con l’adorazione quotidiana, come ci ha suggerito recentemente il card. Robert Sarah spronandoci a pregare in ginocchio se vogliamo risolvere i problemi, e facciamoci anche noi consolare da Gesù nella ferma speranza che passi presto questo tempo di grande prova per la Chiesa e ritorni il sereno per tutta l’umanità.


                                                             patrizia@patriziastella.com




sabato 6 luglio 2019

Scandalo affidi. Chiediamo una Commissione di inchiesta


12.. SCANDALO AFFIDI. CHIEDIAMO UNA COMMISSIONE DI INCHIESTA

Brava la Meloni a organizzare una forte azione di protesta e di indignazione contro gli affidi in Emilia Romagna.
Fatti abominevoli per i quali è troppo poca la Santa INDIGNAZIONE!! Ormai ci stiamo abituando a tutto, fatti e misfatti che si dovrebbero definire diabolici per la loro intrinseca e studiata perversione. Usare i bambini per rovinare essi stessi e le loro famiglie in modo così malvagio e irreversibile allo scopo di lucrare guadagni indegni oltre che soddisfare inique voglie di gay e lesbiche è azione che solo il diavolo può suscitare. Minimizzare su questi fatti atroci è ancora più grave perché vuol dire che abbiamo perso il limite tra il bene e il male, tra la normalità e la criminalità. Ma se ci vengono perfino a sequestrare i figli con delle falsità... come facciamo a rimanere tranquilli e a non reagire anche con forza e pubblicamente se occorre?

Purtroppo non consola neppure il fatto di dover passare eventualmente attraverso il giudizio di un magistrato perchè abbiamo visto purtroppo che lo strapotere della Magistratura scavalca ormai come fatto scontato, qualunque legge o normativa o Parlamento o Governo o qualunque altro provvedimento o buonsenso, tutte norme alle quali anche la Magistratura si deve attenere perchè i magistrati NON HANNO POTERE ASSOLUTO MA DEVONO APPLICARE LA LEGGE ESISTENTE SENZA INVENTARLA DI SANA PIANTA CON SENTENZE DEL TUTTO SGANCIATE DAL NOSTRO DIRITTO E DALLA NOSTRA COSTITUZIONE, COME PURTROPPO STA AVVENENDO. E COL SILENZIO DI TUTTI!
Viene da chiedersi a che serve votare se poi i vari casi vengono decisi arbitrariamente da un solo giudice, certamente dietro direttive comunque altrettanto inquietanti, il quale ha il potere di scavalcare la democrazia, la legge, la Costituzione e decidere quello che vuole senza alcuna opposizione?

Esempio eclatante il caso famoso della nave olandese di quella capitana Carola che ha infranto tutte le regole civili, penali, nautiche ecc e che si vede non solo assolta DA UN SOLO MAGISTRATO che si arroga il diritto di rappresentare il governo, ma viene quasi beatificata da tutta la sinistra che adesso si dimostra essere palesemente con la malavita e con i potenti del momento, altro che con il popolo e i lavoratori.

Cari amici,
alle volte mi sembrano tutte cose inutili queste della raccolta di firme, visto il mio argomentare qui sopra, tuttavia penso che un'alternativa migliore per ora non c'è, visto anche il periodo estivo di ferie per molti, e allora proviamo anche questo encomiabile sistema della firma proposta da CITIZENGO per far sentire la nostra voce.
Sottoscriviamo la petizione "Scandalo affidi: subito una Commissione d'Inchiesta che faccia luce su questo orrore".  Si tratta di una causa importante e vorrei invitare tutti voi a partecipare a questa campagna e a diffonderla in modo capillare.
Gesù ha detto che chi scandalizza anche uno solo di questi piccoli, meglio sarebbe per lui buttarsi a mare con una macina di pietra al collo. E qui c'è ben di peggio dello scandalo: imbrogli, sotterfugi, plagio, lucro disonesto, avvio alla malavita, sottrazione immotivata di minore alla legittima famiglia e gli esperti di diritto potranno aggiungere altre motivazioni più precise e raccapriccianti
MUOVIAMOCI COMPATTI... L'UNIONE FA LA FORZA E POI CON L'AIUTO DELLA PREGHIERA, POTREBBE DIVENTARE VINCENTE AL CENTO PER CENTO. CE LO CHIEDONO GLI INNOCENTI, CE LO CHIEDONO I NOSTRI FIGLI E NIPOTI, CE LO CHIEDE LA NOSTRA COSCIENZA, MA SOPRATTUTTO CE LO CHIEDE DIO.
Un caro saluto a tutti.
                                                                                                             patrizia@patriziastella.com

