venerdì 5 ottobre 2018


14. I NUOVI RITI SATANICI

Satana vuole essere adorato come dio, ma questo non gli basta: vuole sacrifici di ogni tipo e qualità, i più aberranti e dissacratori. Siccome non gli bastano le messe nere dei suoi adepti sempre comunque difficili da organizzare nei luoghi isolati e scomodi, ha escogitato un “sistema capillare a vasto raggio” dentro le città, dentro gli ospedali, dentro le scuole, dentro la chiesa.
L’aborto, l’uccisione degli innocenti, è frutto del suo lavoro diabolico; la distruzione della famiglia a livello ormai planetario, è frutto del suo lavoro diabolico; il gender nelle scuole per rovinare le creature fin da piccoli cosa può essere se non opera diabolica? E così pure la pornografia, l’adulterio ormai scontato, i rapporti non
solo prematrimoniali ma pre-adolescenziali in modo che si scavalca del tutto l’età delle cotte, dell’innamoramento fatto di sogni e di carezze, insomma di tutte quelle tappe della vita di una persona che la aprono al vero amore, all’impegno, alla fedeltà, all’incontro con il compagno della propria vita e solo quello per sempre! L’uomo, la donna nella loro dignità di persone e di figli di Dio stanno per essere distrutti irrimediabilmente.

Ma il “capolavoro” distruttivo e sacrilego per eccellenza Satana lo ha compiuto con una abilità davvero luciferina: corrompere la chiesa dall’interno, soprattutto il clero, a iniziare dai seminari, non solo attraverso una falsa teologia, cosa che richiedeva troppo tempo e fatica, ma attraverso la distruzione di quella virtù che, per quanto non la più importante, comunque certamente la più tenace perché è quella che sorregge tutta la struttura spirituale dell’uomo: LA CASTITA’. E lo ha realizzato nel modo più ignobile e schifoso che esista: attraverso l’omosessualità come una nuova eresia “omoeresia” che coinvolgesse un po’ alla volta tutti i Prelati, si da creare per forza una rete di omertà perché tutti o quasi erano colpevoli e pertanto non potevano più permettersi di fare piazza pulita attorno a loro, pena il ricatto. Anzi, più erano colpevoli, e più venivano premiati.

Questo cedimento della virtù della castità, soprattutto da parte del consacrato e attraverso un peccato contro natura gravissimo che “grida vendetta al cospetto di Dio”, come è la sodomia, comporta anche l’abbattimento dell’altra colonna portante della Chiesa che è l’Eucaristia, perché rende la celebrazione eucaristica, esclusiva del sacerdote, UNA PROFANAZIONE GRAVISSIMA E RIPETUTA, PER TUTTE LE VOLTE QUANTI SONO I SACERDOTI COLPEVOLI CHE CELEBRANO IN TUTTO IL MONDO, PER GIUNTA CONTINUA, COSTANTE, SENZA PENTIMENTO E SENZA CONVERSIONE. Insomma un oceano di iniquità e di peccato. Questa è stata e purtroppo non è ancora finita, la vittoria di Satana più terrificante perché sta colpendo a macchia d’olio come un’epidemia mondiale tutto il pianeta: l’uomo nella sua dignità di persona, la Chiesa, i Sacramenti, gli innocenti…  

E anche se la Messa per i fedeli è sempre valida, come sostiene la dottrina cattolica, anche se celebrata da un sacerdote in peccato mortale, tuttavia per chi celebra in certe condizioni di peccato grave, la Messa diventa sacrilega e costui si gioca l’anima, come pure quei fedeli che si accostano alla Comunione in peccato mortale. Il panorama non è certo consolante, ma sappiamo che A DIO NON LA SI FA. E TUTTI COSTORO, PRETI, LAICI, GIOVANI, ANZIANI, CATTOLICI O NO, SE NON SI CONVERTONO, FINISCONO NEGLI ARTIGLI DEL DIAVOLO NEL PIU’ PROFONDO DELL’INFERNO PER TUTTA L’ETERNITA’.

Per aver avuto che cosa? Sesso, denaro, poteri! A che servono? Neppure la gioia di un vero amore come accade fra uomo e donna, ma solo sfoghi bestiali o peggio, dei quali neppure le bestie si degnerebbero, con gravissimi pericoli anche per la salute, in quanto, come afferma la dott.ssa Silvana de Mari, l’apparato ano-rettale non è certo indicato per i rapporti genitali perché non è stato fatto per questo e pertanto si lacera molto facilmente e spesso irrimediabilmente, provocando infezioni e malattie a sé e agli altri. Talmente sono ripugnanti anche alla natura stessa queste azioni che quasi sempre richiedono per essere compiute l’uso di droghe e l’invocazione di presenze esoteriche che già da questa terra cominciano a impossessarsi delle loro vittime nell’attesa di portarle all’inferno. Panorama affatto edificante.

Che possiamo fare noi cattolici, piccolo gregge di Dio, davanti a questo dilagare di un male così travolgente che sembra abbia trascinato con sé perfino la nostra fede e speranza in Gesù, nostro Salvatore? SE ANCHE TUTTO IL MONDO TRADISSE NOSTRO SIGNORE GESÙ CRISTO, EGLI CONTINUA AD ESSERE NOSTRO DIO E SALVATORE, E ANCHE NOSTRO GIUDICE ALLA FINE DELLA NOSTRA VITA QUANDO CI PRESENTEREMO DAVANTIA LUI. E’ IN LUI CHE DOBBIAMO CONFIDARE SEMPRE E COMUNQUE E ABBIAMO ANCORA TRA NOI IL VERO PAPA, CHE E’ BENEDETTO XVI, UNICO VERO PUNTO DI RIFERIMENTO PER I CATTOLICI DI TUTTO IL MONDO. 

Perseverare nella prosperità è di tutti, perseverare nella prova è dei santi, degli eroi. Prima o poi la tempesta si calmerà e vedremo orizzonti sconfinati di rara bellezza. Dio non inganna mai i suoi figli devoti e guerrieri.


patrizia@patriziastella.com

Nessun commento:

Posta un commento