sabato 22 giugno 2019

La Messa. Breve ma importante catechesi.


10. LA MESSA. BREVE MA IMPORTANTE CATECHESI

A conclusione del periodo liturgico forte

PREMESSA.
In questo periodo storico di gravissima decadenza generale che ha le sue radici nella crisi spirituale in cui è caduta la Chiesa cattolica, dove sacerdoti e vescovi sono diventati non più Ministri del Sacro ma del mondano, degli affari poco trasparenti, dell’ecologia, dei compromessi, addirittura incitando all’odio contro certi politici non di loro gradimento, tra il silenzio colpevole delle più alte autorità e in oltraggio agli stessi Comandamenti di Dio che dicono di non uccidere, noi fedeli laici cattolici che crediamo e amiamo Gesù Cristo nostro Signore e Salvatore, dobbiamo cercare di non cadere nello sconforto o peggio ancora nella depressione o disperazione spirituale di chi si sente sconfitto e abbandonato dallo stesso Dio, e rimane lì come intontito nell’attesa di qualche evento straordinario.
Noi laici cattolici abbiamo il dovere, sull’esempio dei martiri pronti a dare la vita pur di non rinnegare Gesù Cristo, di aumentare la nostra fede con atti di fiducia nella onnipotenza di questo nostro Signore per ora “silente”, che sta mettendo alla prova la nostra fedeltà attraverso l’oscurità spirituale, attingendo la nostra formazione culturale e spirituale alle fonti limpide e sicure della vera dottrina cattolica perenne, che è l’unica che può soddisfare la nostra sete di verità e di eternità. In particolare vogliamo puntare sul dono per eccellenza mai abbastanza conosciuto e compreso che è la santa Messa, unico vero rimedio efficace contro tutti gli attacchi del demonio.

Pertanto vogliamo offrire con questa breve catechesi, la consapevolezza di quale gioiello inestimabile rappresenti la SANTA MESSA PER IL CRISTIANO, rimandando i lettori ad approfondimenti ben più autorevoli quali ad esempio il “Catechismo della chiesa cattolica” e gli scritti dei nostri due ultimi grandi Papi, San Giovanni Paolo II, con l’Enciclica “Ecclesia de Eucharistia”, e del vivente Papa martire Benedetto XVI con l’esortazione “Sacramentum caritatis” del 2007. Sono veri ricostituenti spirituali, veri fari di luce nella notte, anche se vengono ignorati da chi sventola solo proposte ecologiche come unico rimedio ai mali dell’umanità, la quale sta pagando il suo rifiuto di Dio Padre per essersi inginocchiata davanti agli idoli. Siamo tuttavia certi che il piccolo gregge fedele a Gesù Cristo e alla Chiesa da Lui fondata, può sempre attingere la sua linfa vitale oltre che dai

venerdì 7 giugno 2019



https://youtu.be/qvwlwaEQsX4



Cari amici,

     a conferma della veridicità di quanto affermato con mia lettera precedente sulla gravità della situazione politica italiana, invio questo video di Francesco Amodeo che parla proprio della figura di Mario Draghi e del suo operato contro gli interessi dell'Italia.

                 Si sta avvicinando la festa della Pentecoste e pertanto chiediamo luce allo Spirito Santo perchè illumini le menti e i cuori di chi ci governa sia dal punto di vista civile che religioso,  perchè ricerchino il vero Bene da offrire alle persone, quello materiale-economico per lo Stato, e quello morale-soprannaturale per i ministri consacrati.

                 Sta di fatto che il momento è veramente drammatico, però la preghiera intensa comunitaria, tutta protesa al raggiungimento di un unico fine, che sia il bene delle persone, materiale per il corpo e spirituale per l'anima, non va mai perduta.  Anzi, se è costante e intesa, raggiunge il suo obiettivo meglio di quanto possiamo immaginare.   Coraggio.

                                                                 Patrizia

                                                       

   
                                                                                                                                             



FLASH SULLA SITUAZIONE POLITICA ITALIANA

Analisi fondata sul buon senso attinto da varie fonti di informazione attendibili ma tenute nascoste alla opinione pubblica.
Nonostante i 5stelle siano anni luce dalla visione etica e politica rispetto alla Lega, ci si domanda:
1.     “perché Salvini continua a insistere nel voler RESISTERE fino a scadenza mandato o per lo meno il maggior tempo possibile con questo governo del controsenso?
2.     Perché non accetta invece nuove elezioni politiche sapendo di poter riscuotere, in questo preciso momento storico, un grande successo, magari pensando al tanto auspicato accordo con la destra?

RISPOSTA:
PER IL FATTO CHE ABBIAMO IN AGGUATO UN "DRAGO..." PERICOLOSO camuffato da gran benefattore dell'umanità pronto a subentrare completando l'opera di distruzione degli italiani iniziata da Monti. Ma come? Attraverso la nomina urgente da parte di Mattarella di un GOVERNO TECNICO "PROVVISORIO" sulla scia di quello mortifero di Monti-Fornero, non appena questo governo dia chiari segni di cedimento!

domenica 21 aprile 2019

Via Crucis del Venerdì Santo a Roma.





Che desolazione vedere come si strumentalizza lo stesso Gesù nel momento più toccante della sua Passione per i nostri miseri scopi umani e politici. I poveri!!! Ma quelli li avremo sempre con noi, ha detto Gesù.

MA NOI SIAMO CONVINTI CHE LA PIÙ GRANDE POVERTÀ È NON CONOSCERE CRISTO? Perché ciò che conta innanzitutto è guadagnarsi il Paradiso! Essere poveri, indigenti non garantisce la Vita Eterna!  Non è certo la povertà quello che Gesù vuole da noi, perché Dio ci ha creati per conoscerlo, amarlo e godere delle meraviglie che Lui ha messo a nostra disposizione, e poi goderlo nell’altra vita in Paradiso. Ma se non assolviamo innanzitutto al compito di conoscere e far conoscere Gesù, garanzia anche del nostro benessere su questa terra, non risolveremo nulla.   Perché vivo? Perché tribolo? Perché gioisco? Perchè sono al mondo questi poche decenni? Ecc.

Questa è la causa della vera povertà, l’ignoranza della nostra bella fede cattolica, e se crediamo di risolvere le piaghe sociali con le sole nostre forze ma senza Gesù Cristo, ci avviamo verso un suicidio personale e collettivo di portata catastrofica. Perché "senza di me non potete fare nulla" ha detto Gesù. Chi non è con me, è contro di me... cioè in pratica col diavolo. Che ciascuno decida con chi stare.

Auguro un santo periodo pasquale che dura fino alla Pentecoste, aggrappati alla croce di Gesù nostro amore e nostra speranza e fonte anche del nostro benessere su questa terra, ma secondo i suoi disegni e non secondo i nostri, in pratica accettando assieme alle gioie, anche le tribolazioni e le croci che accompagnano la nostra esistenza su questa terra e soprattutto felici di difendere la propria identità, la Patria, la Famiglia, la Nazione, la vera Fede cattolica come Gesù vuole e non come vorrebbe il mondo senza Dio e senza valori.

Patrizia